Opel (album)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Opel
Artista Syd Barrett
Tipo album Raccolta
Pubblicazione 17 ottobre 1988
Durata 45 min : 08 s
Dischi 1
Tracce 14
Genere Folk psichedelico
Rock psichedelico
Blues rock
Rock sperimentale
Etichetta Harvest/EMI Regno Unito
SHSP 4126
Capitol Stati Uniti
Produttore Syd Barrett
Peter Jenner
Malcolm Jones
Roger Waters
David Gilmour
Registrazione maggio 1968 - luglio 1970 negli Abbey Road Studios
Formati Vinile
CD
Cassetta
Syd Barrett - cronologia
Album precedente
(1987)

Opel è un album compilation di brani musicali del cantautore britannico Syd Barrett, realizzata e pubblicata nel 1988. Contiene brani registrati nel periodo tra il 1968 e il 1970, nonché alcune versioni alternative di brani appartenenti agli album The Madcap Laughs e Barrett.

Il disco[modifica | modifica sorgente]

Origine e storia[modifica | modifica sorgente]

L'album avrebbe originariamente dovuto includere due canzoni inedite dei Pink Floyd scritte da Barrett quando ancora era nel gruppo: Scream Thy Last Scream e Vegetable Man, che erano state remixate appositamente da Jones per l'inclusione nell'album.[1] Tuttavia, la pubblicazione delle due tracce venne proibita dai Pink Floyd stessi,[2] e i due brani rimasero fuori dalla compilation all'ultimo momento, eliminati per motivi ufficialmente imprecisati, anche se alcuni hanno ipotizzato che le due canzoni mostrassero in maniera troppo impietosa il deterioramento progressivo delle facoltà mentali di Barrett.[3]

Anche se Barrett pubblicò soltanto due album solisti, The Madcap Laughs e Barrett, entrambi nel 1970, era ben nota l'esistenza di parecchio materiale inedito del musicista. Dopo anni di richieste da parte dei fan, Opel venne compilato e pubblicato. Barrett, ormai lontano dal mondo dell'industria musicale da quasi vent'anni, approvò la raccolta.[4]

Pubblicazione e contenuti[modifica | modifica sorgente]

Opel consiste di otto tracce precedentemente inedite e di versioni alternative di 6 brani già pubblicati in precedenza sugli album solisti di Barrett dopo la fuoriuscita dai Pink Floyd. Il disco venne pubblicato dietro costante pressione del produttore di The Madcap Laughs, Malcolm Jones.[1] Nonostante le recensioni favorevoli, l'album fallì l'entrata in classifica.

Opel (insieme a The Madcap Laughs e Barrett) è stato ristampato in formato CD sia indipendentemente che come parte del cofanetto box set Crazy Diamond.

Tracce[modifica | modifica sorgente]

  • Tutti i brani sono opera di Syd Barrett.
Lato 1
  1. Opel - 6:26
  2. Clowns and Jugglers - 3:27
  3. Rats - 3:00
  4. Golden Hair (vocal) - 1:44
  5. Dolly Rocker - 3:01
  6. Word Song - 3:19
  7. Wined and Dined - 3:03
Lato 2
  1. Swan Lee (Silas Lang) - 3:13
  2. Birdie Hop - 2:30
  3. Let's Split - 2:23
  4. Lanky (Part one) - 5:32
  5. Wouldn't You Miss Me (Dark Globe) - 3:00
  6. Milky Way - 3:07
  7. Golden Hair (instrumental) - 1:56

Tracce bonus aggiunte all'edizione rimasterizzata nel 1993[modifica | modifica sorgente]

  1. Gigolo Aunt (Take 9) - 4:02
  2. It is Obvious (Take 3) - 3:44
  3. It is Obvious (Take 5) - 3:06
  4. Clown and Jugglers (Take 1) - 3:33
  5. Late Night (Take 2) - 3:19
  6. Effervescing Elephant (Take 2) - 1:28

Formazione[modifica | modifica sorgente]

Artista
Altri musicisti
Personale tecnico

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b Julian Palacios, Syd Barrett & Pink Floyd: Dark Globe, Rev., London, Plexus, 2010, p. 419, ISBN 0-85965-431-1.
  2. ^ Toby Manning, The Rough Guide to Pink Floyd, 1st, London, Rough Guides, 2006, p. 186, ISBN 1-84353-575-0.
  3. ^ Nicholas Schaffner, Saucerful of Secrets: The Pink Floyd Odyssey, New, London, Helter Skelter, 2005, pp. 116–117, ISBN 1-905139-09-8.
  4. ^ New Home for Barrett in Record Collector Magazine, April 1993.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Rock Portale Rock: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Rock