Onomasiologia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

L'onomasiologia è una branca della lessicologia che studia i significanti partendo da un concetto esistente nella realtà, il significato (astratto o concreto); risponde alla domanda "come viene espresso X?", dove X è un concetto (per esempio un'idea, un oggetto, una qualità, un'attività), e le risposte alla domanda sono le diverse parole usate per esprimere tale concetto.

Questo studio è utile per gli studiosi di linguistica che osservano il mutamento delle parole (i Signifiants di de Saussure) nel tempo [1]. In questo caso si parla di "onomasiologia diacronica", ma esiste anche un'"onomasiologia sincronica", che si occupa di studiare come diversi termini possano riferirsi ad uno stesso concetto nello stesso periodo temporale.

Viene spesso studiata assieme alla semasiologia, che percorre lo stesso percorso concettuale in direzione opposta.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Si veda anche a questo proposito la linguistica storica, o glottologia.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

linguistica Portale Linguistica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di linguistica