Onna

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Onna
frazione
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Regione-Abruzzo-Stemma.svg Abruzzo
Provincia Provincia dell'Aquila-Stemma.png L'Aquila
Comune L'Aquila-Stemma.png L'Aquila
Territorio
Coordinate 42°19′44″N 13°28′50″E / 42.328889°N 13.480556°E42.328889; 13.480556 (Onna)Coordinate: 42°19′44″N 13°28′50″E / 42.328889°N 13.480556°E42.328889; 13.480556 (Onna)
Altitudine 581 m s.l.m.
Abitanti 380[1]
Altre informazioni
Cod. postale 67020
Prefisso 0862
Fuso orario UTC+1
Nome abitanti onnesi
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Onna
Onna, 2010
Onna, 2010

Onna è una frazione di 380 abitanti situata a 581 m s.l.m. nel comune dell'Aquila.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il nome di Onna si fa derivare dal latino unda (= onda), che rispecchia le caratteristiche geografiche fisiche della frazione, situata nei pressi della confluenza tra la Vera e l'Aterno. La località è menzionata per la prima volta nel 1178, come Villa Unda, in una bolla papale di Clemente III, e in seguito ancora in una bolla di Innocenzo III nel 1204.

Le origini abitative più remote risalgono all'epoca preromana: a lungo non è possibile parlare di un autentico centro urbano, e d'altra parte si trattava di un sito completamente indifeso. Ma la fertilità della conca aquilana rese vantaggioso lo sfruttamento del terreno e quindi l'insediamento dell'uomo. Analoga situazione seguì alla conquista romana.

La formazione del paese vero e proprio appare databile intorno al 1000. In generale, comunque, Onna non ebbe storia indipendente dal resto del territorio rurale dell'Aquila, e restò feudo di vari signori succedutisi dal medioevo all'età moderna.

Pertinente al comune di Paganica, alla soppressione di questo nel 1927 venne aggregata definitivamente a quello dell'Aquila. Nella seconda guerra mondiale si ricorda in Onna un fatto tragico: gli occupanti nazisti trucidarono qui 17 persone, tra il 2 e l'11 giugno 1944.

Il 6 aprile 2009, il terremoto che colpì l'Aquilano devastò Onna. La maggior parte degli edifici del paese crollarono e quelli rimasti in piedi subirono comunque danni gravissimi. A Onna vi fu anche il maggior numero di vittime umane del terremoto, 41 circa il 15% della popolazione. Perirono anche animali a causa del crollo di più stalle del paese. Oltre ai soccorsi per le vittime umane, furono inviati dei contadini per aiutare gli animali che si trovavano in stalle scampate alla catastrofe.

Dopo il sisma, in ricordo della strage del 1944, l'ambasciatore della Repubblica Federale di Germania in Italia Michael Steiner ha promesso il contributo della Germania alla ricostruzione della frazione[2][3]. Il terremoto ha portato anche ad un effetto paradossale: il 25 aprile 2009 ci si è accorti che dalla chiesa di San Pietro Apostolo, venuto meno l'intonaco che li copriva, erano emersi frammenti di preziosi affreschi del Quattrocento[4].

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ In assenza di dati ufficiali precisi si è fatto riferimento alla popolazione della parrocchia, reperibile nel sito della CEI.
  2. ^ La Germania ricostruirà la chiesa di Onna in Rai News 24, 10 aprile 2009. URL consultato il 16 aprile 2009.
  3. ^ Francesco Bianco, «La Germania s’impegna a ricostruire Onna per cancellare il passato»La Discussione, 14 giugno 2009. URL consultato l'8 gennaio 2010.
  4. ^ Terremoto: da macerie riemergono affreschi del '400 in L'Unità, ANSA, 25 aprile 2009. URL consultato il 27 aprile 2009.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Abruzzo Portale Abruzzo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Abruzzo