Onciale 088

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Onciale 088
Manoscritto del Nuovo Testamento
Testo Prima lettera ai Corinzi †; Lettera a Tito
Datazione V/VI secolo
Scrittura greca
Conservazione Biblioteca nazionale russa
Dimensione 235 x 200 mm
Tipo testuale Tipo testuale alessandrino
Categoria II

L'Onciale 088 (numerazione Gregory-Aland; "α 1021" nella numerazione Soden),[1] è un codice manoscritto onciale del Nuovo Testamento, in lingua greca, datato paleograficamente al V secolo o VI secolo.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Il codice è composto da 2 spessi fogli di pergamena di 235 per 200 mm, contenenti brani il testo della Prima lettera ai Corinzi (15,53-16,9), e della Lettera a Tito (1,1-13). Il testo è su due colonne per pagina e 24 linee per colonna.[2]

Si tratta di un palinsesto, il testo fu cancellato nel X secolo.[2]

Critica testuale[modifica | modifica wikitesto]

Il testo del codice è rappresentativo del tipo testuale alessandrino. Kurt Aland lo ha collocato nella Categoria II.[2]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il codice è conservato alla Biblioteca nazionale russa (Gr. 6, II) a San Pietroburgo.[3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Caspar René Gregory, Die griechischen Handschriften des Neuen Testament, Leipzig, J. C. Hinrichs'sche Buchhandlung, 1908, p. 39.
  2. ^ a b c Kurt und Barbara Aland, Der Text des Neuen Testaments. Einführung in die wissenschaftlichen Ausgaben sowie in Theorie und Praxis der modernen Textkritik, Deutsche Bibelgesellschaft, Stuttgart 1981, p. 127. ISBN 3-438-06011-6.
  3. ^ Liste Handschriften, Münster, Institute for New Testament Textual Research. URL consultato il 25 settembre 2011.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Constantin von Tischendorf, Monumenta sacra inedita I, pp. XII-XIX, 45-48.
  • Kurt Treu, Die Griechischen Handschriften des Neuen Testaments in der USSR; eine systematische Auswertung des Texthandschriften in Leningrad, Moskau, Kiev, Odessa, Tbilisi und Erevan, T & U 91 (Berlin: 1966), pp. 20-21.