On the Run

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
On the Run
Artista Pink Floyd
Autore/i Gilmour, Waters
Genere Rock progressivo
Rock sperimentale
Edito da EMI
Pubblicazione
Incisione The Dark Side of the Moon
Data 1973
Durata 3'35"
The Dark Side of the Moon – tracce
Precedente
Successiva

On the Run è un brano dei Pink Floyd, archetipico dei generi sperimentale e psichedelico. Le peculiarità del pezzo sono il ritmo semplice, ripetuto in tutto il brano, veloce e ipnotico. Il brano è pieno di suoni indefiniti coperti da altri, riecheggianti e inusuali.

Ispirazioni del brano[modifica | modifica sorgente]

La canzone si ispira, come The Great Gig in the Sky, alla paura dei Pink Floyd di morire durante uno dei viaggi in treno e in aereo che il gruppo deve fare per spostarsi durante i tour.

Composizione[modifica | modifica sorgente]

Inizialmente il brano era una lunga improvvisazione basata su pochi accordi -come si può capire dai bootleg dell'epoca dei concerti dei Pink Floyd, ma il tutto non soddisfaceva Roger Waters, che ideò il loop che è la base del brano, come racconta Gilmour nel documentario relativo all'album. La canzone, terza traccia dell'album The Dark Side of the Moon del 1973, si arricchì e divenne interamente costituita da effetti provenienti da un aeroporto. I passi che si sentono nel brano sono quelli di Peter James, assistente di Alan Parsons, ingegnere del suono dell'album.

Nel brano si sente anche un treno in movimento, ottenuto da David Gilmour con la chitarra.

Nella parte finale del brano si sente l'aereo che cade e un uomo che ride (durante i concerti un modellino di aereo si schianta sul palco in concomitanza con questa parte del brano).

Tecniche musicali utilizzate nel brano[modifica | modifica sorgente]

Il collage sonoro del brano è stato fatto con un sintetizzatore EMS Synthi AKS da Gilmour e Waters. Per rendere meglio la partenza dell'aereo, viene utilizzato il Circle surround nella versione stereo del brano, infatti sembra che l'aereo parta da una direzione e si muova verso quella opposta, passando gradualmente il rombo del motore da un orecchio all'altro e sparendo poi sullo sfondo. Il suono del treno in movimento è eseguito da Gilmour con la chitarra.

Parti parlate[modifica | modifica sorgente]

A circa 27 secondi dall'inizio della canzone si sente la voce di una donna su degli altoparlanti, come se fosse un sistema di filodiffusione di un aeroporto. La voce dice:

(EN)
« Have your baggage and passport ready and then follow the green line to customs and immigration. BA flight 215 to Rome, Cairo and Lagos. »
(IT)
« Tenete pronti i vostri bagagli e i vostri passaporti e seguite la linea verde fino alla dogana e all'ufficio immigrazione. Volo BA 215 per Roma, Il Cairo e Lagos »

.

Ad un 1 minuto e 54 secondi dall'inizio si sente un'altra voce, questa volta di Roger "The Hat" Manifold, il manager per le tournée dei Pink Floyd, che esclama:

(EN)
« Live for today, gone tomorrow. That's me »
(IT)
« Cogli l'attimo, il domani non esiste. Sono fatto così. »

poi ride.

Altre versioni[modifica | modifica sorgente]

rock progressivo Portale Rock progressivo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di rock progressivo