On Through the Night

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
On Through the Night

Artista Def Leppard
Tipo album Studio
Pubblicazione 14 marzo 1980
Durata 44 min : 07 s
Dischi 1
Tracce 11
Genere Heavy metal
NWOBHM
Etichetta Mercury Records
Produttore Tom Allom
Registrazione dicembre 1979 - Startling Studios,
Ascot, Berkshire
Certificazioni
Dischi di platino Canada Canada[1]
(Vendite: 80.000+)
Stati Uniti Stati Uniti[2]
(Vendite: 1.000.000+)
Def Leppard - cronologia
Album precedente
Album successivo
(1981)
Recensioni professionali
Recensione Giudizio
Allmusic[3] 3.5/5 stelle
Sputnikmusic[4] 3/5 stelle
Rolling Stone[5] (favorevole)

On Through the Night è il primo album in studio del gruppo hard & heavy britannico Def Leppard, pubblicato il 14 marzo 1980 dalla Mercury Records. Si posizionò alla #51 della Billboard 200 negli Stati Uniti[6] e alla #15 della UK Singles Chart nel Regno Unito[7]. L'album contiene versioni ri-registrate di Rocks Off e Overture, tracce prese da The Def Leppard E.P., il primo lavoro prodotto indipendentemente dalla band. L'album è stato certificato disco di platino negli Stati Uniti il 9 maggio 1989[2].

Nella sesta traccia dell'album, When the Walls Came Tumbling Down, può essere ascoltata la voce di Dave Cousins, leader degli Strawbs. Cousins non presta alcuna armonia vocale, ma legge semplicemente un racconto malinconico che funge da intro della traccia. La sua voce si presta bene allo stato d'animo del verso.

Wasted, Rock Brigade (insieme a When the Walls Came Tumbling Down) e Hello America sono stati pubblicati come singoli. Tuttavia, la versione di Wasted che appare sul singolo è una registrazione diversa da quella dell'album, così come il suo lato B, Hello America. L'album è stato prodotto da Tom Allom.

Critica[modifica | modifica sorgente]

Il primo album dei Def Leppard è stato accolto positivamente. Steve Huey di Allmusic ha osservato come On Through the Night li abbia posti come "uno dei gruppi protagonisti della New Wave of British Heavy Metal". Ha anche definito l'album come "una collezione di inni hard rock di classe operaia, impreziositi da grandi ganci scintillanti di glam rock". Ha poi però aggiunto che "può peccare della produzione dettagliata e del songwriting più 'pop-oriented' degli album successivi', ma ha concluso che "alcuni fan dei Leppard preferiscono questo sound"[3]. Un membro del personale di Sputnikmusic ha osservato come "l'immagine di uomini comuni della classe media" del movimento "New Wave of British Heavy Metal" abbia "in parte contribuito a rendere i Def Leppard uno dei [suoi] leader". Ha anche affermato che l'ambizione della band "non avrebbe mai permesso [loro] di essere etichettati in un solo genere", ma ha concluso che l'album "può essere classificato in più categorie, in quanto gli elementi più superficiali che si appellano al mainstream possono inizialmente distrarre alcuni ascoltatori da ciò che è in realtà una performance incredibilmente stretta, musicalmente e vocalmente"[4]. David Fricke di Rolling Stone ha giudicato favorevolmente l'album, spiegando che il gruppo "non solo ha avuto rispetto gli 'anziani', ma ha anche preso spunto dai suoi coetanei New Wave". Ha anche lodato l'affiatamento dei chitarristi Pete Willis e Steve Clark e la performance vocale del cantante Joe Elliott. Ha concluso definendo l'album come "terribilmente impressionante per una band al debutto su disco"[5].

Tracce[modifica | modifica sorgente]

  1. Rock Brigade – 3:09 (Rick Savage, Steve Clark, Joe Elliott)
  2. Hello America – 3:28 (Savage, Clark, Elliott)
  3. Sorrow Is a Woman – 3:55 (Savage, Clark, Pete Willis, Elliott)
  4. It Could Be You – 2:34 (Willis, Elliott)
  5. Satellite – 4:28 (Willis, Elliott)
  6. When the Walls Came Tumbling Down – 4:45 (Clark, Elliott, Andrew Smith)
  7. Wasted – 3:45 (Clark, Elliott)
  8. Rocks Off – 3:44 (Willis, Savage, Clark, Elliott)
  9. It Don't Matter – 3:21 (Willis, Elliott, Clark)
  10. Answer to the Master – 3:14 (Willis, Elliott, Clark)
  11. Overture – 7:44 (Savage, Clark, Willis, Elliott)

Durata totale: 44:07

Classifiche[modifica | modifica sorgente]

Album
Classifica Posizione
Australia (ARIA Charts)[8][9] 98
Regno Unito (UK Albums Chart)[10] 15
Stati Uniti (Billboard 200)[11] 51
Singoli
Anno Singolo Classifica Posizione
1979 Wasted Regno Unito (UK Singles Chart) 61
1980 Rock Brigade Stati Uniti (Billboard Hot 100)[12]
1980 Hello America Regno Unito (UK Singles Chart) 45

Formazione[modifica | modifica sorgente]

Altri musicisti
Produttori

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ CRIA Certifications, Canadian Recording Industry Association. URL consultato il 24 giugno 2008.
  2. ^ a b RIAA Certifications, Recording Industry Association of America. URL consultato il 24 giugno 2008.
  3. ^ a b (EN) On Through the Night - Def Leppard in Allmusic, All Media Network. URL consultato il 4 August 2011.
  4. ^ a b Def Leppard - On Through the Night (staff review), Sputnikmusic.com, 22 dicembre 2008. URL consultato il 4 agosto 2011.
  5. ^ a b Fricke, David, On Through the Night by Def Leppard in Rolling Stone, Wenner Media, 26 giugno 1980. URL consultato il 4 agosto 2011.
  6. ^ Allmusic (Def Leppard charts and awards) Billboard albums.
  7. ^ Def Leppard chart stats.
  8. ^ Australian Album Chart, australian-charts.com. URL consultato il 24 giugno 2008.
  9. ^ ARIA Chart Report Archive, ARIA via Pandora Archive. URL consultato l'11 febbraio 2010.
  10. ^ British Album/Single Chart, Chart Stats. URL consultato il 24 giugno 2008.
  11. ^ Artist Chart History - Def Leppard, Billboard. URL consultato il 19 febbraio 2008.
  12. ^ DEF LEPPARD | Discography | Rockdetector
Metal Portale Metal: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Metal