Omomyidae

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Omomyidae
Anaptomorphus-descent-primates.jpg
Tarsius syrichta
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Subphylum Vertebrata
Classe Mammalia
Superordine Euarchontoglires
(clade) Euarchonta
Ordine Primates
Sottordine Haplorrhini
Infraordine Tarsiiformes
Famiglia Omomyidae
Sottofamiglie

Omomyidae è una famiglia di aplorrini estinti evolutasi fra i 55 ed i 34 milioni di anni fa, durante l'Eocene. Resti fossili di appartenenti a questa famiglia sono stati ritrovati in Nord America, Eurasia e forse anche Africa, il che ne fa assieme agli adapidi gli unici primati viventi nei continenti olartici.

Questi animali possedevano grandi orbite oculari, un muso corto con piccole arcate dentali e senza premolari anteriori, piccole dimensioni (peso dell'animale vivo stimato a meno di mezzo chilogrammo) e chiostra dentaria tipica di chi ha una dieta insettivora e frugivora.
A partire dal tardo Eocene, in Nord America cominciarono ad evolversi omomidi di maggiori dimensioni (oltre 1 kg di peso) con dieta prettamente erbivora, mentre altre specie svilupparono probabilmente abitudini diurne (come si può evincere dalla diminuzione di dimensioni delle orbite oculari).
Le mani avevano dita allungate e pollici opponibili ed erano dotate di unghie anziché artigli. Dall'analisi delle ossa postcraniali si può supporre che questi animali avevano abitudini arboricole, con alcune specie in cui la tibia e la fibula erano fuse come negli attuali tarsi, ad indicare abitudini saltatorie piuttosto che scalatorie.

Tassonomia[modifica | modifica sorgente]

La sistematica degli omomidi è piuttosto controversa: le attuali correnti di pensiero li vorrebbero piazzati come aplorrini primitivi, come tarsiformi primitivi od ancora al di fuori degli aplorrini, come gruppo primitivo legato agli adapidi.
In effetti, questi animali mancano di molte specializzazioni ossee tipiche degli aplorrini.

La famiglia viene così divisa:

Evoluzione[modifica | modifica sorgente]

Dagli Omomyidae si è probabilmente evoluto l'attuale Tarsio, al quale somigliano in quanto hanno le ampie orbite frontalizzate, segno evidente di adattamento alla vita notturna, e il muso più corto, segno di una riduzione della regione olfattiva.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

mammiferi Portale Mammiferi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mammiferi