Omologia (biologia)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Si dicono omologhi tra loro organi di specie diverse derivanti dalla stessa porzione dell'embrione.

Normalmente si può riconoscere l'omologia di organi di organismi dello stesso phylum. Solo strutture particolari sono certamente omologhe in organismi filogeneticamente più lontani (es. canale digerente).

Più in generale, si dicono omologhi tra loro organi che hanno la stessa origine ma svolgono funzioni diverse, come la pinna di un pesce e la gamba di un gatto, o l'ala di un uccello e il braccio di un uomo. (Si dicono invece analoghi organi che svolgono la stessa funzione ma provengono da origine diversa, come le ali di uccelli e insetti).