Omicron Velorum

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Omicron Velorum
Mappa della costellazione delle VeleMappa della costellazione delle Vele
Classificazione bianco-azzurra nella
sequenza principale
Classe spettrale B3IV C ~
Tipo di variabile Beta Cephei
Distanza dal Sole 495 anni luce
Costellazione Vele
Redshift 0,000054 ± 0,000003
Coordinate
(all'epoca J2000.0)
Ascensione retta 08h 40m 17,5854s
Declinazione -52° 55′ 18,794″
Lat. galattica 270,2507°
Long. galattica -06,8002°
Dati fisici
Raggio medio 7,1[1] R
Massa
Età stimata 40 milioni di anni
Dati osservativi
Magnitudine app. 3,63
Magnitudine ass. -2,28
Parallasse 6,59 ± 0,51 mas
Moto proprio AR: -24,62 ± 0,56 mas/anno
Dec: 35,09 ± 0,46 mas/anno
Velocità radiale 16,1 ± 0,9 km/s
Nomenclature alternative
CSV 6651, IC 2391 20, TD1 12932, FK5 1227, IRAS 08388-5244, TYC 8569-4018-1, CEL 2762, GC 11943, JP11 4476, UBV 8405, GCRV 5733, 2MASS J08401759-5255190, UBV M 38705, N30 2027, USNO -B1.0 0370-00131488, GSC 08569-04018, PPM 337127, uvby98 323910020 V, HD 74195, ROT 1365, VXR HRI 5, HIC 42536, SACS 190, [B10] 2325, CPC 19 3070, HIP 42536, SAO 236164, CPD -52 1583, HR 3447

Omicron Velorum (ο Vel / ο Velorum) è una stella bianco-azzurra nella sequenza principale di magnitudine 3,63 situata nella costellazione delle Vele, al centro di un ammasso stellare. La distanza è stimata sui 495 anni luce dal sistema solare.

Osservazione[modifica | modifica sorgente]

Si tratta di una stella situata nell'emisfero australe celeste, posta al centro del brillante ammasso aperto IC 2391, ben visibile anche ad occhio nudo, di cui costituisce l'astro più brillante. La sua posizione è fortemente australe e ciò comporta che la stella sia osservabile prevalentemente dall'emisfero sud, dove si presenta circumpolare anche da gran parte delle regioni temperate; dall'emisfero nord la sua visibilità è invece limitata alle regioni temperate inferiori e alla fascia tropicale. Essendo di magnitudine 3,6, la si può osservare anche dai piccoli centri urbani senza difficoltà, sebbene un cielo non eccessivamente inquinato sia maggiormente indicato per la sua individuazione.

Il periodo migliore per la sua osservazione nel cielo serale ricade nei mesi compresi fra dicembre e maggio; nell'emisfero sud è visibile anche all'inizio dell'inverno, grazie alla declinazione australe della stella, mentre nell'emisfero nord può essere osservata in particolare durante i mesi della tarda estate boreale.

Caratteristiche fisiche[modifica | modifica sorgente]

La stella è una bianco-azzurra nella sequenza principale; ha una massa 7 volte quella solare e possiede una magnitudine assoluta di -2,28. La sua velocità radiale positiva indica che la stella si sta allontanando dal sistema solare. È inoltre una stella variabile appartenente al tipo Beta Cephei, che oscilla fra le magnitudini 3,56 e 3,67 in circa 3 ore e 7 minuti.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Pasinetti Fracassini, L. E. et al., Catalogue of Apparent Diameters and Absolute Radii of Stars (CADARS) - Third edition - Comments and statistics in Astronomy and Astrophysics, vol. 367, febbraio 2001), pp. 521–524.arΧiv:astro-ph/0012289

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

stelle Portale Stelle: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di stelle e costellazioni