Omicron1 Cygni

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Omicron1 Cygni
La Costellazione del CignoLa Costellazione del Cigno
Classificazione stella binaria (gigante brillante arancione + subgigante blu)
Classe spettrale K2II/B3V-B3IV
Tipo di variabile variabile Algol
Distanza dal Sole 600 anni luce circa
Costellazione Cigno
Coordinate
(all'epoca J2000.0)
Ascensione retta 20h 13m 37,90s
Declinazione +46° 46′ 28,9″
Lat. galattica 82.6757°[1]
Long. galattica +06.7768° [1]
Dati fisici
Raggio medio 100-120 /5,2 R
Massa
4-6 / 6-7 M
Periodo di rotazione <25 km/s (variabile)[2]
Temperatura
superficiale
3900/? K (media)
Dati osservativi
Magnitudine app. +3,96 (combinata)
Magnitudine ass. -4,29 (combinata)
Velocità radiale -6,9 km/s
Nomenclature alternative
31 Cygni; HD 192577 ; HIP 99675 ; HR 7735; SAO 49337 [1]

Omicron1 Cygni (ο1 Cygni, ο1 Cyg/31 Cygni, 31 Cyg/V695 Cygni[2]) è un sistema stellare della costellazione del Cigno distante circa 600 anni luce dal sistema solare[3].

Osservazione[modifica | modifica sorgente]

30 (a destra) e 31 Cygni (a sinistra). Le due stelle compongono la binaria visuale indicata come ο Cygni. Appena sotto 31 Cygni si può osservare inoltre la stella HD 192579.

La sua posizione è fortemente boreale e ciò comporta che la stella sia osservabile prevalentemente dall'emisfero nord, dove si presenta circumpolare anche da gran parte delle regioni temperate; dall'emisfero sud la sua visibilità è invece limitata alle regioni temperate inferiori e alla fascia tropicale. Essendo di magnitudine +3,96, la si può osservare anche dai piccoli centri urbani senza difficoltà, sebbene un cielo non eccessivamente inquinato sia maggiormente indicato per la sua individuazione.

Il periodo migliore per la sua osservazione nel cielo serale ricade nei mesi compresi fra fine giugno e novembre; nell'emisfero nord è visibile anche per tutto l'autunno, grazie alla declinazione boreale della stella, mentre nell'emisfero sud può essere osservata in particolare durante i mesi del tardo inverno australe.

Per risolvere le componenti basta anche un potente binocolo: in realtà, la stella blu brillante a destra, 30 Cygni, non fa parte del sistema, essendo solo prospetticamente vicina a 31 Cygni: il sistema vero e proprio è composto da quest'ultima e da una stella di 4a magnitudine posta molto vicina alla primaria.

Caratteristiche fisiche del sistema[modifica | modifica sorgente]

ο1 Cygni è una binaria ad eclisse del tipo Algol formata da due componenti:

Dato che secondo le teorie evolutive le stelle di maggior massa evolvono più rapidamente di quelle di minor massa, e che è evidente che la gigante arancione è in uno stato evolutivo più avanzato, la sua minor massa attuale si deve ad un'enorme perdita di massa stellare nel corso della sua esistenza, lo stesso che è avvenuto per il sistema di Algol, il prototipo delle binarie a eclisse[3].

31 Cygni A è a sua volta un complesso sistema stellare, senza tuttavia che esistano legami fisici tra le componenti ( probabilmente sono tutte doppie ottiche): la componente Aa-B è separata dalla primaria da 36,6"; la componente Aa-C da 107"[5], mentre le componenti Aa-D e Aa-F rispettivamente da 337,5" e da 43,2"[2].

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c Omicron1 Cygni Cygni (SIMBAD)
  2. ^ a b c d e Omicron1 Cygni (The Bright Star Catalogue)
  3. ^ a b c d Omicron-1 Cygni (Stars, Jim Kaler)
  4. ^ (EN) Eaton, Joel A., 31 Cygni: The B star and the wind in Astronomical Journal, vol. 106, n. 5, 1993, pp. 2081-2095. DOI:10.1086/116787. URL consultato il 29 agosto 2012.
  5. ^ Piero Bianucci, Stella per stella. Guida turistica dell'universo, Firenze, Giunti, 1997. ISBN 88-09-21226-6.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

stelle Portale Stelle: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di stelle e costellazioni