Omar al-Hariri

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Curly Brackets.svg
A questa voce o sezione va aggiunto il template sinottico {{Infobox militare}}
Per favore, aggiungi e riempi opportunamente il template e poi rimuovi questo avviso.
Per le altre pagine a cui aggiungere questo template, vedi la relativa categoria.

ʿOmar al-Ḥarīrī (in arabo: ﻋﻤﺮ ﺍﻟﺤﺮﻳﺮﻱ; 1944) è un militare e politico libico.

Il gen. ʿOmar al-Mukhtār al-Ḥarīrī al-ʿUbaydī - nato in un imprecisato giorno del 1944 all'interno della tribù degli al-ʿUbaydāt, nella zona del Gebel el-Achdar, nella Libia orientale (Cirenaica)[1] - è un alto ufficiale libico componente del Consiglio nazionale di transizione della Libia, che lo ha designato nel marzo del 2011 ministro degli Affari militari.[2] Ha quindi il comando del Esercito Nazionale di Liberazione Libico e della Libera aeronautica militare libica.

Al-Ḥarīrī ha partecipato al colpo di Stato militare - in quanto appartenente ai "Liberi Ufficiali Unionisti (in arabo: الضباط الوحدويين الأحرار , al-Ḍubbāṭ al-waḥdawiyyīn al-aḥrār) - che nel 1969 ha condotto alla fine della monarchia senussita e che insediò come suo più autorevole esponente l'allora ventinovenne capitano Mu'ammar Gheddafi, trasformatosi progressivamente, nell'arco di 42 anni di potere, da "uomo forte" a vero e proprio dittatore.

Al-Ḥarīrī tentò di realizzare nel 1975 un complotto per rovesciare Gheddafi ma il piano fu scoperto e 300 persone furono arrestate e quattro di loro uccise nel corso degli interrogatori. Dei restanti, 21 furono condannati a morte, incluso al-Ḥarīrī.[3] Rimase invece in carcere per 15 anni, dal 1975 al 1990, senza che la sentenza capitale gli fosse mai commutata in una pena detentiva, e per 4 anni e mezzo rimase in completo isolamento carcerario. Solo nel 1990 Gheddafi gli commutò la pena in quella degli arresti domiciliari e la pena rimase immutata fino all'inizio della Rivoluzione libica del 2011.[3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Scheda in arabo sul gen. ʿOmar al-Ḥarīrī su al-Jazīra
  2. ^ Council members in Interim Transitional National Council of Libya. URL consultato il 16 marzo 2011.
  3. ^ a b Key figures in Libya's rebel council in BBC News. URL consultato il 16 marzo 2011.