Omar Torrijos

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Omar Torrijos con contadini panamensi

Omar Torrijos, nome completo Omar Efraín Torrijos Herrera (Santiago, 13 febbraio 192931 luglio 1981), è stato un militare e politico panamense.

È stato il comandante della Guardia Nazionale di Panamá, e leader del paese americano dal 1968 al 1981, anno della sua morte. Fu il promotore del colpo di stato del 1968, grazie al suo ascendente sulle masse povere e sui contadini, tanto che ebbe a dire di fronte ai fanciulli di un quartiere periferico: "Qui crescono i figli della rivoluzione". Sebbene fosse di fatto il personaggio più importante del paese, non vinse elezioni né fu mai presidente. Famoso per i trattati Torrijos-Carter, del 1977 fra Panamá e Stati Uniti che sancivano il diritto di controllo per i centramericani del Canale di Panama a partire dal 2000. Morì prematuramente nel 1981 a causa di un misterioso incidente aereo. Versioni non ufficiali affermano che i sistemi di bordo erano controllati da terra, e John Perkins nel suo Confessioni di un sicario dell'economia lascia intendere che fu la CIA ad eliminarlo, perché Torrijos si rivelò un personaggio troppo scomodo e difficile da controllare.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 72205502 LCCN: n81129346

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie