Omar Bradley

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Omar Nelson Bradley
Il generale statunitense Omar Nelson Bradley in una foto ufficiale del 1949.
Il generale statunitense Omar Nelson Bradley in una foto ufficiale del 1949.
12 febbraio 1893 - 8 aprile 1981
Soprannome "Brad," "The G.I.'s General"
Nato a Clark
Morto a New York
Dati militari
Paese servito Stati Uniti Stati Uniti
Forza armata United States Army
Anni di servizio 1915–1953
Grado generale
Guerre Prima guerra mondiale, Seconda guerra mondiale
Campagne campagna del Nordafrica, Operazione Husky, campagna di Normandia, Offensiva delle Ardenne

[senza fonte]

voci di militari presenti su Wikipedia

Omar Nelson Bradley (Clark, 12 febbraio 1893New York, 8 aprile 1981) è stato un generale statunitense. Ufficiale preparato e metodico, si dimostrò uno dei più abili generali americani della seconda guerra mondiale; dopo aver preso parte alla campagna del Nordafrica e allo Sbarco in Sicilia, dal giugno 1944 guidò le forze combattenti principali americane alla vittoria contro la Germania nazista sul fronte occidentale

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Si formò presso l'Accademia Militare degli Stati Uniti a West Point, dalla quale uscì nel 1915; presto si affermò come uno dei più esperti generali nel campo della fanteria e relative tattiche militari.

Prese parte alla prima guerra mondiale e al termine del conflitto venne promosso al grado di maggiore dell'esercito.

Nel 1943, durante la seconda guerra mondiale, assunse il comando del II corpo d'armata nella campagna del Nordafrica combattendo in Tunisia; pochi mesi più tardi partecipò allo sbarco alleato in Sicilia (battaglia di Troina). Promosso tenente generale, ricevette il comando della I armata durante la campagna di Normandia e del XII gruppo di armate fino al termine della guerra.

Nel 1948 succedette a Dwight D. Eisenhower come capo di Stato Maggiore, e come Capo di Stato Maggiore Congiunto mantenne la carica dal 16 agosto 1949 al 15 agosto 1953, anno in cui fu insignito del grado di general of the army. Nel 1951 pubblicò le sue memorie, A Soldiers’s Story.

Morì a New York, l'8 aprile 1981.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Presidential Medal of Freedom (ribbon).png Medaglia presidenziale della libertà
Distinguished Service Medal ribbon.svg Army Distinguished Service Medal (con tre fronde di quercia)
Navy Distinguished Service ribbon.svg Navy Distinguished Service Medal
Silver Star ribbon.svg Silver Star
US Legion of Merit Chief Commander ribbon.png Legion of Merit (con fronde di quercia)
Bronze Star ribbon.svg Bronze Star
Mexican Border Service Medal ribbon.svg Mexican Border Service Medal
World War I Victory Medal ribbon.svg World War I Victory Medal
American Defense Service ribbon.svg American Defense Service Medal
European-African-Middle Eastern Campaign ribbon.svg European-African-Middle Eastern Campaign Medal with one silver and three campaign stars
World War II Victory Medal ribbon.svg World War II Victory Medal
Army of Occupation ribbon.svg Army of Occupation Medal with Germany clasp
National Defense Service Medal ribbon.svg National Defense Service Medal with star
Order of the Bath UK ribbon.png British Honorary Knight Commander of the Order of the Bath
Polonia Restituta Komandorski.jpg Ordine della Polonia restituta
CdG45.gif French Croix de guerre with palm
Order kutuzov1 rib.png Ordine di Kutuzov
Order suvorov1 rib.png Ordine di Suvorov
LUX Croix de Guerre ribbon.svg Luxembourg War Cross

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 51816245 LCCN: n50042934