Oliver Heaviside

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Oliver Heaviside ritratto da Frances Hodge

Oliver Heaviside (Londra, 18 maggio 1850Torquay, 3 febbraio 1925) è stato un matematico, fisico e ingegnere britannico. Adattò i numeri complessi allo studio dei circuiti elettrici, sviluppò tecniche per applicare la trasformata di Laplace alla risoluzione di equazioni differenziali, riformulò le equazioni di Maxwell in termini di forze magnetiche ed elettriche e di flusso, e coformulò indipendentemente il calcolo vettoriale.

Sebbene non fosse in buoni rapporti col mondo scientifico del tempo per buona parte della sua vita, Heaviside cambiò lo studio della matematica e della scienza degli anni a venire. Infatti, a lui si deve la funzione gradino di Heaviside (1893), usata ad esempio proprio nello studio dei circuiti, la cui derivata è la famosa delta di Dirac. Le proprietà così peculiari di questi strumenti matematici suscitarono uno scalpore tale che Heaviside fu espulso dalla Royal Society per indegnità teorica[senza fonte]. Paul Dirac, appunto, mostrerà in seguito quanto pregevoli fossero invece quelle intuizioni[1].

Opere di O. Heaviside[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Piergiorgio Odifreddi, "C’era una volta un paradosso", Grandi tascabili Einaudi, Edizione 2001. Capitolo decimo.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 12382540 LCCN: n85318513