Olio di vinaccioli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Olio di vinaccioli

L'olio di vinaccioli è un olio alimentare estratto dai vinaccioli.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

I vinaccioli contengono olio in ragione del 10-20%, percentuale che varia con la cultivar. È necessaria una accurata e veloce fase di essiccamento per produrre un olio con buone caratteristiche organolettiche e un buon contenuto di polifenoli, se così non avviene i microrganismi inficiano il risultato finale.

Tradizionalmente viene estratto meccanicamente con presse idrauliche o a vite, con questo metodo si ottiene un prodotto dal costo elevato. Un altro metodo è l'estrazione con acqua calda, ma ha rese molto basse e necessita la successiva rottura dell'emulsione e stadi di evaporazione dell'acqua.

Il metodo di produzione più comune è l'estrazione con esano.[1] È possibile anche utilizzare anidride carbonica in fase supercritica.[2]

Composizione chimica[modifica | modifica wikitesto]

Composizione acidica:[1]

acido  %
miristico  0-0,2
palmitico  7-13
stearico  3-6
palmitoleico   0-0,9
oleico  14-25 
linoleico  61-73
linolenico  0-0,6

L'olio non raffinato contiene anche tocoferoli e polifenoli.

Utilizzi[modifica | modifica wikitesto]

In alimentazione[modifica | modifica wikitesto]

Viene utilizzato nell'alimentazione come condimento e per l'elevato punto di fumo (190-230 °C) può essere utilizzato per cotture ad alte temperature. Il prodotto di cattiva qualità trova impiego nella produzione di vernici, polimeri, cosmetici e olio per massaggi.

In cosmetica[modifica | modifica wikitesto]

In campo cosmetico può essere utilizzato sul viso e sul corpo, in quanto rende la pelle elastica, morbida e levigata. Combatte i segni del tempo ed ha un'elevata azione schiarente. Utilizzato anche sui capelli secchi e fragili come idratante ed emoliente, oppure unito a balsami e maschere per renderle più corpose. Si tratta di un olio molto sensibile al calore, va quindi usato crudo, a freddo. Può essere utilizzato anche come base per macerare fiori o sostanze e creare per esempio oli macerati.[3]

In altri campi[modifica | modifica wikitesto]

Può essere utilizzato per produrre biodiesel di buona qualità.[4]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Luque-Rodríguez, Luque de Castro, Pérez-Juan, Extraction of fatty acids from grape seed by superheated hexane in Talanta, vol. 68, 2005, pp. 126-130.
  2. ^ Molero Gómez, Peryra López, Martínez de la Ossa, Recovery of grape seed oil by liquid and supercritical carbon dioxide extraction: a comparison with conventional solvent extraction in Chem. Eng. J., vol. 61, 1996, pp. 227-231.
  3. ^ Flower Tales.it - scheda descrittiva sull'olio di vinaccioli. URL consultato il 29 novembre 2013.
  4. ^ Fernández, Ramos, Pérez, Rodríguez, Production of biodiesel from winery waste: Extraction, refining and transesterification of grape seed oil in Bioresource Technol., vol. 101, 2010, pp. 7019-7024.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • P. Cabras, A. Martelli, Chimica degli Alimenti, Piccin, ISBN 88-299-1696-X
  • Bail, Stuebiger, Krist, Unterweger, Buchbauer, Characterisation of various grape seed oils by volatile compounds, triacylglycerol composition, total phenols and antioxidant capacity in Food Chem., vol. 108, 2008, pp. 1122-1132.
  • Lutterodt, Slavin, Whent, Turner, Yu, Fatty acid composition, oxidative stability, antioxidant and antiproliferative properties of selected cold-pressed grape seed oils and flours in Food Chem., vol. 128, 2011, pp. 391-399.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]