Olibrio (console 491)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Flavio Olibrio (latino: Flavius Olybrius; floruit 491; ... – ...) fu un politico dell'Impero romano d'Oriente, imparentato con la Casata di Teodosio e con gli imperatori Anicio Olibrio e Anastasio I.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Il padre di Olibrio era Areobindo, parente del magister militum alano Aspar e console del 506. La madre di Olibrio era Anicia Giuliana, figlia dell'imperatore romano Anicio Olibrio e di Placidia, appartenente alla Casata di Teodosio.

Nel 491, mentre era ancora un infante, Olibrio venne innalzato al consolato. In seguito sposò Irene figlia di Paolo, fratello dell'imperatore Anastasio I: questo matrimonio servì a rafforzare le pretese dell'imperatore nell'anno della sua elevazione al trono tramite la creazione di un legame con la dinastia di Teodosio I.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Croke, Brian, Count Marcellinus and His Chronicle, Oxford University Press, 2001, p. 89.
Predecessore
Flavio Anicio Probo Fausto Iunior,
Flavio Longino II
Console romano
491
sine collega
Successore
Imperatore Cesare Flavio Anastasio Augusto,
Flavio Rufo