Olga Pall

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Olga Pall
Olga Pall 1968 Ras al-Khaimah stamp crop.jpg
Dati biografici
Nazionalità Austria Austria
Altezza 170 cm
Peso 69 kg
Sci alpino Alpine skiing pictogram.svg
Dati agonistici
Specialità Discesa libera, slalom gigante, slalom speciale, combinata
Squadra Turnerschaft Innsbruck
Ritirata 1970
Palmarès
Olimpiadi 1 0 0
Mondiali 1 0 0
Coppa del Mondo - Discesa 1 vittoria
Per maggiori dettagli vedi qui
 

Olga Pall (Göstling an der Ybbs, 3 dicembre 1947) è un'ex sciatrice alpina austriaca, campionessa olimpica nella discesa libera a Grenoble 1968 e vincitrice di una Coppa del Mondo nella medesima specialità.

È sorella di Lisi, a sua volta sciatrice alpina di alto livello[1].

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Specialista della velocità, Olga Pall ottenne il suo primo risultato di rilievo in Coppa del Mondo il 18 gennaio 1967 sulle nevi di casa di Schruns giungendo sesta in discesa libera. L'anno seguente conquistò la prima delle sue tre vittorie, a Bad Gastein sempre in discesa, e partecipò ai X Giochi olimpici invernali di Grenoble 1968, in Francia, conseguendo la medaglia d'oro nella stessa disciplina, valida anche ai fini dei Mondiali 1968.

Nella stessa stagione si aggiudicò anche la Coppa del Mondo di discesa libera. Il 31 gennaio 1969 salì per l'ultima volta sul podio vincendo la libera di Sankt Anton am Arlberg. Il 15 gennaio dell'anno successivo concluse l’attività agonistica con un quinto posto ottenuto nella libera di Bad Gastein.

Palmarès[modifica | modifica sorgente]

Olimpiadi[modifica | modifica sorgente]

Coppa del Mondo[modifica | modifica sorgente]

Coppa del Mondo - vittorie[modifica | modifica sorgente]

Data Località Paese Specialità
17 gennaio 1968 Bad Gastein Austria Austria DH
31 gennaio 1969 Sankt Anton am Arlberg Austria Austria DH

Legenda:
DH = discesa libera

Campionati austriaci[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Scheda Sports-reference. URL consultato l'11 novembre 2010.
  2. ^ (DE) ÖSV-Siegertafel. URL consultato il 19 giugno 2014.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]