Oleum

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Oleum
Nomi alternativi
acido solforico fumante
Caratteristiche generali
Formula bruta o molecolare H2SO4 · SO3
Aspetto liquido oleoso fumante con colore tendente al marrone
Numero CAS [8014-95-7]
Proprietà chimico-fisiche
Solubilità in acqua completa con reazione esotermica
Temperatura di fusione 275 (2 °C, 20% SO3)

296 (21 °C, 30% SO3)
278 (5 °C, 65% SO3)

Temperatura di ebollizione 411 (138 °C, 20% SO3)

389 (116 °C ,30% SO3)
333 (60 °C, 65% SO3)

Indicazioni di sicurezza
Simboli di rischio chimico
corrosivo irritante
Frasi H 314 - 335 - EUH014
Consigli P 261 - 280 - 305+351+338 - 310 [1]

In chimica, l'oleum (o acido solforico fumante) è una miscela di triossido di zolfo in acido solforico, ottenuta per assorbimento del triossido di zolfo gassoso in acido solforico puro (100%). Il triossido di zolfo si combina stechiometricamente con l'acido solforico formando acido pirosolforico (detto anche disolforico), di cui sono noti i sali (es. pirosolfato (o disolfato) di potassio e pirosolfato (o disolfato) di sodio). Una mole di triossido che si combini completamente con una di acido solforico anidro forma acido pirosolforico puro, che è solido a temperatura ambiente. L'oleum può anche essere visto quindi come una miscela di acido solforico e pirosolforico.

A temperatura ambiente è un liquido denso e oleoso che fuma all'aria, per questo è anche detto acido solforico fumante.

Gli oleum industriali più importanti sono quelli con una concentrazione di triossido di zolfo del 20%, 30%, 40%. Ci si riferisce ad essi anche come acido solforico all' x% con x maggiore di 100 (ad es. l'oleum al 10% corrisponde all'acido solforico al 102,25%).

È usato sia per la preparazione dell'acido solforico diluito sia nell'industria delle vernici e degli esplosivi. Nella sintesi organica trova impiego come agente solfonante nelle reazioni di sostituzione elettrofila aromatica, per introdurre sul substrato un gruppo solfonico.

Altamente corrosivo per contatto, ingestione e inalazione, va manipolato sotto cappa e indossando guanti e occhiali di sicurezza. Occorre altresì lavorare in modo particolarmente attento per evitare il formarsi di schizzi causati dallo sviluppo di notevoli quantità di calore o per non rischiare di carbonizzare i reagenti organici.

Se vi viene aggiunta acqua, l'anidride solforica disciolta nell'acido si idrata ad acido solforico e si innesca così una violenta reazione accompagnata dallo sprigionarsi di un'ingente quantità di calore.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Sigma Aldrich; rev. del 23.12.2011
chimica Portale Chimica: il portale della scienza della composizione, delle proprietà e delle trasformazioni della materia