Olavi Laiho

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Mauno Olavi Laiho (1907Oulu, 2 settembre 1944) è stato un militare finlandese, l'ultimo ad essere stato giustiziato in Finlandia[1].

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Olavi Laiho fu il figlio di un contadino di Halikko. Egli venne in contatto con il comunismo in giovane età e divenne un attivo membro del Partito Comunista Finlandese. Si trasferì a Turku, dove lavorò come costruttore di edifici.

Durante la guerra di continuazione, Laiho fu arruolato nella Marina Militare Finlandese in qualità di privato. Laiho disertò e si trasferì clandestinamente vicino a Turku, dove lavorò attivamente come spia per l'Unione Sovietica e aiutò altri disertori.

Laiho fu catturato all'inizio del 1944 e condannato a morte da una corte militare per diserzione, spionaggio e alto tradimento. Venne fucilato dalla polizia militare il 2 settembre 1944 ad Oulu, due giorni prima dell'armistizio[2].

Laiho fu l'ultimo finlandese ad essere giustiziato in Finlandia e l'ultimo finlandese ad essere giustiziato per un crimine militare. Un gruppo di tre infiltrati sovietici furono fucilati il giorno dopo per spionaggio. Nel 1945, tutte le condanne a morte furono convertite in ergastoli.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Penkkala-Arikka, Päivi (2006) Erään Mauno Olavin tarina. Olavi Laiho, viimeinen teloitettu suomalainen ["A Story of one Mauno Olavi. Olavi Laiho, the last executed Finn."]. (Master's thesis) University of Helsinki
  2. ^ Kulomaa, Jukka and Nieminen, Jarmo: Teloitettu totuus - kesä 1944. (Executecd Truth - Summer 1944) Ajatus Kirjat, Helsinki, October 2008. ISBN 978-951-20-7772-4

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]