Oksana Kostina

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Oksana Kostina
Dati biografici
Nazionalità URSS URSS
Squadra Unificata Squadra Unificata
Russia Russia
Ginnastica ritmica Gymnastics (rhythmic) pictogram.svg
Dati agonistici
Specialità individuale
Palmarès
URSS URSS
Gnome-emblem-web.svg Mondiali
Oro Sarajevo 1989 Squadra
Oro Atene 1991 Squadra
Argento Sarajevo 1989 Palla
Wikiproject Europe (small).svg Europei
Oro Göteborg 1990 Squadra
Squadra Unificata Squadra Unificata
Gnome-emblem-web.svg Mondiali
Oro Bruxelles 1992 Concorso a squadre
Oro Bruxelles 1992 Fune
Oro Bruxelles 1992 Cerchio
Oro Bruxelles 1992 Palla
Oro Bruxelles 1992 Clavette
Wikiproject Europe (small).svg Europei
Oro Stoccarda 1992 Cerchio
Oro Stoccarda 1992 Palla
Oro Stoccarda 1992 Clavette
Bronzo Stoccarda 1992 Concorso a squadre
Bronzo Stoccarda 1992 Squadra
Statistiche aggiornate all'11 marzo 2010

Oksana Aleksandrovna Kostina (in russo: Оксана Александровна Костина?; Irkutsk, 15 aprile 1972Mosca, 11 febbraio 1993) è stata una ginnasta sovietica e successivamente russa.

Da ricordare il cerchio del 1989, l'elegante palla del 1989, la palla blues del 1992 e la sua fune jezzata che includeva la famosa combinazione di tre enjambè consecutivi destra, sinistra, destra.

È stata la migliore per quanto riguarda l'abilità di interpretazione della musica, per il suo gusto delicato che esprimeva in ogni performance.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Oksana Kostina nasce a Irkutsk, in Siberia. Gareggia prima per l'Unione Sovietica e più tardi per la Squadra Unificata e la Russia, guadagnando una collezione di 14 medaglie tra mondiali ed europei, 9 delle quali d'oro, nella sua tragicamente corta carriera.

Dotata di una faccia da bambina, nel 1989 Oksana debutta con un 5º posto nella finale della gara preliminare del Campionato Mondiale dello stesso anno. Manca la finale dopo una perdita nella conclusione del suo esercizio al nastro, ma cementò il suo status con un paio di medaglie d'argento: una per la gara a squadre, e l'altra per uno esercizio alla palla. Nel 1990 ottenne un'importante serie di medaglie ai prestigiosi Goodwill Games e alle gare di Master.

Al Campionato mondiale del 1991, Oksana manca nuovamente la finale a causa di un 4º posto ottenuto alle eliminatorie. Come negli anni precedenti, sarebbe rimasta dietro nella vetrina internazionale a favore delle più famose connazionali Aleksandra Timošenko e Oksana Skaldina. Ma un inizio fantastico del 1992 le assicura il biglietto per le olimpiadi di Barcellona: si piazza al 3º posto ai Campionati Europei, giusto dietro alla Timošenko e sopra la Skaldina, e vince il Campionato Nazionale CIS. Quando vengono annunciati i nomi del gruppo olimpico, una devastata Oxana scoprì che ancora una volta era la ginnasta esclusa. Kostina e la sua allenatrice, Olga Butanova, partono definitivamente per Barcellona. Kostina si allena con il gruppo inglese per un periodo, prima che la federazione Russa le ordinasse di tornare a casa. Quando ebbero fine le controversie dell'Olimpiade del 1992, Oksana Kostina emerse come l'indiscussa regina della ritmica. Una rara collezione di tutti e cinque i primi posti ai Campionati del mondo del 1992 mise definitivamente in luce il talento della Kostina. Questo record viene mantenuto per 17 anni, finché la nuova promessa russa Evgenija Kanaeva vince tutte le 6 medaglie ai mondiali di ginnastica ritmica in Giappone, il 14 settembre 2009.[1]

L'11 febbraio 1993, giusto tre mesi dopo la sua vittoria, vi fu la tragedia. Oksana viaggiava insieme al fidanzato Ėduard Zenovka, che stava guidando ubriaco, e fu coinvolta in un tremendo incidente. Trasportati d'urgenza entrambi all'ospedale, la Kostina morì qualche ora più tardi per lesioni interne. Zenkova, medaglia di bronzo alle olimpiadi del 1992 per il pentathlon moderno, fu gravemente ferito, ma si riprese e vinse la medaglia d'argento nel pentathlon delle Olimpiadi successive.

Note[modifica | modifica sorgente]