Off-Off-Broadway

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

L'espressione Off-Off-Broadway si riferisce a produzioni teatrali realizzate in teatri che sono più piccoli di quelli di Broadway e Off-Broadway. I teatri Off-Off-Broadway sono per definizione quei teatri che hanno meno di 100 posti.[1] Gli spettacoli rappresentati vanno dal livello professionistico a compagnie dilettantistiche.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Off-Off-Broadway, nacque nel 1958 come reazione a Off-Broadway, come "rifiuto completo del teatro commerciale".[2] Fra i primi locali di quello che sarà subito detto "Off-Off-Broadway" (un termine probabilmente coniato dal critico Jerry Tallmer del giornale Village Voice) furono alcuni caffè siti al Greenwich Village, particolarmente il Caffe Cino al 31, Cornelia Street, gestito dall'eccentrico Joe Cino, che ebbe subito in simpatia attori e scrittori di teatro, consentendo loro di esibirsi direttamente senza la noia di provare prima e senza la necessità di trovare significati occulti nelle opere recitate. Altri fautori dell'ascesa di Off-Off-Broadway furono Ellen Stewart a al Cafè La MaMa, e Al Carmines al Judson Poets' Theater, situato a Judson Memorial Church.

Una produzione Off-Off-Broadway recitata da membri dell'Actors Equity è detta Equity Showcase production. L'Unione mantiene regole molto severe per chi lavora in tali produzioni, comprese restrizioni sui prezzi, la durata in cartellone e i tempi delle prove. La partecipazione di attori professionisti in produzioni di cartello non è infrequente, e nei suoi teatri si realizza la maggior parte del lavoro degli attori a New York.[3]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Off-Off-Broadway, Way Back When. URL consultato il 13 dicembre 2007.
  2. ^ Viagas (2004, 72)
  3. ^ Breaking the Code?, page 1 - Theater - Village Voice - Village Voice

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Bottoms, Stephen J. 2004. Playing Underground: A Critical History of the 1960s Off-Off-Broadway Movement. Ann Arbor: University of Michigan Press. ISBN 0472031945.
  • Viagas, Robert. 2004. The Back Stage Guide to Broadway. New York: Back Stage Books. ISBN 082308809X.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]