Odeon (edificio)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Odéon di Efeso in Turchia

Odéon, dal greco Ωδείον (alla lettera «costruzione destinata a gare musicali», lemma derivante dal greco « cantare » che ha anche dato origine ai termini ode e aedo), è il nome di diversi edifici coperti della Grecia antica dedicati agli esercizi di canto, alle rappresentazioni musicali, ai concorsi di poesia e di musica. Questi edifici normalmente erano di dimensioni modeste (sebbene l'Odeo di Pericle, il principale della città di Atene, misurasse ben 4000 m²).

Da alcuni brevi brani di scrittori antichi e dai pochi resti di questo tipo di edificio si può concludere che avesse un'orchestra per il coro e un palcoscenico per i musicisti (di profondità inferiore al palcoscenico di un teatro). Non richiedeva alcun cambiamento della scena, ma la parete di fondo del palcoscenico sembra avesse una decorazione fissa dipinta. Per esempio, scrive Vitruvio[1] che nel piccolo teatro a Tralles (che era senza dubbio un odeon), Apaturio di Alabanda dipinse la scena con una composizione così fantastica che fu costretto a rimuoverla, correggendola secondo il realismo degli oggetti naturali.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ VII.5. § 5