Occupazione alleata dell'Austria

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Austria
Austria – Bandiera Austria - Stemma
(dettagli) (dettagli)
Austria - Localizzazione
Dati amministrativi
Nome completo Occupazione alleata dell'Austria
Lingue parlate tedesco
russo
francese
inglese
Capitale Vienna
Dipendente da Flag of France.svg Francia

Flag of the United Kingdom.svg Regno Unito
US flag 48 stars.svg Stati Uniti
Flag of the Soviet Union (1923-1955).svg Unione Sovietica

Politica
Forma di governo Governo provvisorio
Nascita 27 aprile 1945 con Richard McCreery (GB)
Antoine Béthouart (FRA)
Mark Wayne Clark (USA)
Ivan Stepanovič Konev (URSS)
Causa Offensiva di Vienna
Fine 26 ottobre 1955 con Theodor Körner
Causa Trattato di Stato austriaco
Territorio e popolazione
Bacino geografico Europa
Territorio originale Austria
Massima estensione 83.858 nel 1945
Economia
Valuta Sterlina britannica
Franco francese
Rublo sovietico
Dollaro americano
Religione e società
Religioni preminenti Cattolica
Religioni minoritarie Ebraismo, Protestantesimo
Evoluzione storica
Preceduto da Germania Germania
Succeduto da Austria Austria

Nel 1938 la Prima repubblica austriaca divenne parte della Germania nazista in seguito all'annessionne forzata detta Anschluss. La dichiarazione di Mosca del 1943 dichiarò l'Anschluss nullo ripristinando uno stato indipendente austriaco come uno degli obiettivi Alleati. Karl Renner formò un governo provvisorio a fine aprile 1945 separando l'Austria dalla Germania. A seguito della pace questo governo fu rapidamente riconosciuto, ma l'Austria rimase divisa in quattro zone di occupazione Alleate e Vienna che fu delimitata dalla zona sovietica, fu ulteriormente divisa in quattro, con un ulteriore zona internazionale al suo interno.

L'occupazione alleata terminò nel 1955 e la sovranità fu restituita attraverso il Trattato di Stato austriaco.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Zone di occupazione in Austria, 1945-1955
Settori di occupazione a Vienna, 1945-1955

L'offensiva di Vienna si concluse il 13 aprile 1945 con la cattura sovietica di Vienna. Le forze Alleate occidentali raggiunsero l'Austria un paio di settimane più tardi. Il 27 aprile 1945 — quasi due settimane prima della resa nazista l'8 maggio — l'Austria fu dichiarata indipendente dalla Grande Germania e fu istituita la seconda repubblica austriaca.

Alla fine della guerra, l'Austria e Vienna furono divise in quattro zone di occupazione, seguendo i termini della Conferenza di Potsdam. Con il consenso delle forze sovietiche, fu istituito un governo provvisorio a Vienna il 29 aprile e la prima legislatura del dopoguerra ebbe luogo il 25 novembre 1945. Karl Renner fu il primo Cancelliere dell'Austria del dopoguerra e rimase in carica sino al alla fine del 1945, quando Renner divenne il primo Presidente della Seconda Repubblica.

Vienna fu ripartita tra i quattro Alleati – Francia, Unione Sovietica, Regno Unito e Stati Uniti.

Fuori da Vienna, l'area del Vorarlberg e Nord Tirolo appartenevano alla zona francese; Salisburgo e gran parte dell'Alta Austria apparteneva alla zona americana; Tirolo orientale, Carinzia e Stiria rientravano nelle zona Britannica; e Burgenland, Bassa Austria, l'area di Mühlviertel dell'Alta Austria appartenevano all'area sovietica.

Capi di stato[modifica | modifica sorgente]

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]