Oblast'

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

L'Oblast' (in ceco oblast, in slovacco oblasť, in russo: область[?] ascolta[?·info], in ucraino область, in bielorusso вобласьць, in serbo област, in bulgaro област) è una suddivisione amministrativa di alcuni stati slavi e delle ex repubbliche sovietiche. Corrisponde in modo approssimativo ai termini regione, provincia o area.

L'oblasť è una divisione amministrativa nel contesto geografico slavo, in Bulgaria, in Russia, in Ucraina e nell'ex Unione Sovietica; in quest'ultima, nelle amministrazioni che l'hanno sostituita, i termini ufficiali differiscono leggermente, ma si possono ancora cogliere delle radici etimologiche comuni. Le province della Bielorussia, ad esempio, sono definite voblasc', mentre quelle del Kazakistan sono oblys.

In Bulgaria[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Regioni della Bulgaria.

Dal 1999, la Bulgaria è suddivisa in 28 oblast', ovvero regioni. Anche precedentemente lo stato era diviso in oblasti, ma erano solamente 9, ovviamente di maggiore estensione.

Ex Repubbliche sovietiche[modifica | modifica sorgente]

Nelle ex repubbliche sovietiche, le oblast' sono le entità direttamente sottostanti allo stato, l'equivalente delle regioni italiane: sono ulteriormente suddivise in province chiamate rajony (in russo районы, in ucraino райони), vedi ad esempio i Raion dell'Ucraina.

Nell'ex Unione Sovietica, invece, il governo centrale era l'entità più alta nella piramide governativa, e quindi le oblast' si trovavano due scalini più in basso.

Armenia[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Province dell'Armenia.

Bielorussia[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Voblasc' della Bielorussia.

Kazakistan[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Oblys del Kazakistan.

Kirghizistan[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Suddivisioni del Kirghizistan.

Moldavia[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Suddivisioni della Moldavia.

Russia[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Oblast' della Russia.

Il territorio della Federazione russa comprende le Oblast', ma anche altre tipologie di suddivisioni. Ad esempio le maggiori città della Russia, Mosca e San Pietroburgo, sono territori a sé stanti e costituiscono le città federali, lo stesso vale per l'oblast autonoma ebraica.

Il nome delle oblast' non corrisponde sempre al nome della rispettiva regione storica, essendo mere suddivisioni amministrative con una storia poco significativa, tutte state create nel corso del XX secolo. Nella lingua locale i nomi di queste regioni vengono spesso direttamente dal nome della città capoluogo, trasformando il nome della città con l'aggiunta di un suffisso femminile, come ad esempio l'oblast' di Novosibirsk (in russo: Новосибирская область[?], Novosibirskaja Oblast').

Alcune particolarità sono rappresentate dalle oblast' di Leningrado e di Sverdlovsk, che hanno mantenuto il nome del periodo sovietico, mentre i capoluoghi hanno ripreso i loro nomi storici precedenti, San Pietroburgo e Ekaterinburg.

Uzbekistan[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Regioni dell'Uzbekistan.

Ucraina[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Oblast' dell'Ucraina.

Aspetti politici della suddivisione in oblast'[modifica | modifica sorgente]

In genere, una suddivisione di questo tipo è tipica di uno stato con un potere centralizzato, non di tipo federale.

Secondo alcuni storici, il governo sovietico applicava criteri non meramente socioeconomici o geografici nella creazione delle oblast', ma anche specifici criteri politici: ad esempio alcune volte i confini amministrativi delle regioni potrebbero essere stati modificati per destabilizzare o favorire equilibri politici, assicurare le migliori amministrazioni locali a una industria, porre dei limiti a attivisti antigovernativi, o altro ancora.

Aspetti giuridici[modifica | modifica sorgente]

Alla luce degli eventi politici determinatisi negli ultimi anni di vita dell’Unione Sovietica il ruolo dell’oblast', in quanto divisione amministrativa, ha assunto una particolare rilevanza sia da un punto di vista giuridico sia da quello politico.

Infatti, secondo la legge del 3 aprile 1990[1] se all’interno di una repubblica che decideva il distacco dall’Unione vi era una regione autonoma (oblast') questa aveva diritto di scegliere attraverso una libera manifestazione di volontà popolare se seguire o meno la repubblica secessionista nel suo distacco dall’Urss.

Proprio in conformità a tale legge si è formata la repubblica del Nagorno Karabakh enclave armena in Azerbaigian. Il 30 agosto 1991, l’Azerbaigian deliberò di lasciare l’Unione e diede vita alla repubblica di Azerbaigian. Il 2 settembre il soviet del Nagorno Karabakh decise di non seguire l’Azerbaigian e votò per la costituzione di una entità statale autonoma. Il 26 novembre il Consiglio supremo dell’Azerbaigian riunito in sessione straordinaria votò una mozione per l’abolizione dello statuto autonomo del Karabakh ma la Corte Costituzionale sovietica due giorni dopo la respinse in quanto non più materia sulla quale l’Azerbaigian poteva legiferare. Il 10 dicembre 1991 la neonata repubblica del Nagorno Karabakh-Artsakh approvò il referendum confermativo al quale fecero seguito le elezioni politiche. Il 6 gennaio venne ufficialmente proclamata la repubblica.

A seguito di tale pronunciamento l’Azerbaigian, che rivendicava il diritto all’integrità territoriale, intervenne militarmente e diede avvio alla guerra del Nagorno-Karabakh. La neonata repubblica vantava a sua volta il diritto di autodeterminazione fondato proprio sulla valenza giuridica dell’oblast con riferimento alla citata legge. Il contenzioso politico e giuridico tra Armenia, Azerbaigian e Nagorno Karabakh rimane sempre in piedi dalla firma del cessate il fuoco del 1994.

Gli anni 2000[modifica | modifica sorgente]

L'allora Presidente russo Vladimir Putin ha drasticamente riformato lo stato delle oblast' della nazione che, pur rimanendo formalmente il secondo più importante livello nelle amministrazioni, sono di fatto sottoposte al controllo dei più ampi distretti federali.

Vi sono numerosi progetti che propongono delle riforme al sistema delle oblast', sia in Russia sia in Ucraina, riforme che promettono di favorire lo sviluppo dell'economia e della politica delle varie regioni.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Registro del Congresso dei deputati del popolo dell’Urss e Soviet Supremo, n.13 pag 252

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]