O Clone

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
O Clone
Titolo originale O Clone
Paese Brasile
Anno 2001-2002
Formato serial TV
Genere telenovela
Stagioni 1
Puntate 221
Durata 65 minuti ca.
Lingua originale portoghese
Caratteristiche tecniche
Aspect ratio
Colore colore
Audio
Crediti
Regia Mário Márcio Bandarra
Jayme Monjardim
Marcelo Travesso
Soggetto Glória Perez
Musiche Marcus Viana
Prima visione
Prima TV Brasile
Dal 1º ottobre 2001
Al 15 giugno 2002
Rete televisiva Rede Globo
Prima TV in italiano (gratuita)
Dal
Al
Rete televisiva inedito
Premi
  • Trofeo APCA per miglior attrice: Eliane Giardini
  • Trofeo APCA per miglior programma:
  • Trofeo APCA per miglior rivelazione femminile: Sthefany Brito

O Clone è una telenovela brasiliana prodotta dalla Rede Globo. La sua trama è stata scritta da Glória Perez, la direzione generale è affidata a Jayme Monjardim, a Mário Márcio Bandarra, a Marcos Schechtman e a Marcello Travesso. Venne trasmessa dal 1 ottobre 2001 al 15 giugno 2002 come telenovela delle otto, cioè quella che mischia storie d'amore con tematiche sociali.

Trama[modifica | modifica sorgente]

Prima fase[modifica | modifica sorgente]

La storia inizia nel 1981. Leônidas Ferraz è un uomo d'affari vedovo che, non avendo molto tempo per la sua vita personale, si dedica completamente al lavoro. Lui ha due figli gemelli: Diogo e Lucas, due ragazzi identici a livello fisico ma con due personalità diverse. Jade è una ragazza musulmana che vive in Brasile con sua madre Salua. Dopo la morte della madre, Jade, appena diciottenne, si trasferisce a Fez, in Marocco da suo zio Alì, che si prende cura anche di un'altra sua nipote, Latiffa. Alì affida le sue due nipoti alla governante Zoraide, che tratta le ragazze come se fossero sue figlie. Diogo e Lucas decidono di trascorrere qualche giorno in Marocco con il padrino di Diogo, lo scienziato Albieri. Qui i due fratelli conoscono nuovi amori: Diogo si innamora della bella Yvete, con cui passa una notte d'amore, mentre Lucas, entrando a casa di Alì, un grande amico di Albieri, vede Jade e se ne innamora, ma il loro amore verrà impedito dalle tradizioni islamiche. Perciò tra loro due nasce una relazione clandestina, e Jade progetta di fuggire in Brasile con Lucas. Intanto Diogo conosce il padre di Yvete, e così viene a sapere che lei è stata promessa ad un altro uomo. Allora Diogo decide di tornare in Brasile, dove muore in un incidente in elicottero. Lucas è ancora in Marocco e non sa nulla dell'incidente. Latiffa si sposa e si trasferisce in Brasile, e Jade riceve il permesso dallo zio di andare con lei e con Lucas. Tornati a Rio de Janeiro, i due di vogliono sposare, ma Leônidas non approva perché vuole che prima Lucas finisca l'università, e contemporaneamente viene a sapere della morte di suo fratello. Jade, per non essere espulsa dalla sua famiglia per aver violato la morale islamica, decide di tornare in Marocco da suo zio Alì e accetta di sposare Said. Said dopo il matrimonio sa che lei aveva perso la verginità con un altro uomo, ma la accetta lo stesso tanto che per non suscitare sospetti macchia il lenzuolo facendo uscire sangue da un dito, ma anche se l'ha accettata ne soffre molto. Nonostante tutto, Lucas torna in Marocco, si incontrano di nuovo e progettano di fuggire. Così Jade per pagare il viaggio vende tutti gli gioielli d'oro regalati da Said. Jade arriva nel luogo dell'incontro in anticipo, Lucas ancora non era arrivato. Said decide di chiamare la polizia, che prende Jade con la forza, facendole perdere la sua collana e portandola a casa. Lucas, pensando che Dio abbia deciso di impedire la loro relazione, torna in Brasile e decide di dimenticarla. Jade vive un matrimonio molto triste perché suo marito la tratta con freddezza e non la fa uscire di casa, e soffre ancor aid più quando viene a sapere del matrimonio di Lucas con un'altra donna. Jade, in modo che Said possa chiederle il divorzio, diventa una cattiva moglie, e fa in modo che una ragazza seduca suo marito, ma lui scopre tutto. Inoltre deve sopportare Nazira, la sorella di Said, che la tormenta e la tratta come una schiava. Un giorno, trovando la cassaforte aperta, prende il passaporto e l'oro del marito e tenta di fuggire, ma viene scoperta. Intanto in Brasile, Albieri cerca di clonare Diogo, il suo sogno è di essere il primo scienziato a clonare un essere umano. così Deusa, una donna sterile che vuole avere figli, fa una fecondazione artificiale con le cellule di Lucas, e partorirà un bambino di nome Leo. Albieri diventa padrino di Leo e migliore amico di Deusa, fino a quando lei decide di trasferirsi a Belém e lui rimane e Rio de Janeiro con la sua fedele assistente, Edna, per cui prova un amore platonico.

Seconda fase[modifica | modifica sorgente]

Passano 20 anni. Jade e Said hanno una figlia di nome Khadija. Jade si rende conto ormai che il suo amore con Lucas è impossibile e allora decide di non fuggire più. La sua unica amica è Zoraide. Said prende una seconda moglie di nome Ranya, una ragazza giovane da cui avrà un figlio. Jade farà di tutto in modo che suo marito le chieda il divorzio, ma fallisce. Lucas si sposò con Maysa, con cui ebbe una figlia di nome Mel. 20 anni dopo Mel ha problemi di tossicodipendenza insieme a due suoi amici, Nando e Regininha. Said va in Brasile per affari da Leonidas e porta con sé sua moglie Jade. Così Jade e Lucas si rincontrano, ma, finito il viaggio, Jade e Said torneranno in Marocco. Mel inizia a voler uscire dalla tossicodipendenza dopo essersi innamorata di Xande, una sua guardia di sicurezza assunta da Leônidas, all'inizio lo odiava ma poi se ne innamorò. Rimarrà incinta di lui, ma, a causa dell'uso di sostanze stupefacenti, lo perde. Maysa, sua madre cerca di aiutarla anche con il sostegno di Clarice, la madre di Nando. Leo, figlio di Deusa identico a Lucas, accompagna il suo amico Albieri in Marocco da Alì. Lì Leo conosce Jade e se ne innamora, proprio come successe con Lucas vent'anni prima. Latiffa è sposata da vent'anni con Mohammed, fratello di Alì, con il quale ha avuto due figli: Samira e Amin. Quando vanno a vivere in Brasile, a casa di Nazira, sorella di Mohammed e di Said, nella sua famiglia vi è uno shock culturale. Latiffa, al contrario di Jade, è una donna tradizionalista che accetta di sposarsi col marito impostagli dallo zio. Nazira ha una relazione platonica con Miro. Samira, cresciuta in Brasile, è come Jade, cioè rifiuta le tradizioni islamiche. Si innamora del suo compagno di classe Zé Roberto, nasconde ai genitori la sua prima mestruazione per non portare il velo. Khadija, al contrario, indossa il velo e rispetta le tradizioni islamiche, è la migliore amica di Samira. Dona Jura, madre di Xande, è una donna molto divertente. Lei è innamorata di Tião, un uomo che possiede un bar che si trova a São Cristovão, nei sobborghi di Rio de Janeiro, e ha due amici di nome Ligeirinho e Raposão.

Finale[modifica | modifica sorgente]

Jade decide di abbandonare Said e liberarsi dalla sua dominazione per vivere felice con Lucas. Sua figlia Khadija, come previsto dalla legge islamica, rimane col padre. Said dopo essersi infuriato perdona Jade. Leo e Albieri spariscono misteriosamente tra le dune del deserto del Sahara, a causa di una tempesta di sabbia. Mel e Nando riescono a liberarsi dalla tossicodipendenza, mentre Regininha sparisce misteriosamente, loro due aprono una clinica per tossicodipendenti che porterà il nome dell'amica scomparsa. Leônidas si sposa con Yvete con cui avrà due gemelli. Zoraide si sposa con Alì. Nazira continua a sognare Miro con abito arabo e con un cavallo bianco alato. Said sposa Zuleika, ex pretendente di Mohammed. Amina, sorella di Ranya, si sposa con un ricco mercante. Mohammed ritiene che Zé Roberto possa diventare un buon musulmano e un buon marito per la figlia Samira, e potrà cambiare cultura e religione, perché quando c'è l'amore, non può essere impedita da nessuna cultura.

Ambientazione[modifica | modifica sorgente]

La telenovela è ambientata a São Cristóvão, a Rio de Janeiro, e in alcuni luoghi in Arabia e in Marocco.

Audience[modifica | modifica sorgente]

Questa telenovela ebbe molto successo tra i telespettatori brasiliani, tanto che alcune sue puntate arrivavano a superare il 70% di share.

Trasmissione negli altri paesi[modifica | modifica sorgente]

O Clone venne esportato in 91 paesi. Nel 2010 Telemundo, rete televisiva statunitense dedicata ai telespettatori di lingua spagnola, creò un remake di questa telenovela di nome El clon.