Nymphaeaceae

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Nymphaeaceae
Flowering victoria.jpg
Victoria amazonica
Classificazione Cronquist
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
Superdivisione Spermatophyta
Divisione Magnoliophyta
Classe Magnoliopsida
Sottoclasse Magnoliidae
Ordine Nymphaeales
Famiglia Nymphaeaceae
Salisb., 1805
Classificazione APG
Regno Plantae
(clade) Angiosperme
Ordine Nymphaeales
Famiglia Nymphaeaceae
Nomi comuni

Ninfeacee

Generi
(Vedi testo)

Nymphaeaceae Salisb., 1805 (Ninfeacee) è una famiglia cosmopolita di piante Spermatofite dai grandi e decorativi fiori acquatici.

Sistematica[modifica | modifica wikitesto]

La famiglia delle “Nymphaeaceae” non è molto numerosa e comprende 6 generi con circa 68 specie; ultimamente in questo gruppo viene inclusa anche la famiglia delle Cabombaceae[1] (ma non tutti i botanici sono concordi).
La classificazione tassonomica della famiglia è in via di definizione in quanto fino a poco tempo fa apparteneva all'ordine delle Nymphaeales (secondo la classificazione ormai classica di Cronquist), mentre ora con i nuovi sistemi di classificazione filogenetica (Classificazione APG II) discende direttamente dal clade delle Angiosperme in quanto la genesi delle specie di questa famiglia viene ritenuta parallela a quella del resto delle Angiosperme (vedi diagramma seguente).

Angiosperme

  Nymphaeaceae (+ Cabombaceae)



  (altre famiglie)



  (altri ordini)



  Monocotiledoni...



  Eudicotiledoni...




Le varie specie di questa famiglia non possiedono una spiccata omogeneità. In effetti fino a poco tempo alle “ Nymphaeaceae” facevano parte dei generi (Nelumbo Adans. 1763) ora sistemati in parte nella famiglia delle Nelumbonaceae (ordine Proteales e quindi molto “distante” dal punto di vista sistematico) e in parte (genere Cabomba Aubl. (1775) e genere Brasenia Schreb. (1789)) sistemati nella famiglia delle Cabombaceae (famiglia considerata comunque ancora molto affine alle “ Nymphaeaceae”).
Nelle vecchie tassonomie questa situazione era risolta suddividendo opportunamente le “ Nymphaeaceae” in tre sottofamiglie (o anche tribù):

Anche l'ordine è stato causa di contestazioni: inizialmente alcuni botanici questa famiglia l'avevano posta nell'ordine delle “Rhoeadales” in quanto in molte specie l'ovario è sincarpico (i vari carpelli sono fusi insieme in un unico ovario).
Nella tabella seguente è indicata la “storia” della classificazione della famiglia delle “Nymphaeaceae” secondo gli ultimi tre sistemi di classificazione: oltre al sistema APG II System, viene indicata la classificazione usata più correntemente (quella di Cronquist, basata sugli studi delle Angiosperme del botanico americano Arthur Cronquist pubblicati tra il 1968 e 1988 e confermata, per quanto riguarda questa famiglia, ancora nel 2009 da Takhtajan[2]) e quella in uso precedentemente a quella di Cronquist, Classificazione di Wettstein (sistema di classificazione delle piante proposto dal botanico Richard von Wettstein (1863-1931) nel suo “Handbuch der Systematischen Botanik”, ultimo aggiornamento del 1935).


APG II (2003) CRONQUIST (1988) WETTSTEIN (1935)
Regno Plantae Plantae Plantae
Sottoregno Tracheobionta
Superdivisione/Phylum Spermatophyta Cormophyta
Divisione/Clade Angiosperme Magnoliophyta Anthophyta
Sottodivisione Angiosepermae
Classe Magnoliopsida Dicotyledones
Sottoclasse Magnoliidae Choripetalae
Superordine Dialypetalae
Ordine (non definito) Nymphaeales Polycarpicae
Famiglia Nymphaeaceae Nymphaeaceae Nymphaeaceae


Il termine Clade si riferisce solamente alla classificazione APG II. Nella prima colonna a sinistra qualche nome tassonomico può essere non preciso in quanto il significato di questi termini è cambiato nel corso del tempo.
La famiglia delle “Ninfee” è molto antica; numerosi fossili di queste piante sono stati trovati ad esempio nei depositi del Cenozoico in Francia o anche in strati ancora più antichi (Cretaceo inferiore[3]). Sono qui elencati alcuni generi fossili delle “ Nymphaeaceae”[4]:

  • Nymphaetis
  • Haploura
  • Anoectomeria

Generi spontanei della flora italiana[modifica | modifica wikitesto]

Per meglio comprendere ed individuare i vari generi della famiglia (solamente per i generi spontanei della nostra flora) l’elenco che segue utilizza in parte il sistema delle chiavi analitiche[5].

  • Gruppo 1A : le foglie in generale galleggiano sulla superficie dell'acqua; le nervature delle foglie si sdoppiano verso il bordo della lamina con angoli di 90°; il colore dei fiori è in prevalenza bianco; i sepali (4) sono più piccoli dei petali; l'ovario è semi-infero;
  • Gruppo 1B : le foglie facilmente sono sommerse sotto il pelo dell'acqua; le nervature delle foglie si sdoppiano verso il bordo della lamina con angoli acuti; il colore dei fiori è in prevalenza giallo; i sepali (5) sono più lunghi dei petali; l'ovario è supero.

Altri generi della famiglia[modifica | modifica wikitesto]

Generi sinonimi o non più attuali[modifica | modifica wikitesto]

  • Aneslea Rchb. (1828)
  • Anneslea Roxb. ex Andrews (1810)
  • Cyamus Sm. (1804)
  • Castalia Salisbury (1805) (sinonimo di Nymphaea)
  • Hydrostemma Wall. (1827) (sinonimo di Barclaya Wall.)
  • Leuconymphaea Kuntze (1891) (sinonimo di Nymphaea)
  • Nectris Schreb. (1789)
  • Nymphozanthus Rich. (1811) (sinonimo di Nuphar)
  • Rondachine Bosc (1816)
  • Ropalon Raf. (1836)
  • Tamara Roxb. ex Steud. (1841)
  • Villarsia Neck. (1790)

Etimologia[modifica | modifica wikitesto]

Come in altri casi il nome di questa famiglia deriva dal suo genere più importante Nymphaea. Nome che sembra derivare dal vocabolo arabo ”nenufar” (derivato a sua volta dal persiano ”loto blu”). Ad introdurlo nella nomenclatura botanica è stato il medico, botanico e teologo tedesco Otto Brunfels (Magonza, 1488 – Berna, 25 novembre 1534) nel 1534[6].
Il nome scientifico attualmente accettato di questa famiglia (“Nymphaeaceae”) è stato proposto dal botanico inglese Richard Anthony Salisbury (2 maggio 1761- 1829) in una pubblicazione del 1805.

Morfologia[modifica | modifica wikitesto]

I dati morfologici si riferiscono soprattutto alle specie dei generi europei (in particolare alle specie spontanee italiane.

Il portamento (Nymphaea capensis)

Sono piante acquatiche tipicamente radicanti (annuali o perenni). Sono prive di cellule oleifere e senza l'alcaloide benzilisochinolina (sostanza secondaria in quanto non interviene nel metabolismo di base della pianta)[7]. Alcune specie possono essere considerate palustri in quanto riescono a sopportare facilmente abbassamenti temporanei del livello dell'acqua. L'altezza media di queste piante dipende dalla profondità del bacino idrico e comunque superano raramente i due metri nei climi temperati, mentre in ambienti tropicali possono raggiungere anche i 7 – 8 m. La forma biologica delle specie di questa famiglia è in prevalenza idrofita radicante (I rad); ossia sono piante acquatiche perenni le cui gemme si trovano sommerse o natanti e hanno un apparato radicale che le ancora al fondale. Molte caratteristiche avvicinano queste piante alle Monocotiledoni anche se inizialmente sono state poste fra le Dicotiledoni.

Radici[modifica | modifica wikitesto]

Le radici sono secondarie da rizoma e sono fissate sul fondo fangoso.

Fusto[modifica | modifica wikitesto]

  • Parte ipogea: il fusto (la parte sommersa ovviamente) è carnoso, rizomatoso quasi tuberoso. Può essere eretto-ascendente o prostrato, come anche ramificato oppure no. Questo fusto è diverso dai fusti aerei delle piante terrestri in quanto non deve sostenere nessun peso; di conseguenza le parti legnose sono ridotte al minimo a favore dei tessuti aeriferi. Infatti questi fusti (come anche i piccioli e i peduncoli) sono percorsi da ampi canali aeriferi (per assicurare il galleggiamento e il trasferimento dell'ossigeno alle radici). In genere i fusti risultano flaccidi ma tenaci ed estensibili per adattarsi continuamente ai differenti livelli dell'acqua.
  • Parte epigea: praticamente assente.

Foglie[modifica | modifica wikitesto]

Le foglie sono ampie e di consistenza più o meno coriacea, lamina piana e peltata con picciolo inserito verso il centro della lamina in una insenatura stretta e profonda. Sono galleggianti ma a volte sono semi-sommerse. La forma è più o meno rotonda (o cordata o sagittata) con bordo continuo (in qualche caso può essere dentato). La lunghezza del picciolo è in funzione della profondità dell'acqua. Le due pagine (quella sopra e quella sotto) hanno ovviamente strutture anatomiche diverse interfacciando due elementi completamente differenti (aria e acqua). La lamina superiore è protetta da uno strato ceroso (questo per non essere bagnata, così l'acqua scivola via senza bloccare le aperture aerifere) e cosparsa da diversi stomi preposti appunto allo scambio aerifero ed è di colore verde. La lamina inferiore può essere violacea in quanto può contiene delle sostanze tipo antocianina. L'antocianina è un glucoside privo di azoto che ha la funzione di convertire i raggi luminosi del sole in calore[8][9]. In questo modo anche la parte inferiore della foglia collabora ad incrementare i processi metabolici di tutta la foglia. Le foglie hanno delle nervature che si irradiano dal nervo centrale fino in corrispondenza del margine della foglia. Spesso è presente un certo dimorfismo fogliare: in alcune specie sono presenti delle foglie sommerse, più chiare e fragili (a lamina quasi cartacea) non peltate.
Nei generi non europei si possono avere delle foglie con nervature provviste di spine (Euryale ferox), oppure con bordi rialzati (Victoria regia).

Infiorescenza[modifica | modifica wikitesto]

L'infiorescenza è formata da grandi fiori natanti generalmente solitari ascellari o extra-ascellari. La lunghezza del peduncolo, a sezione rotonda, è in funzione della profondità dell'acqua. Normalmente i fiori durano a lungo e generalmente si aprono durante il giorno a cielo sereno (nelle zone tropicali alcune specie hanno fiori notturni). Una caratteristica peculiare delle specie di questa famiglia è la transizione graduale e senza soluzione di continuità tra i petali e gli stami. Infatti i petali diminuiscono progressivamente di grandezza verso il centro-interno del fiore tanto che gli ultimi petali si presentano talmente contratti che possono essere configurati come dei filamenti staminali; in questo modo il fiore delle “ninfee” riesce a mette bene in evidenza tutta le struttura di passaggio e relative morfologie dai sepali fino all'androceo-gineceo (parte più interna e centrale del fiore).

Fiore[modifica | modifica wikitesto]

I fiori sono ermafroditi, attinomorfi, polipetali (con un numero imprecisato di petali), spirociclici (i petali sono a disposizione spiralata/ciclica[10]), in genere tutti gli altri elementi del fiore (calice e componenti riproduttivi) sono a disposizione spiralata. Il perianzio è ipogino. Il colore del fiore può essere bianco, roseo, rosso, viola, celeste e giallo o colorazioni intermedie.

* K 4-7, C 6-molti A molti, G 3-molti (semi-infero/supero) [11]
  • Corolla: la corolla si compone di diversi petali che possono essere grandi (più dei sepali) o più piccoli, ridotti a delle squame. La posizione dei petali sul ricettacolo non è a fossetta alla base, ma sono inseriti a diverse altezze a spirale sull'ovario (in realtà l'inserzione è sempre esterna al ricettacolo). Il nettare si trova alla base di questi petali sulla parte esterna della superficie.
  • Fioritura: in genere tra primavera e inizio estate.

Frutti[modifica | modifica wikitesto]

Il frutto è una bacca globosa a deiscenza irregolare; l'apice è coronato da ciò che rimane degli stili. La particolarità di questi frutti è che la loro maturazione può avvenire sott'acqua, mentre in altre specie avviene a pelo dell'acqua. In tutti i casi a fine fioritura il tessuto assiale di protezione del frutto si stacca in più parti dai carpelli liberi, in questo modo i numerosi semi, ellissoidi, lisci (in certi casi, o pubescenti e crestati in altri casi) e provvisti di albume, contenuti nel frutto hanno la via libera per la disseminazione[13].

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

Questa famiglia originaria probabilmente dell'Asia, ha ormai una distribuzione cosmopolita in tutti i continenti. Comprende specie rustiche perfettamente adattate ai nostri climi, e specie tropicali a fioritura diurna profumatissima (o anche notturna) soprattutto dell'emisfero boreale, ma vi sono anche specie abitatrici dell'Africa del sud, dell'Australia e della Nuova Guinea. Altre specie invece provengono dall'America del nord e dall'America tropicale.
L'habitat tipico sono le acque dolci non molto alte a lento deflusso sia a basso contenuto nutrizionale (ambiente oligotrofico), oppure in altri casi ricche di sostanze come azoto e fosforo (ambiente eutrofico).
Sui rilievi (relativamente all'areale europeo) queste piante si possono trovare fino a 1500 m s.l.m.; frequentano quindi i seguenti piani vegetazionali: collinare e in parte montano.

Usi[modifica | modifica wikitesto]

Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.

Farmacia[modifica | modifica wikitesto]

Alcune specie di questa famiglia hanno delle proprietà medicamentose per cui sono utilizzate nella medicina popolare. Sono utili contro la dissenteria, la dispepsia e le emorroidi.

Cucina[modifica | modifica wikitesto]

Alcune popolazioni utilizzano come cibo i rizomi i fiori. Altre piante di questa famiglia sono importanti per la ricchezza di amido. In Cina gli stami di alcune piante sono utilizzati per aromatizzare il tè.

Giardinaggio[modifica | modifica wikitesto]

Moltissime specie di questa famiglia sono utilizzate come piante ornamentali per decorare stagni, vasche e laghetti. L'impiego delle Ninfee nei giardini ha una storia antichissima se già 5000 anni prima di Cristo ci sono delle documentazioni di questo uso nell'antico Egitto[14]. Da queste piante per scopi soprattutto commerciali sono stati ricavati molti ibridi o cultivar specialmente in Francia in Inghilterra e negli Stati Uniti. L'impianto va fatto in acque poco profonde: 15 – 30 cm. Se la posizione è soleggiata una fioritura abbondante è garantita. La moltiplicazione può essere fatta per cespi (specialmente se si tratta di cultivar o ibridi e quindi facilmente sterili) o per seme.

Galleria fotografica[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Strasburger, op. cit., vol. 2 - pag. 799
  2. ^ Armen Takhtajan - Flowering Plants - Springer, 2009 (disponibile on-line anteprima limitata (EN) )
  3. ^ Angiosperm Phylogeny Website. URL consultato il 3 ottobre 2009.
  4. ^ Motta, op. cit., vol. 3 - pag. 113
  5. ^ Sandro Pignatti, op. cit., Vol. 1 – pag. 274
  6. ^ Motta, op. cit., vol. 3 - pag. 107
  7. ^ Strasburger, op. cit., vol. 2 – pag. 753 e pag. 799
  8. ^ Musmarra, op. cit., pag. 121
  9. ^ Strasburger, op. cit., vol. 1 - pag. 342
  10. ^ Pignatti, op. cit., vol. 1 - pag. 28
  11. ^ Tavole di Botanica sistematica. URL consultato il 2 ottobre 2009.
  12. ^ Motta - Vol. 3, op. cit., pag. 112
  13. ^ a b Strasburger, op. cit., pag. 800
  14. ^ Motta, op. cit., vol. 3 - pag. 112

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]