Nuovo Partito Socialista (San Marino)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nuovo Partito Socialista
Leader Augusto Casali
Stato San Marino San Marino
Fondazione 18 novembre 2005
Dissoluzione 30 maggio 2012
Sede Via dei Boschetti, 57
Borgo Maggiore
Ideologia Socialdemocrazia, riformismo
Collocazione Sinistra
Seggi massimi Consiglio Grande e Generale
4 / 60
 (2008)
Testata Il Binocolo
Sito web www.nuovopartitosocialista.sm

Il Nuovo Partito Socialista è stato un partito politico sammarinese.

Storia[modifica | modifica sorgente]

È stato fondato nel 2005 per volontà di dissidenti del Partito Socialista Sammarinese che non hanno aderito alla fusione di quest'ultimo col Partito dei Democratici in seguito alla quale è stato costituito il Partito dei Socialisti e dei Democratici.

Alle elezioni politiche del 2006 ha ottenuto 1.194 voti, pari al 5,41% delle preferenze vedendosi attribuire 3 seggi al Consiglio Grande e Generale.

Partito d'opposizione fino a dicembre 2008, dopo le elezioni vinte della coalizione guidata dal PDCS, il Nuovo Partito Socialista è entrato nel governo con il suo segretario Augusto Casali, nominato Segretario di Stato alla Giustizia, Informazione, Ricerca e Rapporti con le Giunte di Castello.

L'organo stampa del movimento politico era il mensile Il Binocolo.

Il partito ha cominicato poi una collaborazione con il Partito Socialista Riformista Sammarinese, che è culminata il 30 maggio 2012 con la fusione tra i due partiti e la costituzione del Partito Socialista.[1]

Congressi[modifica | modifica sorgente]

Risultati elettorali[modifica | modifica sorgente]

Lista Voti % Seggi
Politiche 2006 Consiglio Grande e Generale Nuovo Partito Socialista 1.194 5,41 3
Politiche 2008 Consiglio Grande e Generale Nuovo Partito Socialista-Noi Sammarinesi 1.317 6,28 4

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Partito Socialista - Storia, Partito Socialista. URL consultato il 9 novembre 2012.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]