Nuova Delhi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Nuova Dehli)
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando la voce riguardante l'intera metropoli indiana, vedi Delhi.
Nuova Delhi
distretto
(EN) New Delhi (HI) नई दिल्ली, Naī Dillī
Nuova Delhi – Veduta
Localizzazione
Stato India India
Stato federato Territorio di Delhi
Divisione Non presente
Amministrazione
Amministratore locale Najeeb Jung dal 09/07/2013
Territorio
Coordinate 28°36′N 77°12′E / 28.6°N 77.2°E28.6; 77.2 (Nuova Delhi)Coordinate: 28°36′N 77°12′E / 28.6°N 77.2°E28.6; 77.2 (Nuova Delhi)
Altitudine 210 m s.l.m.
Superficie 42 km²
Abitanti 249 998 (2011)
Densità 5 952,33 ab./km²
Altre informazioni
Lingue hindi, inglese
Cod. postale 110001[1]
Prefisso +011[2]
Fuso orario UTC+5:30
Cartografia
Mappa di localizzazione: India
Nuova Delhi
Sito istituzionale

Nuova Delhi (in hindi नई दिल्ली Naī Dillī, in urdu نئی دلی, in punjabi ਨਵੀਂ ਦਿੱਲੀ, in inglese New Delhi) è una città dell'India di 249.998 abitanti (2011)[3] oltre che distretto cittadino del territorio federato di Delhi; ed è la capitale nazionale. In base al numero di abitanti la città rientra nella classe I (da 100.000 persone in su)[4]. La sede amministrativa distrettuale è situata nel quartiere di Connaught Place.

Sede del governo della più popolosa democrazia liberale al mondo, Nuova Delhi è compresa in un'area metropolitana (quella di Delhi), che è la seconda più grande dell'India (13.782.976 abitanti in una stima del 2001).

Storia di Nuova Delhi[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Delhi#Storia.

Gran parte di Nuova Delhi fu progettata da Sir Edwin Lutyens all'inizio del XX secolo, che arrangiò un'imponente area amministrativa centrale destinandola alle pretese imperiali britanniche. A suo modo, per stravaganza e magnificenza, non è diversa da Washington, o dalla Parigi di Haussmann e del suo committente Napoleone III: entrambe città pensate per destar meraviglia nel nuovo arrivato, esprimendo la potenza dello Stato centrale. Altri indizi sono celati agli occhi del mondo da parte dei loro progettisti: la sede del Parlamento (Parliament House), di Herbert Baker, è perfettamente visibile dal Rajpath, dal momento che una democrazia in grado di decidere non faceva parte essenziale dei progetti della Gran Bretagna sull'India. L'ingresso principale al Segretariato Centrale (North Block) porta infatti questa scritta: "La libertà non cala verso la gente; è questa che deve innalzarsi verso di essa".
Un'area della città è stata dedicata ad Edwin Lutyens, la Lutyens' Delhi.

Capitale del Raj[modifica | modifica sorgente]

Mentre Calcutta venne storicamente associata alla presenza britannica in India, Delhi mantenne il ricordo dei principi indigeni, insieme alla grandezza dell'Impero che i burocrati del Raj tentarono di rafforzare assumendo il controllo di numerosi durbar per il Viceré e i Reali in visita. Fu solo nel 1911, da uno dei Durbar, che fu dato l'annuncio che la capitale del Raj era stata spostata da Calcutta a Delhi.

L'India Gate

India indipendente e autonoma[modifica | modifica sorgente]

Anche dopo l'indipendenza, una certa autonomia è stata concessa alla capitale ma essa resta largamente sotto un regime di Capi Commissari. Nel 1956 Delhi fu trasformata in un Territorio dell'Unione e gradualmente il Capo Commissario è stato rimpiazzato da un Governatore Generale. Nel 1991 l'Atto istitutivo del Territorio Nazionale della Capitale (National Capital Territory) è stato approvato dal parlamento e un sistema diarchico è stato introdotto. Sotto di esso al governo eletto sono stati affidati ampi poteri; salvo per la capacità legislativa e di mantenimento dell'ordine pubblico che sono rimasti prerogativa del Governo centrale. L'attuale sistemazione legislativa ha preso avvio nel 1993.

Geografia[modifica | modifica sorgente]

Struttura urbana[modifica | modifica sorgente]

Mappa di Nuova Delhi

Nuova Delhi è strutturata attorno a 2 viali centrali chiamati Rajpath e Janpath. Il Rajpath, o King's Way, si estende da Rashtrapati Bhavan all'India Gate. Il Janpath, ex Queen's Way, inizia al Connaught Circus e taglia il Shantipath ad angolo retto.
Nel cuore della città si trova il grande Rashtrapati Bhawan (già conosciuto come Viceroy's House), in cima alla collina di Raisina. Il Segretariato, che ospita abitazioni di vari ministri del governo indiano, si trovano al fianco esterno del Rashtrapati Bhawan. Il parlamento si trova sul Sansad Marg, che corre parallelo al Rajpath.

Localizzazione[modifica | modifica sorgente]

La città è situata a 28° 36' 0 N e 77° 12' 0 E e ha un'altitudine di 210 m s.l.m.[5] ; si trova nella parte centro-orientale del territorio di Delhi (della quale è uno dei 9 distretti costituenti), nei pressi delle rive del fiume Yamuna (affluente del Gange). I distretti di Delhi con cui confina sono (partendo da nord, in senso orario): Delhi Centro, Delhi Est, Delhi Sud e Delhi Sud Ovest).
La città di Nuova Delhi è suddivisa in 3 zone: Connaught Place, Parliament Street e Chanakya Puri.

Demografia[modifica | modifica sorgente]

Al censimento del 2001 la popolazione di Nuova Delhi assommava a 294.783 persone, delle quali 161.596 maschi e 133.187 femmine. I bambini di età inferiore o uguale ai sei anni assommavano a 30.949, dei quali 16.538 maschi e 14.411 femmine. Infine, coloro che erano in grado di saper almeno leggere e scrivere erano 226.532, dei quali 132.048 maschi e 94.484 femmine.[6]

Governo[modifica | modifica sorgente]

A tutto il 2005, la struttura governativa del Consiglio municipale di New Delhi (New Delhi Municipal council) comprende un Presidente, tre membri dell'Assemblea Legislativa di New Delhi (Legislative Assembly), due membri nominati dal Primo Ministro di New Delhi e cinque membri nominati dal Governo centrale.

Trasporti[modifica | modifica sorgente]

Metropolitana di Delhi

La metropolitana di Delhi, inaugurata il giorno di Natale del 2002, serve Nuova Delhi tramite le linee 2 e 3, che si incrociano nelle 2 stazioni di Connaught Place (l.2) e Rajiw Chowk (l.3)[7].
La linea 2 (Vishwa Vidyalaya-Central Secretariat), estesa su un asse nord-sud, serve la stazione ferroviaria di Nuova Delhi, e la collega anche con la stazione principale della metropoli, Delhi Chandni Chowk. La linea 3 (Dwarka Sec 9-Indraprastha) è invece estesa sull'asse ovest-est.
Fra i mezzi pubblici presenti in città e nell'area metropolitana vi sono anche gli Autobus, della Delhi Transport Corporation.
Un altro diffuso mezzo di trasporto popolare che opera a New Delhi è il popolare rickshaw che ospita 3 persone. Questi rickshaw (chiamati anche autorickshaw) sono disponibili a quasi tutte le fermate degli autobus, stazioni ferroviarie e aeroporti. Taxi privati sono anche disponibili alle varie stazioni di taxi in città.
L'aeroporto di riferimento è quello internazionale di Delhi, l'Indira Gandhi.

Cultura[modifica | modifica sorgente]

Padiglione Gujarat

Nuova Delhi è stata, nel 2003, Capitale mondiale del libro[8].
Essendo una capitale, gente di differenti culture risiedono a New Delhi. Delhi ha molte gallerie d'arte, inclusa la National Gallery of Modern Art, il Sahitya Kala Parishad e il Center for Contemporary Art. La città vanta numerosi centri di cultura indiana, i più notevoli dei quali sono il Triveni Kala Sangam e l'India International Center.

Vita notturna[modifica | modifica sorgente]

Alcuni locali notturni popolari e gli alberghi ad essi associati sono: C.J.'s (Le Meridien), Annabelle's (InterContinental The Grand), Dublin (Maurya Sheraton), Oasis (Hyatt Regency), Capitol (Ashok), Djinn's (Hyatt Regency), and My Kind of Place (Taj Palace). Altri posti includono lo Shalom (Greater Kailash), il Voda (Saket) e Fabric (sulla strada Gurgaon-Mehrauli).

Galleria fotografica[modifica | modifica sorgente]

Gemellaggi[modifica | modifica sorgente]

Distretti di Delhi

Personalità celebri[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) India Post, Pincode search - New Delhi. URL consultato il 28 luglio 2008.
  2. ^ (EN) Indiacom, STD Code list for City : N. URL consultato il 10 agosto 2008.
  3. ^ Censimento dell'India del 2011
  4. ^ (EN) Census of India, Alphabetical list of towns and their population - Delhi (PDF). URL consultato il 21 maggio 2008.
  5. ^ (EN) Falling Rain Genomics, Inc, New Delhi, India Page. URL consultato l'11 luglio 2008.
  6. ^ (EN) Census of India 2001, Population, population in the age group 0-6 and literates by sex - Cities/Towns (in alphabetic order): 2001. URL consultato il 20 giugno 2008.
  7. ^ Mappa sul sito www.urbanrail.net
  8. ^ World Book Capital, titolo annuale Unesco per le città che promuovono i libri e la lettura
  9. ^ Nata Beth Torbet

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

India Portale India: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di India