Nube Interstellare Locale

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
La struttura della Bolla Locale e le stelle che vi fanno parte; si nota la Nube Interstellare Locale.
Direzioni di movimento del sistema solare e delle nubi interstellari confinanti.

La Nube Interstellare Locale è una nube interstellare estesa per circa 30 anni luce attraverso la quale si sta muovendo attualmente il Sistema solare. Non è del tutto chiaro se il Sole si trovi proprio immerso nella nube o se si situi nella regione dove la nube interagisce con le strutture confinanti.[1]

Si ritiene che il Sole sia entrato in questa nube in un periodo compreso tra 44 000 e 150 000 anni fa e che vi resterà per i prossimi 10 000 – 20 000 anni.

Caratteristiche[modifica | modifica sorgente]

La nube ha una temperatura (in condizioni standard) di circa 6000 K,[2] più o meno la stessa temperatura della superficie del Sole. Tuttavia la sua capacità termica specifica è piuttosto limitata a causa della densità estremamente bassa, stimata in 0,26 atomi al centimetro cubo, inferiore a quella del mezzo interstellare della nostra Galassia (0,5 atomi/cm3), ma circa cinque volte quella della Bolla Locale (0,05 atomi/cm3) che circonda la nube.[3][4] Per raffronto, l'atmosfera terrestre, in condizioni standard, ha una densità di 2,7 × 1019 molecole al cm3, e ancora di 52 milioni a 150 km.[5].

La nube si è formata a partire dall'incontro tra la Bolla Locale e la Bolla Anello I. La Nube Locale circonda anche altre stelle, tra cui Alfa Centauri, Altair, Vega, Fomalhaut e Arturo.

La nube si sta muovendo verso l'esterno dall'Associazione Scorpius-Centaurus, un'associazione stellare caratterizzata da una notevole formazione stellare.[6] Le interazioni tra la nube e la Terra sono schermate dal vento solare e dal campo magnetico solare.[2] L'interazione con l'eliosfera è oggetto di rilevazione da parte dell'Interstellar Boundary Explorer (IBEX), un satellite della NASA dedicato alla mappatura del confine tra il sistema solare e lo spazio interstellare.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ http://www.centauri-dreams.org/?p=14203, Into the Interstellar Void, Centauri Dreams
  2. ^ a b Near-Earth Supernovas in NASA Science, NASA.gov, 6 gennaio 2003. URL consultato il 1º febbraio 2011.
  3. ^ http://interstellar.jpl.nasa.gov/interstellar/probe/introduction/neighborhood.html, Our Local Galactic Neighborhood, NASA
  4. ^ Boulanger, F.; Cox, P.; and Jones, A. P. in F. Casoli, J. Lequeux, & F. David (a cura di), Course 7: Dust in the Interstellar Medium, 2000, pp. 251. Bibcode:2000isat.conf..251B.
  5. ^ U.S. Standard Atmosphere, 1976 in Thermal Protection Systems Expert and Material Properties Database, NASA.gov, 27 settembre 2000. URL consultato il 24 giugno 2012.
  6. ^ The Local Interstellar Cloud in Astronomy Picture of the Day, NASA.gov, 2 febbraio 2010. URL consultato il 1º febbraio 2011.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Mark Anderson, Don't stop till you get to the Fluff, "New Scientist" no. 2585, 6 Jan, 2007, pp. 26–30

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]


oggetti del profondo cielo Portale Oggetti del profondo cielo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di oggetti non stellari
astronomia Portale Astronomia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di astronomia e astrofisica