Nu Orionis

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nu Orionis
Mappa della costellazione di OrioneMappa della costellazione di Orione
Classificazione stella multipla
Classe spettrale B1V C ~
Distanza dal Sole 1451 anni luce
Costellazione Orione
Redshift 40,00 ± 5,00
Coordinate
(all'epoca J2000.0)
Ascensione retta 05h 35m 31,3650s
Declinazione -05° 16′ 02,582″
Lat. galattica 208,9248°
Long. galattica -19,2736°
Dati fisici
Massa
14,5[1] M
Età stimata 100 000 anni[1]
Dati osservativi
Magnitudine app. 6,87
Magnitudine ass. -0,92
Parallasse 2,77 ± 0,88 mas
Moto proprio AR: 1,76 ± 0,78 mas/anno
Dec: 1,66 ± 0,51 mas/anno
Velocità radiale 40 ± 5 km/s
Nomenclature alternative
GSC 04774-00906, ROS -ORI 223, WH 307, ALS 16712, HD 37061, ROS -ORI 43, YZ 95 1673, AN 411.1928, HGAM 448, ROT 883, [AD95] 2360, BD -05 1325, HIC 26258, RX J053531.9-051545, [FBG2002] 996, CEL 842, HIP 26258, SAO 132328, [FDM2003] X 653, COUP J053531.3-051602, IRAS 05330-0517, [FDM2003] Opt 576, COUP 1468, JP11 5732, [GCS95] 314, CXOONC J053531.4-051602, JP11 5731, TD1 4946, [H97b] 2074, 2E 1383, JP11 5730, TKK 950, [KPM2006] 214, 2E 0533.0-0517, 2MASS J05353135-0516026, TKK J05353144-0516034, [KSP2003] J053531.03-051601.3, GCRV 3435, 2MASSI J0535313-051602, TYC 4774-906-1, [S58] 178, NGC 1977 747, UBV 21616, [TKT2002] I242, Parenago 2074, UBV M 51717, [TVZ96] 245, Glazar Ori 54, PPM 188230, uvby98 900010747 V

Nu Orionis è un sistema stellare di magnitudine 6,87 situata nella costellazione di Orione. Dista 1451 anni luce dal sistema solare[2].

Osservazione[modifica | modifica wikitesto]

Si tratta di una stella situata nell'emisfero celeste australe, ma molto in prossimità dell'equatore celeste; ciò comporta che possa essere osservata da tutte le regioni abitate della Terra senza alcuna difficoltà e che sia invisibile soltanto molto oltre il circolo polare artico. Nell'emisfero sud invece appare circumpolare solo nelle aree più interne del continente antartico. Essendo di magnitudine pari a 6,9, non è osservabile ad occhio nudo; per poterla scorgere è sufficiente comunque anche un binocolo di piccole dimensioni, a patto di avere a disposizione un cielo buio.

Il periodo migliore per la sua osservazione nel cielo serale ricade nei mesi compresi fra fine ottobre e aprile; da entrambi gli emisferi il periodo di visibilità rimane indicativamente lo stesso, grazie alla posizione della stella non lontana dall'equatore celeste.

Caratteristiche fisiche[modifica | modifica wikitesto]

Si tratta di un sistema stellare triplo; la componente principale è una stella bianco-azzurra di sequenza principale di classe spettrale B avente una massa 14 volte quella solare. Ha una compagna spettroscopica con periodo orbitale di 8 giorni ed una massa circa 3 volte quella del Sole, mentre più distante, a 0,47 secondi d'arco, si trova la terza componente del sistema, avente una massa all'incirca uguale a quella solare[3].

Possiede una magnitudine assoluta di -0,92 e la sua velocità radiale positiva indica che la stella si sta allontanando dal sistema solare.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Tetzlaff, N et al., A catalogue of young runaway Hipparcos stars within 3 kpc from the Sun in Monthly Notices of the Royal Astronomical Society, vol. 410, nº 1, gennaio 2011, pp. 190–200, DOI:10.1111/j.1365-2966.2010.17434.x.
  2. ^ Dati della stella dall'archivio Simbad
  3. ^ B. Stelzer et al., X-Ray Emission from Early-Type Stars in the Orion Nebula Cluster in The Astrophysical Journal, vol. 160, nº 2, ottobre 2005, p. 557, DOI:10.1086/432375.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

stelle Portale Stelle: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di stelle e costellazioni