Nu Ophiuchi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nu Ophiuchi
Mappa della costellazione di OfiucoMappa della costellazione di Ofiuco
Classificazione Gigante gialla
Classe spettrale G9III
Distanza dal Sole 151 anni luce
Costellazione Ofiuco
Coordinate
(all'epoca J2000.0)
Ascensione retta 17h 59m 01,542s
Declinazione -09° 46′ 25,08″
Dati fisici
Raggio medio 14 R
Massa
Periodo di rotazione 234 giorni[2]
Velocità di rotazione 3 km/s
Temperatura
superficiale
4825 K (media)
Luminosità
Metallicità 132% rispetto al Sole[3]
Età stimata 400 milioni di anni[2]
Dati osservativi
Magnitudine app. +3,31
Magnitudine ass. 0,00[3]
Parallasse 21,64 mas
Moto proprio AR: -9,48 mas/anno
Dec: -116,69 mas/anno
Velocità radiale +12,95 km/s
Nomenclature alternative
Sinistra, 64 Oph, BD–09 4632, FK5 673, HD 163917, HIP 88048, HR 6698, SAO 142004.

Nu Ophiuchi (ν Oph, ν Ophiuchi) è una stella della costellazione di Ofiuco, di magnitudine apparente +3,32, distante 151 anni luce dal sistema solare[3][2]. Viene talvolta chiamata con il nome tradizionale di Sinistra, derivante dal latino, nonostante la stella sia situata nella mano destra di Ofiuco[4].

Osservazione[modifica | modifica wikitesto]

Si tratta di una stella situata nell'emisfero australe celeste, ma molto in prossimità dell'equatore celeste; ciò comporta che possa essere osservata da tutte le regioni abitate della Terra senza alcuna difficoltà e che sia invisibile soltanto molto oltre il circolo polare artico.

La sua magnitudine pari a +3,31 le consente di essere scorta con facilità anche dalle aree urbane di moderate dimensioni, sebbene un cielo non eccessivamente inquinato sia maggiormente indicato per la sua individuazione.

Caratteristiche fisiche[modifica | modifica wikitesto]

Nu Ophiuchi è una gigante gialla di tipo spettrale G9III, talvolta classificata anche di classe K[3]. Possiede una massa circa 3 volte quella del Sole, rispetto al quale ha un raggio 14 volte superiore[1]. Nata come una stella di classe B8 circa 400 milioni di anni fa, ha ormai esaurito l'idrogeno all'interno del suo nucleo, e si è trasformata in gigante, entrando nell'ultimo stadio della sua esistenza[2].

Compagni substellari[modifica | modifica wikitesto]

Nu Ophiuchi e una delle nane brune in un'immagine di Celestia.

Nel 2004 è stata scoperta orbitare attorno ad essa una nana bruna in un periodo di 536 giorni. La massa stimata dell'oggetto è di almeno 21,9 volte la massa di Giove. Nel 2010 è stata scoperta una seconda nana bruna leggermente più massiccia (≥24.5 MJ), che orbita a circa 5,88 UA di distanza dalla stella, in un periodo di 3169 giorni[5]. Entrambe le nane brune sono state confermate nel 2012[6].

Prospetto del sistema
Pianeta Tipo Massa Periodo orb. Sem. maggiore Eccentricità Scoperta
b Nana bruna ≥21,9 MJ 536 giorni 1,88 UA 0,13 2004
c Nana bruna ≥24,5 MJ 3169 giorni 5,88 UA 0,18 2010

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Rotational and radial velocities 761 HIP giants (Massarotti+, 2008)
  2. ^ a b c d Nu Ophiuchi (Stars, Jim Kaler)
  3. ^ a b c d Extended Hipparcos Compilation (XHIP) (Anderson+, 2012)
  4. ^ Sinistra. Constellation of Words
  5. ^ Mitchell, D. S.; Frink, S.; Quirrenbach, A.; Fischer, D. A.; Marcy, G. W.; Butler, R. P., American Astronomical Society, Four Substellar Companions Found Around K Giant Stars, American Astronomical Society Meeting, 2003.
  6. ^ Bun'ei Sato et al., Substellar Companions to Seven Evolved Intermediate-Mass Stars in Publications of the Astronomical Society of Japan.arΧiv:1207.3141

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Stelle Portale Stelle: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di stelle e costellazioni