Nova Pazova

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nova Pazova
Sobborgo
Нова Пазова
Localizzazione
Stato Serbia Serbia
Provincia Coat of arms of Vojvodina.svg Voivodina
Distretto Sirmia
Comune Stara Pazova
Territorio
Coordinate 44°56′41″N 20°13′11″E / 44.944722°N 20.219722°E44.944722; 20.219722 (Nova Pazova)Coordinate: 44°56′41″N 20°13′11″E / 44.944722°N 20.219722°E44.944722; 20.219722 (Nova Pazova)
Superficie 24,4 km²
Abitanti 17 106 (2011)
Densità 701,07 ab./km²
Altre informazioni
Fuso orario UTC+1
Targa RU
Cartografia
Mappa di localizzazione: Serbia
Nova Pazova

Nova Pazova (in serbo: Нова Пазова) è un sobborgo della municipalità serba di Stara Pazova, nel distretto della Sirmia, appartenente alla provincia della Voivodina. Al censimento del 2011 contava 17.106 abitanti, in maggioranza di etnia serba.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Nova Pazova venne fondata sotto l'amministrazione asburgica nel 1791 in una zona paludosa e venne popolata da coloni tedeschi svevi di fede protestante evangelica. L'insediamento crebbe dagli originali 51 coloni, comprendenti elementi provenienti da Benningen, Marbach am Neckar, Schopfheim, Schorndorf e Tubinga, dal Palatinato e dall'Assia, come a Maglić nella Bačka.

Inizialmente l'insediamento era parte della frontiera militare asburgica ed i coloni tedeschi, appena arrivati, dovettero prestare servizio per le prime decadi come guardie di confine. Nel 1848-1849 l'insediamento era parte dell'autonoma Vojvodina serba ma già nel 1849 venne incorporato nel territorio militare di frontiera. Dopo l'abolizione dei confini del 1882, l'insediamento entrò a far parte della contea di Sirmia del Regno di Croazia e Slavonia, un regno autonomo, ma integrato nel territorio della Corona di Santo Stefano e nell'Impero austro-ungarico. Secondo il censimento del 1910 la maggior parte degli abitanti di questo insediamento parlava la lingua tedesca.

Nuova chiesa aortodossa in costruzione a Nova Pazova

Nel 1918 l'insediamento divenne prima parte dello Stato degli Sloveni, Croati e Serbi, poi parte del Regno di Serbia ed infine parte del Regno di Yugoslavia. Dal 1918 al 1922 esso era parte della contea di Sirmia, dal 1922 to 1929 parte dell'oblast' di Sirmia e dal 1929 al 1941 del Banato del Danubio.

Dal 1941 al 1944 esso fu sottomesso all'occupazione delle potenze dell'Asse e fu annesso alla Contea di Vuka dello Stato Indipendente di Croazia. Nel 1944 esso contava più di 6.000 residenti, in gran parte fattori svevi danubiani con i loro braccianti serbi. Il 6 ottobre 1944 gli abitanti di lingua tedesca fuggirono di fronte all'avanzata delle truppe sovietiche, diretti in massa verso l'Alta Austria.

Da allora l'insediamento entrò a far parte della Vojvodina yugoslava, che dal 1945 era parte della nuova Repubblica Socialista di Serbia, all'interno della stessa Yugoslavia. Subito dopo la fine della seconda guerra mondiale la zona venne ripopolata da nuovi coloni, in maggior parte serbi, che provenivano dalla Bosnia ed Erzegovina, dalla Croazia e da altre parti della Serbia. Il censimento, effettuato dopo la fine della guerra, evidenziò in Nova Pazova una maggioranza etnica serba. Da una popolazione di 4.604 abitanti nel 1948, l'insediamento giunse al culmine di 18.214 nel 2002.

Demografia[modifica | modifica sorgente]

  • 1948: 4.604
  • 1953: 6.082
  • 1961: 10.990
  • 1971: 10.658
  • 1981: 15.488
  • 1991: 16.016
  • 2002: 18.214
  • 2011: 17.106

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Slobodan Ćurčić, Broj stanovnika Vojvodine, Novi Sad, 1996

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Serbia Portale Serbia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Serbia