Nova Muscae 1991

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nova Muscae 1991 A / B
Classificazione Buco nero
Nana arancione
Classe spettrale K3V-K7V
Distanza dal Sole 4564 anni luce
Costellazione Mosca
Coordinate
(all'epoca J2000)
Ascensione retta 11h 26m 26.60s
Declinazione -68° 40′ 32.3″
Dati fisici
Massa
6,95 / 0,85[1] M
Dati osservativi
Magnitudine app.
+13,3 (media)

Nova Muscae 1991, o GRS 1124-683, è una sorgente di raggi X e gamma contenente un candidato buco nero facente parte di un sistema binario con una nana di tipo spettrale K, lontana 4564 anni luce e di magnitudine di 20.

È stata scoperta dal satellite Ginga il 9 gennaio 1991 durante un'esplosione di raggi X. Come altri candidati buchi neri classificati come novae di questo tipo, è un sistema dove il buco nero attrae materia dalla compagna formando un disco di accrescimento attorno a sé, e dove il materiale che cade sul buco nero genera periodicamente le esplosioni del gas sottratto alla compagna.

Caratteristiche del sistema[modifica | modifica sorgente]

Il buco nero ha una massa stimata in 7 volte quella solare, mentre la compagna ha una massa del 85% di quella del Sole, ha un terzo della sua luminosità ed è più fredda, di colore arancione. Probabilmente la nana arancione ha anche perso i suoi strati più esterni, spazzati via quando la stella che ha generato il buco nero esplose in una supernova. La distanza dal buco nero della compagna visibile è di circa 3,2 milioni di  km, mentre il suo periodo orbitale è di appena 10,4 ore.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Cataclysmic Binaries, LMXBs, and related objects (Ritter+, 2011)

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]