Notte di maggio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Notte di maggio
Titolo originale Майская ночь
Lingua originale russo
Musica Nikolaj Andreevič Rimskij-Korsakov
Libretto Nikolaj Andreevič Rimskij-Korsakov
Fonti letterarie Nikolaj Vasil'evič Gogol', novella omonima
Atti tre
Epoca di composizione 1878-1879
Prima rappr. 9 (21) gennaio 1880
Teatro Teatro Mariinskij,
San Pietroburgo
Personaggi
  • Il capo del villaggio (basso)
  • Levko, suo figlio (tenore)
  • La cognata del capo del villaggio (mezzosoprano)
  • Ganna (mezzosoprano)
  • Il Cancelliere del villaggio (basso)
  • Il Distillatore (tenore)
  • Kalenik (baritono)
  • Pannočka, una Rusalka (soprano)
  • Prima Rusalka, la Chioccia (mezzosoprano)
  • Seconda Rusalka, la Cornacchia (mezzosoprano)
  • Terza Rusalka, la Matrigna (mezzosoprano)
  • Coro (abitanti del villaggio, guardie, rusalki)

Notte di maggio è la seconda opera composta da Nikolaj Andreevič Rimskij-Korsakov.

Genesi dell'opera[modifica | modifica wikitesto]

Secondo le parole di Rimskij-Korsakov, la raccolta di novelle di Gogol' Veglie alla fattoria presso Dikan'ka (1831-1832) era il suo libro più amato sin dall'infanzia, e la novella Notte di maggio era la sua preferita. L'idea di usarne il soggetto per ricavare un'opera fu suggerita nel 1872 al compositore dalla sua futura moglie, a cui poi fu dedicata l'opera. Nello scrivere il libretto, Rimskij-Korsakov si sforzò di rispettare il più possibile il soggetto ed i dialoghi, presenti in abbondanza nel racconto.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

L'azione si svolge in Ucraina, vicino al villaggio di Dikan'ka, nella settimana di Pentecoste o delle Rusalki, all'inizio del XIX secolo.

Atto I[modifica | modifica wikitesto]

La strada del villaggio presso la casa di Ganna, di sera. I paesani intonano un canto popolare. Dopo che se ne sono andati, Levko canta alla finestra di Ganna accompagnandosi con una bandura. La ragazza esce di casa, anche se teme che qualcuno li possa vedere. Dopo alcune battute, lei chiede di una vecchia casa vicino a uno stagno. Levko racconta che era abitata da un sotnik dei cosacchi vedovo e da sua figlia Pannočka. Il cosacco in seguito si risposò con una donna che in realtà era una strega, che riuscì a fargli cacciare di casa la figlia. La ragazza, disperata, si annegò nello stagno, e diventò la regina delle rusalki. Una notte, mentre stavano danzando alla luce della luna, videro la strega che camminava, la afferrarono e la gettarono nell'acqua, ma lei si trasformò in rusalka per non essere individuata. Si dice che ora, quando qualcuno si avvicina allo stagno, Pannočka gli chieda di indovinare chi di loro sia la strega matrigna. Finita la storia, Ganna rientra e alcune ragazze intonano una canzone triste. Sopraggiunge Kalenik, ubriaco, che importuna le ragazze: queste lo mandano alla casa del capo del villaggio, facendogli credere che sia la sua. Entra in scena il capo del villaggio che chiama Ganna, mentre Levko osserva di nascosto. Il capo, che ambisce alla mano di Ganna, cerca di fare colpo raccontandole la solita vecchia storia di essere stato guida di Caterina II, ma lei lo respinge e torna in casa. Levko raduna le ragazze del villaggio e insegna loro una canzone che si fa beffe del padre.

Atto II[modifica | modifica wikitesto]

Scena Prima. L'interno della casa del capo del villaggio, la sera tardi. Il capo del villaggio e sua cognata sono a cena con il distillatore, che ha intenzione di demolire la vecchia casa sullo stagno per costruire una distilleria. Kalenik irrompe in casa causando scompiglio; poi una pietra rompe una finestra, facendo imprecare il padrone di casa contro l'ignoto vandalo. Il superstizioso distillatore lo ammonisce a non parlare così, raccontadogli che sua suocera era stata perseguitata dal fantasma di chi era stato maledetto da lei mentre era in vita. All'improvviso da fuori si odono le ragazze cantare la canzone che Levko ha insegnato loro. Il vento fa spegnere le luci, e nella confusione il capo del villaggio cattura qualcuno e lo rinchiude in una stanza, credendo che sia chi ha scagliato la pietra. Arriva il cancelliere che racconta della bravata delle ragazze, sostenendo di averne catturato il capo. Il capo del villaggio incredulo chiede della luce e apre la porta serrata: ne esce sua cognata, che, alquanto arrabbiata, lascia la casa. Il capo del villaggio, il distillatore e il cancelliere decidono di regolare i conti con il vero mascalzone una volta per tutte.

Scena seconda. La strada presso la casa del cancelliere, di notte. I tre arrivano trepidanti alla casa del cancelliere, dove il birbante è rinchiuso. Aprono la porta, ma esce ancora la cognata del capo del villaggio, sempre più infuriata. I tre, che temono che sia in realtà un diavolo, la costringono a farsi il segno della croce per assicurarsi della sua identità. Infine arrivano le guardie del villaggio, che hanno fatto prigioniero l'incolpevole Kalenik; il capo del villaggio li convince ad unirsi alla sua caccia, minacciandoli dell'arrivo del commissario.

Atto III[modifica | modifica wikitesto]

La riva dello stagno presso la casa del cosacco, notte illuminata dalla luna. Levko canta pensando alla sua amata, e chiede alla luna di illuminargli il cammino verso la sua dimora. Una finestra della vecchia casa si apre, e appare Pannočka, che chiede a Levko di continuare a cantare. In preda a una strana sensazione, Levko canta ancora. Sulla riva compaiono tre rusalki, e Levko sbigottito si unisce al loro girotondo, sempre cantando, mentre Pannočka gli chiede di indicare quale sia la strega matrigna. Levko riesce a capire chi è la matrigna durante un gioco e la indica; le altre rusalki si avventano su di lei e la trascinano in fondo allo stagno. In segno di gratitudine Pannočka dà a Levko una lettera da consegnare a suo padre e scompare. Il giovane, che non sa leggere, non ne può apprendere il contenuto. Il capo del villaggio arriva con le guardie che catturano Levko. Il giovane mostra al padre la lettera, che viene letta a voce alta dal cancelliere: essa risulta scritta dal commissario, che intima al capo del villaggio di permettere le nozze del figlio con Ganna. Ormai è l'alba e Levko inventa la storia che quel giorno arriverà il commissario per cena: il capo del villaggio quindi celebra il matrimonio. Levko e Ganna dicono una preghiera per Pannočka, Kalenik irrompe di nuovo, la cognata strapazza ancora il capo del villaggio, ed il popolo festeggia.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Nikolaj Andreevič Rimskij-Korsakov
Nikolaj Andreevič Rimskij-Korsakov
Opere di Nikolaj Andreevič Rimskij-Korsakov

La fanciulla di Pskov · Notte di maggio · La fanciulla delle nevi · Mlada · La notte prima di Natale · Sadko · Mozart e Salieri · La boiarda Vera Šeloga · La fidanzata dello zar · La favola dello zar Saltan · Servilia · Kaščej l'immortale · Pan voevoda · La leggenda dell'invisibile città di Kitež e della fanciulla Fevronija · Il gallo d'oro