Not to Touch the Earth

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Not to Touch the Earth

Artista The Doors
Tipo album Singolo
Pubblicazione 13 luglio 1968
Durata 3 min:54 sec
Album di provenienza Waiting for the Sun
Genere Rock psichedelico
Acid rock
Etichetta Elektra Records
Produttore Paul A. Rothchild
Registrazione febbraio-maggio 1968
Formati 45 giri
The Doors - cronologia
Singolo precedente
(1967)
Singolo successivo
(1967)

Not to Touch the Earth è un singolo dei The Doors, inserito nel loro album Waiting for the Sun. Ha origine da una raccolta di poesie di Jim Morrison intitolata Celebration of the Lizard. Una registrazione completa di quest'ultima fu tentata alle sessioni per l'album, ma solo il passaggio musicale Not to Touch the Earth era ritenuto adatto per la pubblicazione. Così la poesia fu pubblicata sulla copertina dell'album in forma scritta. La raccolta completa di tali poesie fu realizzata solamente nel 2003 sulla compilation Legacy: The Absolute Best.

I Deceased hanno pubblicato una loro versione della canzone intitolata Queens of the Stone Age.

Influenze[modifica | modifica sorgente]

La canzone comincia con le parole "Not to touch the earth, not to see the sun..." ("Non per toccare la terra, non per vedere il sole..."). Queste parole vengono prese dal sessantesimo capitolo del saggio Il ramo d'oro dell'antropologo scozzese James Frazer. Il capitolo si intitola Between Heaven and Earth (Tra il paradiso e la terra), e il primo sottocapitolo invece è intitolato Not to Touch the Earth, e il secondo Not to See the Sun; il lavoro di Frazer infatti ha influito su Morrison, secondo la biografia No One Here Gets Out Alive.

rock Portale Rock: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di rock