Nosema apis

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Nosema apis
Immagine di Nosema apis mancante
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Fungi
Divisione Zygomycota
Classe Microsporidia
Ordine Dissociodihaplophasida
Sottordine Nosematiodea
Famiglia Nosimatidae
Genere Nosema
Specie Nosema Apis

Nosema apis è un microsporidio, parassita unicellulare che affligge normalmente le api. Causa la nosemiasi, a cui spesso ci si riferisce con il termine nosema, e che con la Varroa destructor costituisce la patologia maggiormente diffusa.

Lo stato dormiente del nosema è costituito da spore resistenti alle variazioni di temperatura e di umidità. Le spore di nosema non possono essere infatti distrutte con il congelamento dei favi contaminati.

Si localizzano nelle cellule dell’epitelio intestinale ed in altre cellule. Le spore sono circondate da uno spesso involucro prodotto dalla cellula che vi è contenuta; entro la spora vi è un “filamento polare” che si diparte da un sacco, o “cappa polare”, e si avvolge nella parte periferica della cellula. Presso la cappa polare vi è una struttura formata da membrane arrangiate in vario modo, dette “polaroplasto”, probabilmente coinvolto nell’estroflessione del filamento. Il filamento assicura l’aggancio alle cellule dell’ospite e serve anche come dotto di uscita per l’amebula; questa entra nelle cellule intestinali ove inizia l’accrescimento. Il trofozoide presenta il citoplasma privo di mitocondri; esso va incontro ad una serie di divisioni in seguito alle quali si formano molte cellule: ognuna di queste dà luogo ad una spora. Le cellule ospiti divengono ipertrofiche e rilasciano le spore mature che escono all’esterno con le feci.

Sintomi[modifica | modifica wikitesto]

I sintomi della nosemiasi possono essere spesso confusi con altre patologie dell'ape mellifera. Tra questi sono identificabili i seguenti:

  • lento accrescimento primaverile della famiglia;
  • dissenteria evidenziata da frequenti deiezioni di colore giallastro all'esterno della colonia;
  • ali disgiunte;
  • addome gonfio;
  • assenza del riflesso del pungiglione;
  • frequente sostituzione precoce della regina.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Bailey, L., 1955. The infection of the ventriculus of the adult honey bee by Nosema apis Zander. Parasitology 45, 86-94.

Fries, I., 1997. Protozoa, 3rd ed., in Morse R.A., Flottum K. (Eds.), Honey bee pests, predators and disease, A.I. Root, Medina, OH.

Fries, I., Ekbohm, G., Villumstad, E., 1984. Nosema apis sampling techniques and honey yeld. J. Apic. Res. 23, 102-105.

Matheson, A., 1993. World bee health report. Bee World 74, 179-212. Office International des Epizooties, 2000. Manual of Standards for Diagnostic Test and Vaccines: pp. 793-796.

Office International des Epizooties, 2002. Sanidad Animal Mundial en 2002 (2): pp. 518-519.

Webster, T., Pomper, K., Hunt, G., Thacker, E., Jones, S., 2004. Nosema apis infection in worker and queen Apis mellifera. Apidologie 35, 49-54.