Northrop XFT

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Northrop XFT
North-xft2.jpg
Descrizione
Tipo aereo da caccia
Equipaggio 1
Costruttore Stati Uniti Northrop
Data primo volo 16 gennaio 1934
Esemplari 1
Dimensioni e pesi
Lunghezza 6,68 m (21 ft 11 in)
Apertura alare 9,75 m (32 ft 0 in)
Altezza 2,87 m (9 ft 5 in)
Superficie alare 16,4 (177 ft²)
Peso a vuoto 1 120 kg (2 489 lb)
Peso carico 1 704 kg (3 756 lb)
Peso max al decollo 1 816 kg (4 003 lb)
Propulsione
Motore un radiale Wright R-1510-26 Whirlwind
Potenza 625 hp (466 kW)
Prestazioni
Velocità max 378 km/h (235 mph, 204 kt) a 6 000 ft (1 380 m)
Velocità di salita a 6 000 ft (1 830 m) in 2,6 min
Tangenza 8 075 m (26 500 ft)
Armamento
Mitragliatrici 2 Browning M1919 calibro .30 in (7,62 mm)
Bombe 2 da 116 lb (53 kg)
Note dati relativi al prototipo XFT-1

i dati sono estratti da McDonnell Douglas Aircraft since 1920[1]

voci di aerei militari presenti su Wikipedia

Il Northrop XFT era un caccia monomotore ad ala bassa sviluppato dall'azienda statunitense Northrop Corporation negli anni trenta e rimasto allo stadio di prototipo.

Sviluppato per rispondere ad una specifica emessa dal United States Navy, la marina militare statunitense, per un caccia imbarcato per equipaggiare le proprie portaerei, dopo la valutazione venne accreditato di scarsa maneggevolezza quindi respinto. L'unico prototipo realizzato venne perso in un incidente.

Varianti[modifica | modifica wikitesto]

XFT-1
prototipo, versione caccia navale equipaggiato con un motore radiale Wright Whirlwind.
XFT-2
ridesignazione dell' XFT-1 a seguito di alcune importanti modifiche e la rimotorizzazione eseguita con un radiale Pratt & Whitney R-1535 Twin Wasp.
Northrop 3A
ulteriore sviluppo dell' XFT come caccia basato a terra.
Vought V-143
ulteriore sviluppo effettuato dalla Vought dopo l'acquisto del progetto del Northrop 3A.
Vought AXV
designazione assegnata dal Dai-Nippon Teikoku Kaigun Kōkū Hombu, il Servizio aeronautico della Marina Imperiale Giapponese, al V-143 sottoposto a valutazione in Giappone.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Francillion 1979, pag. 176.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Francillion, René J. McDonnell Douglas Aircraft since 1920. London:Putnam, 1979. ISBN 0-370-00050-1.
  • Green, William and Swanborough, Gordon. The Complete Book of Fighters. New York: Smithmark, 1994. ISBN 0-8317-3939-8.