Norman Schwarzkopf

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
« Non ci vuole un eroe per guidare gli uomini in battaglia. Gli eroi sono quegli uomini che vanno in battaglia »
(Norman Schwarzkopf)
Herbert Norman Schwarzkopf
Norman Schwarzkopf
Norman Schwarzkopf
22 agosto 1934 - 27 dicembre 2012
Soprannome Stormin Norman
The Bear
Nato a Trenton
Morto a Tampa
Dati militari
Paese servito Stati Uniti Stati Uniti
Forza armata United States Army
Anni di servizio 1956 - 1991
Grado Generale a 4 stelle
Guerre Guerra del Vietnam
Guerra del Golfo
Battaglie Operazione Urgent Fury
Comandante di 198th Infantry Brigade
9th Infantry Division
24th Infantry Division
I Corps
USA Central Command
Studi militari Accademia militare di Valley Forge
Accademia militare di West Point

fonti nel testo

voci di militari presenti su Wikipedia

Herbert Norman Schwarzkopf jr. (Trenton, 22 agosto 1934Tampa, 27 dicembre 2012) è stato un generale statunitense, protagonista dell'operazione Desert Storm nella Guerra del Golfo.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Figlio del militare di carriera Herbert Norman Schwarzkopf Senior, il suo rapporto col Golfo Persico comincia molto presto. A 12 anni, nel 1946, si sposta infatti con la famiglia a Teheran, dove suo padre è coinvolto nell'Operazione Ajax e fa parte della gendarmeria dello scià Mohammad Reza Pahlavi.

Dopo aver frequentato le scuole superiori a Teheran e successivamente a Ginevra, Schwarzkopf torna negli Stati Uniti e si iscrive all'accademia militare di Valley Forge, in Pennsylvania, per poi completare gli studi a West Point, dove si laurea nel 1956 in ingegneria meccanica. Nel 1960 è a Berlino con la Sesta divisione di Fanteria e vi rimane fino a poche settimane prima della costruzione del muro.

Nel 1965 lo troviamo in Vietnam come addestratore, e in quel periodo viene promosso da capitano a maggiore. Nel 1968 diventa tenente colonnello e nello stesso anno sposa Brenda Holsinger, dalla quale avrà tre figli: Jessica, Christian e Cynthia.

Nei primi anni settanta un delicato intervento chirurgico alla colonna lombare lo costringe a una lunga convalescenza. Viene così destinato a un incarico presso gli uffici del Pentagono, ma subito dopo viene inviato in Alaska, e successivamente a comandare le forze armate NATO a Magonza (Germania). In questa città sarà anche capo del servizio di sicurezza in occasione della visita di papa Giovanni Paolo II.

Nel 1988 prende il comando della base di Tampa, Florida, e si occupa delle missioni nel Corno d'Africa, in Medio Oriente e nel Sud dell'Asia.

Colin Powell, Norman Schwarzkopf e Paul Wolfowitz ad una conferenza stampa di Dick Cheney nel 1991

Per la sua esperienza come stratega, gli viene chiesto di preparare dei piani dettagliati di difesa per i pozzi petroliferi del Golfo Persico contro un'eventuale invasione dell'Iraq.

Di lì a qualche mese, i piani troveranno una concreta utilizzazione in occasione della Guerra del Golfo, con quella che sarà chiamata "Operazione Desert Storm".

"Stormin' Norman", così verrà soprannominato in quella occasione, sarà uno dei personaggi più visibili sui media nei mesi del conflitto, rilasciando interviste e partecipando a conferenze stampa. Per la sua massiccia corporatura (1.95 di altezza per 120 kg di peso), verrà anche soprannominato "The Bear" (l'orso).

L'8 agosto 1991 lascia la carriera militare. La stampa dell'epoca riferisce voci secondo cui Schwarzkopf starebbe preparando un suo ingresso in politica, ma in realtà anche dopo la pensione il generale continua a proporsi come consulente militare. Nel 1993 viene colpito da un cancro alla prostata per il quale verrà curato con successo, e diventa testimonial di una campagna per la diagnosi precoce di questa malattia.

Nel corso della sua lunga carriera militare ha ricevuto numerose onorificenze, tra cui 2 Purple Heart, 3 Silver Star, 2 Bronze Star. Ha ricevuto inoltre, unico cittadino statunitense, la Gran Croce della Legion d'Onore della Repubblica Francese.

È stato membro del MENSA e ha vissuto gli ultimi anni della sua vita in Florida. È scomparso a Tampa il 27 dicembre 2012 all'età di 78 anni a seguito di una polmonite[1].

Onorificenze[modifica | modifica sorgente]

Onorificenze statunitensi[modifica | modifica sorgente]

Presidential Medal of Freedom - nastrino per uniforme ordinaria Presidential Medal of Freedom
immagine del nastrino non ancora presente Medaglia d'oro del Congresso
Defense Distinguished Service Medal - nastrino per uniforme ordinaria Defense Distinguished Service Medal
Army Distinguished Service Medal con tre foglie di quercia - nastrino per uniforme ordinaria Army Distinguished Service Medal con tre foglie di quercia
Navy Distinguished Service Medal - nastrino per uniforme ordinaria Navy Distinguished Service Medal
Air Force Distinguished Service Medal - nastrino per uniforme ordinaria Air Force Distinguished Service Medal
Coast Guard Distinguished Service Medal - nastrino per uniforme ordinaria Coast Guard Distinguished Service Medal
Silver Star con due foglie di quercia - nastrino per uniforme ordinaria Silver Star con due foglie di quercia
Defense Superior Service Medal - nastrino per uniforme ordinaria Defense Superior Service Medal
Legionario della Legion of Merit - nastrino per uniforme ordinaria Legionario della Legion of Merit
Distinguished Flying Cross - nastrino per uniforme ordinaria Distinguished Flying Cross
Bronze Star Medal con dispositivo "V" e due foglie di quercia - nastrino per uniforme ordinaria Bronze Star Medal con dispositivo "V" e due foglie di quercia
Purple Heart con foglia di quercia - nastrino per uniforme ordinaria Purple Heart con foglia di quercia
Meritorious Service Medal - nastrino per uniforme ordinaria Meritorious Service Medal
Air Medal con numero "9" - nastrino per uniforme ordinaria Air Medal con numero "9"
Army Commendation Medal con tre foglie di quercia - nastrino per uniforme ordinaria Army Commendation Medal con tre foglie di quercia
Army Meritorious Unit Commendation - nastrino per uniforme ordinaria Army Meritorious Unit Commendation
Army of Occupation Medal - nastrino per uniforme ordinaria Army of Occupation Medal
National Defense Service Medal con stella di servizio - nastrino per uniforme ordinaria National Defense Service Medal con stella di servizio
Armed Forces Expeditionary Medal - nastrino per uniforme ordinaria Armed Forces Expeditionary Medal
Vietnam Service Medal con quattro stelle di servizio di bronzo - nastrino per uniforme ordinaria Vietnam Service Medal con quattro stelle di servizio di bronzo
Army Service Ribbon - nastrino per uniforme ordinaria Army Service Ribbon
Army Overseas Service Ribbon con numero "3" - nastrino per uniforme ordinaria Army Overseas Service Ribbon con numero "3"
immagine del nastrino non ancora presente United States Republican Senatorial Medal of Freedom

Onorificenze straniere[modifica | modifica sorgente]

Grand'Ufficiale dell'Ordine della Legion d'Onore (Francia) - nastrino per uniforme ordinaria Grand'Ufficiale dell'Ordine della Legion d'Onore (Francia)
Cavaliere Commendatore Onorario dell'Ordine del Bagno (Regno Unito) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere Commendatore Onorario dell'Ordine del Bagno (Regno Unito)
Croce al Valore del Vietnam con palma (Vietnam del Sud) - nastrino per uniforme ordinaria Croce al Valore del Vietnam con palma (Vietnam del Sud)
Medaglia d'Onore delle Forze Armate (Vietnam del Sud) - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia d'Onore delle Forze Armate (Vietnam del Sud)
Medaglia per Azioni Civili del Vietnam con palma (Vietnam del Sud) - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia per Azioni Civili del Vietnam con palma (Vietnam del Sud)
Medaglia della Campagna del Vietnam (Vietnam del Sud) - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia della Campagna del Vietnam (Vietnam del Sud)

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Maddalena Oliva, Fuori Fuoco. L'arte della guerra e il suo racconto, Bologna, Odoya 2008. ISBN 978-88-6288-003-9.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Morto Norman Schwarzkopf comandante di Desert Storm Lastampa.it

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 84037138 LCCN: n85185645