Norma morale

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

La norma morale è il precetto sociale, riguardante un'azione (da compiere o da omettere) sanzionabile, ossia seguita dalla minaccia di una reazione alla sua violazione (la sanzione), ma non coercibile, cioè seguito dalla minaccia di una sanzione realizzabile coattivamente.

Distinzione tra norma morale e norma giuridica[modifica | modifica sorgente]

La norma morale si differenzia dalla norma giuridica, che è il precetto sociale, esteriore, sanzionato e coercibile.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Biscaretti Di Ruffia, Introduzione al diritto costituzionale comparato, Milano, 1988.
  • A. Cerri, Istituzioni di diritto pubblico, Milano, 2006.
  • G. Jellinek, La dottrina generale del diritto dello Stato, Milano, 1949.
  • H. Kelsen, Teoria generale del diritto e dello Stato, Milano, 1980.
  • T. Martines, Diritto costituzionale, Milano, 2005.
  • M. Mazziotti Di Celso et G. M. Salerno, Manuale di diritto costituzionale, Padova, 2005.
  • Orlando, Principi di diritto costituzionale, Firenze, 1917.
  • L. Paladin, Diritto costituzionale, Padova, 1998.
  • S. Romano, Principi di diritto costituzionale generale, Milano, 1947.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]