Norma Cossetto

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Norma Cossetto

Norma Cossetto, talvolta menzionata erroneamente come Norma Corsetto (Visinada, 17 maggio 1920Antignana, 4 o 5 ottobre 1943), fu una studentessa italiana, istriana di un paese vicino Visignano, uccisa da partigiani titini nel 1943 nei pressi della foiba di Villa Surani.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

La famiglia Cossetto viveva nella frazione di Santa Domenica di Visinada (oggi comune della Croazia). Il padre, Giuseppe Cossetto, era un dirigente locale del Partito Nazionale Fascista: ricoprì a lungo l'incarico di segretario politico del Fascio locale e di commissario governativo delle Casse Rurali. Inoltre fu anche podestà di Visinada. Nel 1943 era ufficiale della Milizia Volontaria per la Sicurezza Nazionale e in seguito ai fatti dell'8 settembre fu trasferito presso il Comando della Milizia di Trieste[1].

La figlia Norma si diplomò presso il Regio Liceo Vittorio Emanuele III di Gorizia, per poi iscriversi al corso di lettere e filosofia dell'università di Padova, aderendo, nel frattempo, ai Gruppi Universitari Fascisti della più vicina Pola. A partire dal 1941 alternò lo studio a supplenze scolastiche a Pisino e a Parenzo[2]. Nell'estate 1943 stava preparando la tesi di laurea intitolata Istria Rossa (il rosso del titolo è relativo alla terra ricca di bauxite dell'Istria): il relatore era il geografo Arrigo Lorenzi[3]. In ragione dei propri studi, la Cossetto girava in bicicletta per i paesi dell'Istria, visitando municipi e canoniche alla ricerca di archivi che le consentissero di sviluppare la sua tesi di laurea.

L'arresto e l'infoibamento[modifica | modifica wikitesto]

Licia Cossetto, sorella di Norma, testimoniò che dopo l'armistizio dell'8 settembre 1943, che segnò la rottura dell'alleanza con la Germania nazista, la famiglia iniziò a ricevere minacce di vario genere finché il 25 settembre successivo un gruppo di partigiani jugoslavi e italiani razziò l'abitazione dei Cossetto[4] e, il giorno successivo, Norma fu convocata presso il comando partigiano — composto da combattenti sia italiani che jugoslavi[5] — che aveva sede nell'ex caserma dei carabinieri di Visignano; lì la studentessa fu invitata a entrare nel movimento partigiano, ma essa oppose un netto rifiuto[6] rifiutandosi di rinnegare la sua adesione al fascismo[7], dopodiché uno dei guardiani cui venne consegnata decise di rilasciarla[6].

L'indomani Norma Cossetto fu arrestata e condotta all'ex caserma della Guardia di Finanza di Parenzo insieme ad altri parenti, conoscenti e amici. Qui fu raggiunta dalla sorella Lidia che tentò inutilmente di ottenerne il rilascio. Qualche giorno più tardi Visinada fu occupata dai tedeschi, cosa che spinse i partigiani a effettuare un trasporto notturno dei detenuti presso la scuola di Antignana, adattata a carcere.

In tale luogo Norma Cossetto fu tenuta separata dagli altri prigionieri. e sottoposta a sevizie e stupri dai suoi carcerieri, che abusarono di lei mentre veniva tenuta legata su di un tavolo[5][8]. L'episodio della violenza carnale fu poi riferito da una donna abitante davanti l'ex caserma, che, attirata da gemiti e lamenti, appena buio osò avvicinarsi alle imposte socchiuse vedendo Norma legata al tavolo.

« Ancora adesso la notte ho gli incubi, al ricordo di come l'abbiamo trovata: mani legate dietro alla schiena, tutto aperto sul seno il golfino di lana tirolese comperatoci da papà la volta che ci aveva portate sulle Dolomiti, tutti i vestiti tirati sopra all'addome… Solo il viso mi sembrava abbastanza sereno. Ho cercato di guardare se aveva dei colpi di arma da fuoco, ma non aveva niente; sono convinta che l'abbiano gettata giù ancora viva. Mentre stavo lì, cercando di ricomporla, una signora si è avvicinata e mi ha detto: "Signorina non le dico il mio nome, ma io quel pomeriggio, dalla mia casa che era vicina alla scuola, dalle imposte socchiuse, ho visto sua sorella legata ad un tavolo e delle belve abusare di lei; alla sera poi ho sentito anche i suoi lamenti: invocava la mamma e chiedeva acqua, ma non ho potuto fare niente, perché avevo paura anch'io" »
(Dal racconto di Licia Cossetto, sorella di Norma[9][10])

La notte tra il 4 e 5 ottobre tutti i prigionieri legati con fili di ferro furono condotti a forza a piedi fino a Villa Surani. Lì, ancora vivi[11], furono gettati in una foiba li presente. Le tre donne presenti nel gruppo subirono nuovamente violenze sessuali sul posto[5] prima di essere gettate a loro volta nella foiba[5].

A pochi giorni dal fatto anche Licia Cossetto fu arrestata dai partigiani, i quali le rivolsero lo stesso invito fatto in precedenza a sua sorella di unirsi al movimento partigiano, cosa alla quale anch'essa si oppose; dopo avere richiesto invano informazioni sulla sua famiglia, uno dei partigiani, che conosceva la giovane, ne ottenne il rilascio[12], anche se non era escluso un nuovo eventuale arresto[13], che tuttavia non avvenne; era invece il padre di Licia e Norma Cossetto, Giuseppe, il bersaglio dei partigiani.

Quando il padre Giuseppe Cossetto venne a conoscenza dell'arresto della figlia si aggregò a un reparto della Milizia di Trieste e rientrò a Visinada per cercare informazioni sulla figlia e il 7 ottobre fu accoltellato da un partigiano insieme a un suo parente, Mario Bellini, che lo aveva accompagnato a Castellier-Santa Domenica (secondo la ricostruzione di Giacomo Scotti, altresì, i due furono uccisi in un'imboscata partigiana mentre erano alla testa di una spedizione punitiva[7]); i due corpi furono gettati pochi giorni più tardi in una foiba.

Il 10 dicembre 1943, nel corso dell'Operazione Nubifragio, l'esercito tedesco occupò l'Istria[12]; in quegli stessi giorni i vigili del fuoco di Pola comandati dal maresciallo Arnaldo Harzarich, impegnati a recurperare corpi da una foiba profonda 136 metri, estrassero anche quello di Norma Cossetto, il cui cadavere si trovava in cima alla catasta di corpi lì gettati. Relativamente al ritrovamento del cadavere della giovane esistono due diverse testimonianze fornite dal maresciallo dei vigili del fuoco Harzarich. La presunta discordanza tra le due versioni è stata utilizzata da chi contesta una manipolazione della vicenda di Norma Cossetto come "speculazione propagandista" in chiave anti-partigiana. Secondo la ricostruzione di Frediano Sessi, Arrigo Petacco e Gianni Oliva la ragazza fu nuovamente violentata e successivamente ferita alle mammelle e penetrata nella vagina con un oggetto di legno, rinvenuto sulla salma[14][11][5] Paolo De Franceschi (pseudonimo di Luigi Papo), il cui rapporto fu ripreso da Claudia Cernigoi nel 2005[15], riferisce che il 10 dicembre 1943, giorno del ritrovamento dei cadaveri a Villa Surani, Norma Cossetto fu estratta per prima, essendo verosimilmente tra gli ultimi ad essere gettata nella foiba e stando alla testimonianza dell'epoca di Harzarich, il corpo non presentava segni apparenti di decomposizione, tanto da rendere non necessarie le maschere per il recupero[16]; nel verbale di interrogatorio reso nel 1945 al comando Alleato Harzarich riferì inoltre di aver rinvenuto il corpo «con un pezzo di legno ficcato nei genitali»[17] la circostanza secondo cui il corpo di Norma fu rinvenuto non decomposto fu ribadita anche dalla sorella Licia, che riferì di aver appreso ciò dalla testimonianza del maresciallo Harzarich[12].

Su denuncia di Licia Cossetto i soldati tedeschi catturarono sedici partigiani che avevano partecipato alle sevizie e li costrinsero a vegliare tutta una notte la salma di Norma, per poi fucilarli all'alba del giorno successivo: tre partigiani impazzirono[18]. Secondo Scotti i responsabili dell'omicidio di Cossetto non furono partigiani jugoslavi, ma «cani sciolti» italiani inquadrati nella Resistenza, e l'esecuzione nazista fu sommaria e fatta senza riguardo per le eventuali responsabilità dei giustiziati[7].

Il cadavere di Norma fu composto nella piccola cappella mortuaria del cimitero di Santa Domenica.

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

In memoria della studentessa nacque nel 1944 a Trieste il Gruppo d'Azione Femminile "Norma Cossetto", l'unico reparto paramilitare fascista femminile della RSI[19], alle dirette dipendenze del Partito Fascista Repubblicano[20].

L'allora rettore dell'Università di Padova, Concetto Marchesi, e il consiglio della facoltà di Lettere e Filosofia, proposero la laurea ad honorem per Norma Cossetto, che le fu conferita nel 1949.

Il 10 febbraio 2011 l'Università degli Studi e il comune di Padova, nell'ambito delle celebrazioni per la Giornata del Ricordo in memoria delle vittime delle foibe e dell'esodo giuliano-dalmata, pose nel Cortile Littorio del Palazzo del Bo' una targa commemorativa della morte di Norma Cossetto e della laurea honoris causa conferitale. Il comune di Narni (TR) ha una via a lei dedicata dal luglio 2011, così come dall'ottobre 2012 il comune di Bolzano[21]. Nell'Aprile 2012 il comune di Limena (PD) le intitolò la biblioteca. Dal gennaio 2013, inoltre, anche il comune di Calalzo di Cadore (BL) rende tributo a Norma Cossetto avendole intitolato la propria sala consiliare[22].

Le spoglie di Norma Cossetto e di suo padre Giuseppe si trovano nel cimitero di Santa Domenica di Visinada, frazione di Visignano, attualmente in Croazia.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Medaglia d'oro al merito civile alla memoria - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia d'oro al merito civile alla memoria
«Giovane studentessa istriana, catturata e imprigionata dai partigiani slavi, veniva lungamente seviziata e violentata dai suoi carcerieri e poi barbaramente gettata in una foiba. Luminosa testimonianza di coraggio e di amor patrio[23].»
— Villa Surani (Istria) – 5 ottobre 1943

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Sessi, pag. 31
  2. ^ Sessi, pag. 17
  3. ^ Sessi, pag. 26
  4. ^ Sessi, pag. 38-9
  5. ^ a b c d e Petacco, pag. 61
  6. ^ a b Sessi, pag. 18
  7. ^ a b c Scotti
  8. ^ Sessi, pag. 19
  9. ^ Licia Cossetto: mia sorella, un germoglio che non fiorì.
  10. ^ Gianni oliva, Foibe, Mondadori, Milano, 2003, p 78, Gianni Oliva riferisce la medesima circostanza
  11. ^ a b Sessi, pag. 128
  12. ^ a b c Licia Cossetto, Il grande dolore di una famiglia spezzata (PDF) in la Voce del Popolo (Fiume), 9 febbraio 2008. URL consultato il 2 ottobre 2013.
  13. ^ Sessi, pag. 46
  14. ^ Gianni oliva, Foibe, Mondadori, Milano, 2003, p 78
  15. ^ Paolo De Franceschi, Foibe, CSA 1949
  16. ^ Cernigoi
  17. ^ Claudia Cernigoi, Il caso Norma Cossetto (PDF) in La Nuova Alabarda e la Coda del Diavolo (Trieste), 6 marzo 2011. URL consultato il 13 ottobre 2013.
  18. ^ Petacco, pag. 62
  19. ^ Lazzero, pag. 391
  20. ^ Cucut, pag. 122
  21. ^ Ratificata la denominazione di alcune vie e parchi cittadini, Comune di Bolzano, 23 ottobre 2012. URL consultato il 2 ottobre 2013.
  22. ^ Sala consiliare intitolata a Norma Cossetto in Corriere delle Alpi, 20 gennaio 2013. URL consultato il 2 ottobre 2013.
  23. ^ Nadia Cossetto - Medaglia d'oro al merito civile, Presidenza della Repubblica. URL consultato il 15 gennaio 2009.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]