Nora Walker

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nora Walker
Universo Brothers & Sisters - Segreti di famiglia
Lingua orig. Inglese
Soprannome

Nora Holden (nome di battesimo)

Autore Jon Robin Baitz
1ª app. in Patriarcato
Interpretata da Sally Field
Voce italiana Melina Martello
Sesso Femmina
Data di nascita 1947
Professione casalinga
Parenti

Nora Walker (nata Holden) è un personaggio della serie televisiva Brothers & Sisters - Segreti di famiglia, interpretata dall'attrice statunitense Sally Field, che per questo ruolo ha vinto un Emmy nel 2007 ed un SAG Award nel 2009.

Il personaggio[modifica | modifica sorgente]

Nora è la matriarca della famiglia Walker: è una donna apprensiva e autoritaria, che tende a voler controllare sempre le vite dei suoi familiari. Convinta democratica, è continuamente in lotta con la figlia Kitty, per le sue radicali idee repubblicane. Per diversi anni le due non si sono quasi parlate perché Kitty aveva incoraggiato il fratello Justin a combattere nella guerra in Afghanistan. Con la figlia Sarah ha un rapporto molto più disteso, anche se per un breve periodo Nora le sarà ostile, poiché Sarah le aveva tenuto nascosto il fatto che il padre avesse una figlia illegittima. Ha un rapporto particolare con il figlio omosessuale Kevin, che appoggia nelle sue scelte forse fin troppo. Nora ha anche un fratello maggiore, Saul, che la difende, la assiste e la protegge in seguito alla morte del marito. Se il rapporto con i suoi figli è spesso burrascoso, quello con sua madre è a dir poco pessimo: Nora le rimprovera di essere stata assente e di non averla mai sostenuta, oltre ad aver criticato continuamente il suo matrimonio. Proprio il matrimonio di Nora si scopre essere stato un grande fallimento: suo marito William, infatti, l'ha tradita per vent'anni con un'altra donna, Holly Harper, da cui ha avuto una figlia, Rebecca. Alla morte di William, tutti i suoi segreti vengono alla luce e Nora, in collera con lui, decide di dirgli addio definitivamente, gettando la sua fede nuziale nell'oceano. Dopo la morte del marito, Nora comincia ad uscire con altri uomini, anche se tutte le sue storie finiranno male. Riguardo alla religione, Nora è ebrea, anche se non è mai stata praticante; insieme alla nipotina Paige, però riscoprirà la sua fede.

Prima stagione[modifica | modifica sorgente]

Nora, invadente e volitiva donna californiana è una moglie felice e madre di cinque figli. La serenità della sua famiglia però viene bruscamente interrotta quando, durante la festa per il compleanno di sua figlia Kitty, il marito William ha un attacco di cuore e muore davanti agli occhi di tutti. Questo avvenimento è solo l'inizio di una lunga serie di scoperte sulla vita del defunto: William infatti, sotto l'apparenza di uomo perfetto, nascondeva una relazione con un'altra donna che durava da vent'anni, una figlia illegittima e un grosso ammanco alla sua azienda. Nora quindi vede spazzata via in un colpo la sua tranquillità e si trova a fare i conti con la sua nuova vita. Fra le altre cose, cerca di migliorare il suo rapporto con i figli, soprattutto con Kitty, con la quale è in contrasto da tempo. Inoltre comincia a frequentare degli uomini, tra cui il tuttofare David e l'insegnante di scrittura creativa Mark. Oltre a questo, ospita in casa la figlia illegittima di suo marito e tenta di trovare una tregua con l'amante dell'uomo.

Seconda stagione[modifica | modifica sorgente]

L'apertura della seconda stagione vede Nora disperata, dopo una lunga estate in cui è rimasta da sola ad affrontare il dolore per la partenza di Justin. L'unica persona ad averle dato un po' d'aiuto è stata Rebecca, che Nora ha imparato ad amare come una figlia. Nel primo episodio, Nora mette da parte perfino i preparativi del matrimonio di Kitty per dedicarsi all'"Associazione madri di guerra". Justin, infatti, non ha dato sue notizie per giorni e sua madre è preoccupatissima. Grazie all'aiuto di Robert, Nora viene a sapere che Justin sta rientrando da una missione e sta bene. Tuttavia la sua serenità viene interrotta nuovamente quando Robert viene informato che Justin e i suoi compagni sono stati colpiti da una bomba. Nell'episodio seguente viene mostrato che Justin è salvo, anche se ha riportato danni alla gamba destra, e perciò viene fatto rientrare a casa. Per gli episodi successivi, Nora cerca di convincere Justin ad assumere gli antidolorifici per guarire più velocemente. Il ragazzo alla fine accetta il consiglio della madre, ma poi diviene dipendente dai medicinali. Nora quindi viene messa alla prova per l'ennesima volta e decide di aiutare il figlio a disintossicarsi senza il ricovero in una clinica. Contemporaneamente si occupa del matrimonio di Tommy, che ha preso una strana piega, e di quello di Sarah, che sta combattendo per l'affidamento dei figli. Qualche tempo dopo, cercando le musiche per il matrimonio di Kitty e Robert, Nora si ricorda del suo primo fidanzato, Stan Harris e le viene voglia di contattarlo. Scopre così che Stan è diventato un professore universitario dai metodi piuttosto anticonformisti e, dopo una cenetta intima, Nora lo invita alle nozze di Kitty. L'uomo però si mette a fumare marijuana davanti alle guardie di sicurezza, che lo rinchiudono in isolamento. Così Nora, rimasta da sola, si mette a flirtare con un altro invitato, Isaac Marshall, un collaboratore della campagna elettorale di Robert. Nora e Isaac (vedovo con cinque figli) intraprendono una relazione, che dura all'incirca tre mesi. Poi all'improvviso Isaac le chiede di trasferirsi con lui a Washington; Nora accetta, ma i suoi figli manifestano la loro disapprovazione e alla fine la donna si rende conto che non può lasciarli, perché necessitano della sua presenza. Negli ultimi episodi della stagione, un azzardo incauto di Saul mette a rischio la sopravvivenza della Ojai Foods e Nora chiede aiuto a Tommy e Holly. Nell'ultimo episodio Nora organizza il matrimonio di Kevin e Scotty, mentre i suoi figli scoprono che Rebecca non è la vera figlia illegittima di William.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

televisione Portale Televisione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di televisione