Non metallo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

I non metalli sono cattivi conduttori di calore ed elettricità. Insieme con i metalli e i semimetalli, i non metalli (a volte indicati anche come non-metalli o nonmetalli) sono una delle tre categorie in cui si suddividono gli elementi chimici secondo le loro proprietà di ionizzazione e legame.

Caratteristiche[modifica | modifica sorgente]

Tali proprietà nascono dal fatto che i non metalli sono tutti molto elettronegativi, cioè guadagnano elettroni di valenza da altri atomi più facilmente di quanto li cedano.

Diversamente dai metalli, un non metallo può essere o un isolante o un semiconduttore; i non metalli possono formare legami ionici con i metalli, guadagnando elettroni, o legami covalenti con altri non metalli. In base alle proprietà chimiche i non metalli danno luogo ad anidridi acidi (es: SO2, SO3, CO2).

Non metalli[modifica | modifica sorgente]

Inoltre fanno parte dei non metalli anche i gas nobili. Tutti i non metalli si trovano nell'angolo in alto a destra della tavola periodica (con l'eccezione dell'Idrogeno, che si pone di norma insieme ai metalli alcalini, ma si comporta di solito come un nonmetallo). Anche i gas nobili sono da considerarsi non metalli.

Esistono solo diciassette non metalli noti, a fronte di ottanta e più metalli; però i non metalli costituiscono la maggior parte della massa della Terra, soprattutto negli strati più esterni, e gli organismi viventi sono composti quasi interamente di non metalli. L'idrogeno, l'azoto, l'ossigeno, il fluoro, il cloro, il bromo e lo iodio sono elementi biatomici che nella tavola periodica di Dmitri Mendeleev occupano posizioni tali da raffigurare una 'L' capovolta puntata.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]