Nodar Kumaritashvili

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Nodar Kumaritashvili
Dati biografici
Nazionalità Georgia Georgia
Altezza 179 cm
Peso 80 kg
Slittino Luge pictogram.svg
Dati agonistici
Specialità Singolo
 

Nodar Kumaritashvili (in georgiano: ნოდარ ძე ქუმარიტაშვილი?; Borjomi, 25 novembre 1988Whistler, 12 febbraio 2010) è stato uno slittinista georgiano.

Carriera[modifica | modifica sorgente]

Francobollo georgiano dedicato a Kumaritashvili

Aveva debuttato nella Coppa del Mondo di slittino 2009, che aveva concluso al 55º posto in classifica generale[1]. L'anno seguente fu stato chiamato a rappresentare il suo Paese ai Giochi olimpici invernali di Vancouver, in quanto campione nazionale.

Sulla pista del Whistler Olympic Park le prova di gara iniziarono già poche ore prime della cerimonia inaugurale dei giochi. Durante una di queste discese, Kumaritashvili sbagliò l'ingresso nell'ultima curva e venne sbalzato via dallo slittino, volando fuori pista e sbattendo la testa contro uno dei pali di metallo che reggevano la copertura del tracciato. La violenza dell'impatto (avvenuto a una velocità di 144,3 km/h) rese inutile la protezione del casco; nonostante i soccorsi tempestivi e il trasporto in ospedale, lo slittinista fu dichiarato morto un'ora e mezza dopo l'incidente[2].

Già in precedenza alcune squadre di slittino avevano sollevato preoccupazioni circa la sicurezza degli atleti sulla pista olimpica; l'incidente di Kumaritashvili era avvenuto tuttavia in un tratto che non era stato identificato come una zona di pericolo[3]. A seguito del grave fatto, tuttavia, la pista venne accorciata e sul bordo esterno del rettilineo d'arrivo fu eretta una parete in legno compensato.

Kumaritashvili è il quarto atleta deceduto per un incidente nel corso di gare o prove in occasione dei Giochi olimpici invernali dopo due sciatori, l'australiano Ross Milne (1964) e lo svizzero Nicolas Bochatay (1992), ed un altro slittinista, il britannico Kazimierz Kay-Skrzypecki (ancora nel 1964)[4][5].

Palmarès[modifica | modifica sorgente]

Coppa del Mondo[modifica | modifica sorgente]

  • Miglior piazzamento in classifica generale nel singolo: 44° nel 2009/10.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) Scheda su Nodar Kumaritashvili, International Luge Federation. URL consultato il 12 febbraio 2010.
  2. ^ Germano Antonucci, Tragedia ai Giochi, muore un georgiano, corriere.it, 12 febbraio 2010. URL consultato il 12 febbraio 2010.
  3. ^ (EN) Report ufficiale della FIL sull'incidente in FIL. URL consultato il 15 marzo 2013.
  4. ^ (EN) Rob Longley, Georgian luger killed in training in torontosun.com, 12 febbraio 2010. URL consultato il 12 febbraio 2010.
  5. ^ Apertura dei Giochi Olimpici tra le lacrime. Muore l'atleta georgiano Kumaritashvili, 13 febbraio 2010. URL consultato il 5 giugno 2010.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]