Nobuko Imai

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Nobuko Imai

Nobuko Imai (今井 信子 Imai Nobuko?) (Tōkyō, 18 marzo 1943) è una violista giapponese nota in tutto il mondo grazie alla sua prolifica carriera concertistica sia come musicista solista sia da camera.

Dal 1988 suona una viola di Andrea Guarneri del 1690.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Nobuko Imai cominciò gli studi musicali alla Tōhō gakuen School of Music di Tōkyō per poi continuarli negli Stati Uniti d'America presso la prestigiosa Juilliard School e l'Università Yale. Nel 1967, ventiquattrenne, vinse sia il premio dello Young Concert Artists (ente newyorkese di talent-scout) sia l'ARD International Music Competition[1] di Monaco di Baviera, e l'anno dopo arrivò prima al Concorso internazionale di Ginevra[2] diventando la prima ed ancor oggi l'unico musicista al mondo ad aver vinto entrambi i premi di Monaco e Ginevra[3].

Ha suonato in complessi cameristici con altri famosi musicisti quali Martha Argerich, Kyung-wha Chung, Heinz Holliger, Mischa Maisky, Midori Gotō[4], Murray Perahia, Gidon Kremer, Yo-Yo Ma, Itzhak Perlman, András Schiff, Isaac Stern e Pinchas Zukerman, ed ha suonato come solista con le prestigiose orchestre Berliner Philharmoniker, Koninklijk Concertgebouworkest, Orchestra Sinfonica di Vienna, Orchestra filarmonica di Stoccolma, London Symphony Orchestra, BBC Symphony Orchestra, Boston Symphony Orchestra e Chicago Symphony Orchestra.

Nobuko Imai è stata parte del Vermeer Quartet ed ha fondato nel 2003 il Michaelangelo Quartet di cui è membro con Stephan Picard, Mihaela Martin e Frans Helmerson. Ha anche fondato la East-West Baroque Academy, fondazione a sostegno dei giovani musicisti giapponesi ed olandesi in nome del legame che connette i due paesi da secoli.

Carriera[modifica | modifica sorgente]

La produzione della Imai è molto prolifica, avendo inciso oltre 40 CD[5] per svariate etichette discografiche come BIS, Chandos, Deutsche Grammophon, EMI, Hyperion e Philips. Ha ricevuto numerosi premi come l'Avon Arts Award (1993), il Premio Suntory (1995) ed il Premio Mainichi (1996). Il compositore Tōru Takemitsu ha scritto per lei il concerto per viola A String Around Autumn nel 1989.

Nobuko Imai ha insegnato viola all'accademia musicale di Detmold[6] dal 1983 al 2003, ed attualmente svolge l'attività didattica nei conservatori di Amsterdam[7] e Ginevra[8] ed al Conservatoire Supérieur et Académie de Musique Tibor Varga di Sion[3] in Svizzera.

Discografia parziale[modifica | modifica sorgente]

  • Bach, Var. Goldberg (arr. per Trio d'archi Dmitry Sitkovetsky) - Rachlin/Imai/Maisky, 2006 Deutsche Grammophon
  • Bach, Six Suites for Unaccompanied Cello (Transcribed for Viola) - Nobuko Imai, 2004 Decca/Philips
  • Hindemith, Four Sonatas For Solo Viola - Nobuko Imai, 1992 Bis
  • Reger, Romance for Viola and Piano - Three Suites for Viola - Viola Sonata - Nobuko Imai & Ronald Brautigam, 2003 BIS
  • Schnittke, In Memoriam - Viola Concerto - Lev Markiz/Malmo Symphony Orchestra/Nobuko Imai, 1989 BIS
  • Schubert: Arpeggione Sonata - Beethoven: Notturno In D Major - Nobuko Imai & Roger Vignoles, 1989 Chandos
  • Taneyev, Piano Quintet & Piano Trio - Ilya Gringolts/Lynn Harrell/Mikhail Pletnev/Nobuko Imai/Vadim Repin, 2005 Deutsche Grammophon
  • Tippett: Concerto for Violin, Viola & Cello - Gyorgy Pauk/Nobuko Imai/Ralph Kirshbaum/London Symphony Orchestra/Sir Colin Davis, 1988 Philips

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ .pdf Elenco dei vincitori per la categoria violisti.
  2. ^ Vincitori del Concorso di Ginevra.
  3. ^ a b Profilo di Nobuko Imai su IMAS.
  4. ^ Christopher Walsh, On Disc in Billboard, 11 agosto 2001, p. 31. URL consultato l'8 giugno 2010.
  5. ^ Biografia di Nobuko Imai.
  6. ^ Storia della scuola.
  7. ^ Insegnanti di viola al CvA.
  8. ^ Insegnanti di viola al Hem.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 19867930 LCCN: n83162675