Nobiltà dell'Impero francese

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Gioacchino Murat con il tipico costume di corte da Principe del Primo Impero francese

La nobiltà dell'Impero francese è l'insieme di persone che hanno ricevuto un titolo nobiliare durante il Primo impero francese e che hanno ricevuto il diritto di trasmetterlo ai loro discendenti per primogenitura maschile. Napoleone attraverso questa istituzione volle creare un élite stabile, derivata dalla Rivoluzione francese, ispirandosi direttamente alla nobiltà[1] dell'Ancien Régime, accompagna dal maggiorasco.

Creazione[modifica | modifica sorgente]

La nobiltà dell'Impero nacque nel 1804 con le prime creazioni del titolo di principe all'interno della famiglia imperiale. Nel 1806 vennero creati i primi duchi e nel 1808 i primi conti, baroni e cavalieri.

Napoleone instaurò un sistema di distinzione per i titoli ispirato alla nobiltà antica con decreto del 1º marzo 1808. Il suo obbiettivo, contestualmente al suo diritto di creare senatri e membri della legion d'onore, era quello di amalgamare la nobiltà dell'Ancien Régime con la nuova borghesia rivoluzionaria emergente così da poter instaurare un'élite stabile e fedele al regime imperiale. Questa decisione venne accompagnata dalla creazione di un Consiglio del sigillo dei titoli, incaricato di creare appositi stemmi, riservati a questa nouvelle noblesse.

Ovviamente il titolo in questo caso variava in funzione al ruolo ricoperto ed all'importanza dell'onore ottenuto. La trasmissione del titolko poteva essere legittima, naturale o adottiva, sempre per primogenitura maschile[2].

Al momento della Restaurazione nel 1814, come confermato dall'articolo 71 della costituzione:

« La nobiltà antica riprende possesso dei propri titoli, la nuova conserva quelli ottenuti »

.

Gerarchia[modifica | modifica sorgente]

Titoli nobiliari del Primo Impero francese
Biret Chevalier.png
Cavaliere
Biret baron.png
Barone
Biret comte.png
Conte
Biret duc.png
Duca
Biret prince.png
Principe

All'interno di questo gruppo, la gerarchia dei titoli era legata spesso alle funzioni esercitate come segue:

  • Il titolo di principe è destinato ai membri della famiglia imperiale ed a certi ministri di stato o marescialli dell'Impero;
  • Il titolo di duca dell'Impero è attribuito ai principali dignitari, o ministri di stato, o marescialli;
  • Il titolo di conte dell'Impero, riservato a ministri, senatori, arcivescovi, consiglieri di stato e rappresentanti del corpo legislativo;
  • Il titolo di barone dell'Impero è accordato ai presidenti della corte dei conti, ai vescovi, ai sindaci delle città meno importanti, ecc.;
  • Il titolo di cavaliere dell'Impero era concesso nello specifico ai membri dell'Ordine della Legion d'Onore.

Le funzioni sopra elencate permettevano un'accessione quasi automatica del titolo a seconda del proprio incarico. La nobiltà ed in particolare quella di servizio era costituita in gran parte da militari (67,9 %) ai quali si aggiungevano dei funzionari (22 %) e i nobili dell'Ancien Régime.

L'imperatore, personalmente, considerava ridicolo il titolo di marchese, malgrado i suoi fratelli lo conferirono nei loro reami. La sua assenza nella nobiltà dell'Impero francese gli conferì però un significato di particolare prestigio in quanto, alla Restaurazione, esso venne utilizzato come prova inconfutabile di fedeltà alla monarchia dei Borboni.

Su un totale di 3300 titoli concessi, 34 erano i principi e i duchi, 417 i conti, 1550 i baroni e 1317 i cavalieri.

Principi[modifica | modifica sorgente]

Si possono distinguere quattro tipologie di titoli principeschi.

Titolo Personalità Data conferimento
Principe di Pontecorvo Jean-Baptiste Jules Bernadotte 05/06/1806
Principe di Benevento Charles-Maurice de Talleyrand-Périgord 05/06/1806
Principe di Neufchâtel Louis-Alexandre Berthier 30/03/1806
Principe di Sievers Jean Lannes 30/06/1807
Principe di Wagram Louis-Alexandre Berthier 31/12/1809
Principe di Eckmühl Louis Nicolas Davout 15/08/1809
Principe di Essling André Masséna 31/01/1810
Principe della Moscova Michel Ney 25/03/1813

Duchi[modifica | modifica sorgente]

I duchi gran feudatari[4] erano nobili dell'impero che però non detenevano alcuna sovranità temporale. Anche in questo caso vennero conferiti dei "titoli della vittoria" come nel caso dei principi. Il titolo consentiva l'accesso a quanti dichiarassero entrate annue per almeno 200.000 franchi francesi ed era attribuito a certi ministri o marescialli dell'Impero.

Nel 1808, Jean Andoche Junot venne nominato duca d’Abrantès, Louis Nicolas Davout duca di Auerstaedt, Charles Pierre François Augereau duca di Castiglione, François Joseph Lefebvre duca di Danzica, Michel Ney duca di Elchingen, Jean Lannes duca di Montebello, Auguste Frédéric Louis Viesse de Marmont ottenne il ducato di Ragusa e François Christophe Kellermann divenne duca di Valmy. Il ducato d'Albufera venne creato nel 1813 per Louis Gabriel Suchet. Nel 1815, il generale Girard venne nominato duca di Ligny con decreto imperiale del 21 giugno 1815, ma morì sei giorni prima di aver ricevuto la lettera patente corrispondente.

Titolo Personalità Data
Duca di Danzica François Joseph Lefebvre 27/05/1807
Duca di Lodi (*) Francesco Melzi d'Eril 20/12/1807
Duca di Padova Jean-Thomas Arrighi de Casanova 19/03/1808
Duca d'Auerstaedt Louis Nicolas Davout 28/03/1808
Duca di Parma Jean-Jacques-Régis de Cambacérès 24/04/1808
Duca di Piacenza Charles-François Lebrun 24/04/1808
Duca di Rivoli André Masséna 24/04/1808
Duca di Castiglione Charles Pierre François Augereau 26/04/1808
Duca di Frioul Gérard Christophe Michel Duroc 05/1808
Duca di Valmy François Christophe Kellermann 05/1808
Duca di Rovigo Anne Jean Marie René Savary 05/1808
Duca d'Elchingen Michel Ney 6/06/1808
Duca di Vicence Armand Augustin Louis de Caulaincourt 07/06/1808
Duca di Montebello Jean Lannes 15/06/1808
Duca di Ragusa Auguste Frédéric Louis Viesse de Marmont 28/06/1808
Duca di Dalmazia Nicolas Jean-de-Dieu Soult 29/06/1808
Duca di Conegliano Bon Adrien Jeannot de Moncey 2/07/1808
Duca di Treviso Adolphe Édouard Casimir Joseph Mortier 2/07/1808
Duca di Belluno Claude-Victor Perrin 10/09/1808
Duca di Trento Étienne Jacques Joseph Macdonald 9/12/1808
Duca d'Abrantès Jean Andoche Junot 15/01/1809
Duca d'Istria Jean-Baptiste Bessières 28/05/1809
Duca d'Otranto Joseph Fouché 15/08/1809
Duca di Cadore Jean-Baptiste Nompère de Champagny 15/08/1809
Duca di Feltre Henri Jacques Guillaume Clarke 15/08/1809
Duca di Gaeta Martin Michel Charles Gaudin 15/08/1809
Duca di Massa Claude Ambroise Regnier 15/08/1809
Duca di Bassano Hugues-Bernard Maret 15/09/1809
Duca di Litta (*) Antonio Litta Visconti Arese 28/02/1810
Duca di Navarre L'Impératrice Joséphine 9/04/1810
Duca di Dalberg Emeric Joseph Heribert Dalberg 14/04/1810
Duca di Reggio Nicolas Charles Oudinot 14/04/1810
Duca d'Albuféra Louis Gabriel Suchet 24/01/1812
Duca di Visconti (*) Visconti di Modrone 01/1813
Duca Decrès Denis Decrès 28/04/1813
Duca de LignyTemplate:Refconf[5] · [6] Jean-Baptiste Girard 21/06/1815

(*): Questi titolo non appartengono alla nobiltà dell'Impero, bensì a quella del Regno (sottinteso d'Italia).

Non erano duchi

Eredi di titoli ducali[modifica | modifica sorgente]

Quattro duchi ereditarono il titolo nel corso del primo impero francese:

Conti, baroni e cavalieri[modifica | modifica sorgente]

Stemma di un conte dell'Impero

Al titolo di conte era ammesso chi disponesse di una rendita di almeno 30.000 franchi annui e veniva assegnato di norma a senatori, ministri e arcivescovi. Dal 1808 al 1814, vennero creati 388 titoli di conte.

Per ottenere il titolo di barone era necessario giustificare una rendita annua di almeno 15.000 franchi. I sindaci di grandi villaggi ed i vescovi ottenevano automaticamente tale titolo. Molti generali ottennero il titolo di barone dell'Impero come ad esempio Jean-Baptiste Eblé, Jean-Baptiste Antoine Marcellin de Marbot e Louis Gay. Dal 1808 al 1814 vennero creati 1090 titoli baronali.

Il titolo di cavaliere era giustificato con rendite annue di almeno 3000 franchi ed era possibile ottenere il titolo anche senza essere stati insigniti della legion d'onore. Dal 1808 al 1814 vennero creati 1600 titoli di cavaliere.[9] Per quanto riguarda le normative relative a cavalieri di ordini cavallereschi come ad esempio quello della Legion d'Onore, si poteva divenire cavaliere ereditario dopo la terza generazione di insigniti della Legion d'Onore[10].

Nobiltà del Regno napoleonico d'Italia[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Nobiltà del Regno napoleonico d'Italia.

Titoli conferiti dagli stati vassalli[modifica | modifica sorgente]

Napoleone autorizzò i sovrani di stati vassalli all'Impero a creare titoli di nobiltà per i loro sudditi, come accadde per Giuseppe Bonaparte o Gioacchino Murat nel Regno di Napoli e nel Regno di Spagna o per Luigi Bonaparte come re d'Olanda.

I vassalli, oltre ad utilizzare i titoli già tipici della scala imperiale (duca, conte, barone, potevano utilizzare anche il titolo di marchese. Nessuno era autorizzato a creare principi.

Regno di Napoli[modifica | modifica sorgente]

Sotto Giuseppe Bonaparte,
re di Napoli
(1806-1808)
Sotto Gioacchino Murat,
re delle Due Sicilie
(1808-1815)
Duchi Charles Saligny (1772-1809), generale di divisione, duca napoletano di San-Germano (3 marzo 1806) Marzio Mastrilli (1753-1833), marchese di Gallo, già primo ministro e viceré di Sicilia sotto i Borboni, negoziatore del Trattato di Campoformio, duca di Gallo, Ministro degli Esteri di Murat.
Conti

Regno di Spagna[modifica | modifica sorgente]

Grande di Spagna
Duchi
Marchese
Conte

Regno d'Olanda[modifica | modifica sorgente]

Per quanto riguarda l'Olanda, Napoleone dispose come inappropriato che l'antica nobiltà venisse riconosciuta in seno alla nuova nobiltà dell'Impero, considerando che le tradizioni repubblicane dell'Olanda fossero più vicine all'ideale rivoluzionario della Francia che non all'antica nobiltà.

Conti
Baroni

Regno di Vestfalia[modifica | modifica sorgente]

Conti
Baroni

Principato di Neuchâtel[modifica | modifica sorgente]

(8 aprile 1757 - 18 dicembre 1831), ufficiale (in Francia dal 1770 al 1792), Consigliere di Stato e colonnello della milizia di Neuchâtel, creato conte da Berthier (15 giugno 1808).

Granducato di Berg[modifica | modifica sorgente]

Conte

Altre famiglie[modifica | modifica sorgente]

Altre furono le famiglie in Europa beneficiarie di titoli concessi dal regime napoleonico come ad esempio in Belgio ove l'Armorial de la noblesse belge del 1957 riporta le seguenti casate:

  • de Bouthier de Catus (famiglia originaria della Francia)
  • Chazal (famiglia originaria della Francia)
  • Durutte (famiglia originaria della Francia)
  • Duvivier
  • de l'Epine (famiglia originaria della Francia)
  • Herwyn (famiglia originaria della Francia)
  • de Membrède (famiglia originaria di Maastricht)
  • du Monceau (del reame d'Olanda)
  • de Serret (Liège)
  • Travers (Olanda)
  • van de Walle (Bruges)

Altre famiglie non citate nel libro:

  • Pierets (Malines)
  • Werbrouck (Anvers)

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Il termine di « nobiltà » non era però connesso al possesso della terra o di un "feudo" come nel caso del regime feudale antico, bensì al puro onore guadagnato, al merito.
  2. ^ Se veda il bollettino d'epoca: http://gallica.bnf.fr/ark:/12148/bpt6k4453604/f200.image
  3. ^ a b titre III (article 9, De la famille impériale) de la Constitution du 28 floréal an XII. Template:Autres projets
  4. ^ (EN) François Velde, The Napoleonic satellite states in 30. — Décret qui déclare Joseph Napoléon roi de Naples et de Sicile, et institue six grands-fiefs de l'empire, avec titre de duchés, dans le royaume des Deux-Siciles. (IV, Bull. LXXXIV, no 1432.). URL consultato il 7 maggio 2011.
  5. ^ Ligny 1815, la dernière victoire de l'Aigle in Jean-Baptiste Girard (1775-1815), héros de la bataille de Ligny. URL consultato il 9 giugno 2011.
  6. ^ A.C.M.N. Association pour la défence des monuments napoléoniens in Jean-Baptiste Girard. URL consultato il 9 giugno 2011.
  7. ^  Laurent Sabourdy. Jean-Baptiste Jourdan (1762-1833). Dailymotion. URL consultato in data 13 dicembre 2013.
  8. ^ roglo.eu in Hortense Eugénie Marie-des-Neiges de Michel du Roc. URL consultato il 7 febbraio 2011.
  9. ^ Ordre de la Légion d'honneur sur medaille.decoration.free.fr. URL consultato il 16 gennaio 2010.
  10. ^ André Damien, Les Ordres de chevalerie et les décorations.
  11. ^ Titolo estinto alla sua morte
  12. ^ Titolo ancora oggi presente.
  13. ^ Titolo estinto.
  14. ^ www.labiografia.com in Manuel Hilario Negrete. URL consultato il 15 gennaio 2011.
  15. ^ (ES) www.biografiasyvidas.com in Manuel Hilario Negrete. URL consultato il 15 gennaio 2011.
  16. ^ Titolo estinto coi suoi figli.
  17. ^ fratello del generale Merlin de Thionville.
  18. ^ Titolo estinto
  19. ^ Joseph Léopold Sigisbert Hugo, padre di Victor Hugo.
  20. ^ a b c Titolo estinto con la sua morte
  21. ^ Titolo estinto nel 1893 con i suoi nipoti
  22. ^ Sepolto al Panthéon. Senza discendenza.
  23. ^ Étienne-Jacques Travers, baron de Jever sur napoleon-monuments.eu. URL consultato il 6 settembre 2010.
  24. ^ Titol estinto alla sua morte
  25. ^ Senza discendenza
  26. ^ Titolo estinto nel 1883 con suo figlio, il colonnello marchese de Salha.
  27. ^ Albert du Casse, Mémoires et correspondance du roi Jérôme et de la reine Catherine, vol. 3, E. Dentu, 1862.
  28. ^ Sposò (nel 1807) la nipote di Murat, Alexandrine Andrieu
  29. ^ Titolo estinto nel 1892 coi suoi figli.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • La Noblesse, Philippe du Puy de Clinchamps, 1996
  • Napoléon et la Noblesse d'Empire, Jean Tulard, 1979
  • Catalogue de la Noblesse Française, Régis Valette, 2005
  • Dictionnaire de la Noblesse Française, E. de Serreville et F. de Saint Simon, 1975
  • Nicolas Guerre, Noblesse 2001, 2001
  • Armorial de l'ANF, Jean de Vaulchier, Jacques Amable de Saulieu et Jean de Bodinat, 2004

Sur les familles aux prétentions non prouvées:

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]