Nobi Nobi Boy

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Nobi Nobi Boy
Sviluppo Namco Bandai
Pubblicazione Namco Bandai
Data di pubblicazione PlayStation 3:
19 febbraio 2009
iOS:
18 febbraio 2010
Genere Azione
Modalità di gioco Giocatore singolo, Multigiocatore
Piattaforma PlayStation 3, iOS
Distribuzione digitale PlayStation Network
Periferiche di input Sixaxis o DualShock 3

Noby Noby Boy (のびのびBOY Nobi Nobi Boy?) è un videogioco per PlayStation 3, ideato da Keita Takahashi della Namco Bandai, lo stesso creatore di Katamari Damacy. Il gioco è stato pubblicato in tutto il mondo il 19 febbraio 2009.[1] Esiste anche una versione per iPhone OS che è uscita il 18 febbraio 2010.[2]

Uno dei significati della parola "Nobi" in giapponese è "allungamento".[3]

Modalità di gioco[modifica | modifica wikitesto]

In Nobi Nobi Boy il giocatore prende il controllo di una creatura quadrupede simile ad un lunghissimo verme, il cui nome è BOY.[4] Usando il gamepad è possibile controllare indipendentemente la testa o la coda di BOY. Muovendoli entrambi in direzione opposta, il giocatore può allungare BOY, sino a fargli raggiungere una notevole lunghezza. Il giocatore può manovrare BOY nell'ambiente di gioco, interagendo con oggetti fissi come case o alberi, e con personaggi in movimento, come persone ed animali, controllati dal computer.

A seconda di quanto BOY si allunga nel corso della partita, il giocatore accumula punti, che possono essere inviati online, tramite un personaggio chiamato SUN, ad un altro personaggio chiamato GIRL. I punti che arrivano a GIRL da tutti i giocatori di Nobi Nobi Boy, permettono al personaggio di allungarsi e sbloccare nuovi livelli.[5] GIRL inizialmente si trovava sulla Terra, ed allungandosi è riuscito ad arrivare sulla Luna e su Marte, e via via procederà per altri pianeti, sbloccando di volta in volta nuovi ambienti di gioco per BOY. Il team realizzativo di Noby Noby Boy hanno dichiarato che i giocatori hanno impiegato circa 1 o 2 settimane per far arrivare GIRL dalla Terra alla Luna.[4]

La settimana fortunata[modifica | modifica wikitesto]

Ogni tanto Keita sceglierà la "settimana fortunata", durante la quale quando BOY darà la sua lunghezza a GIRL, questa sarà moltiplicata per un numero casuale. La prima era dal 15 maggio al 22 maggio 2009. Un'altra è stata nel mese di giugno dove al suo termine Keita ha detto: "Grazie alla settimana fortunata e allo sforzo di tutti i BOY, GIRL è riuscita ad allungarsi un sacco! ". Un "weekend fortunato" si è svolto il 4 e 5 luglio 2009 con tutte le lunghezze, moltiplicate per 99. Nel giorno di Capodanno del 2010, il moltiplicatore è stato il 2010.

Novità di Girl[modifica | modifica wikitesto]

  • Girl ha raggiunto la Luna (dopo 4 giorni dall' inizio)
  • Girl ha raggiunto Marte (dopo 92 giorni dall'inizio)
  • Girl ha raggiunto Giove (dopo 275 giorni dall'inizio)
  • Girl ha raggiunto Saturno (dopo 722 giorni dall'inizio)
  • Girl ha raggiunto Urano (dopo 1050 giorni dall'inizio)
  • Il prossimo pianeta che Girl raggiungerà è Nettuno
  • Girl è riuscita a superare i 2.863.000.000.000 m di lunghezza.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Rob Purchese, Noby Noby Boy to get February release in Eurogamer, 22 gennaio 2009. URL consultato il 22 gennaio 2009.
  2. ^ Sheffield, Brandon, GDC: Takahashi Reveals Noby Noby Boy Update, iPod Release in Gamasutra.com, 26 marzo 2009. URL consultato il 26 marzo 2009.
  3. ^ Emma Boyes, GameCity '07: Keita Takahashi talks Noby Noby Boy in GameSpot, CNET, 28 ottobre 2007. URL consultato il 29 ottobre 2007.
  4. ^ a b Matt Leone, Noby Noby Boy Preview, 1UP.com, 14 dicembre 2008. URL consultato il 15 dicembre 2008.
  5. ^ Noby Noby Boy :: PS3 Game Review, Kidzworld. URL consultato il 6 aprile 2009.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

videogiochi Portale Videogiochi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di videogiochi