Nissan GT-R

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nissan GT-R
Nissan GT-R 01.JPG
Descrizione generale
Costruttore Giappone  Nissan Motor Co.
Tipo principale Coupé
Produzione dal 2007
Sostituisce la Nissan Skyline GT-R
Altre caratteristiche
Dimensioni e massa
Lunghezza 4.660 mm
Larghezza 1.900 mm
Altezza 1.370 mm
Massa 1.740 kg
Altro
Progetto Kazutoshi Mizuno
Auto simili Porsche 997
Nissan GT-R rear.jpg

La Nissan GT-R è una vettura coupé sportiva progettata da Nissan Motor, erede della Skyline GT-R (R34). Nel 2001 Nissan iniziò lo sviluppo della nuova generazione di GT-R presentando a Tokio il primo concept di quella che sarebbe stata la futura auto giapponese di serie più potente mai costruita. Nel 2005 viene esposto il secondo prototipo, e 2 anni dopo presentata la versione pronta alla commercializzazione.

La nuova GT-R è un'automobile concettualmente diversa dalle precedenti versioni, esse infatti erano delle versioni "più spinte" di normali berline, questa invece è frutto di un progetto ben definito mirato alla costruzione di una vera supercar. Tale intenzione è espressa anche attraverso l'abbandono del nome Skyline a favore della sola sigla GT-R.

Tecnica[modifica | modifica sorgente]

Motore[modifica | modifica sorgente]

La Nissan GT-R Concept del 2001

La vettura è spinta da un motore V6, montato in posizione anteriore longitudinale, il monoblocco e le testate sono realizzate in alluminio, ha una cilindrata di 3.799 cm³, dispone di accorgimenti quali il rivestimento al plasma dei cilindri, la distribuzione è a 4 valvole per cilindro azionate da doppio albero a camme per bancata, è sovralimentato da 2 turbocompressori IHI, eroga una potenza massima di 480 CV (358 kW) a 6.400 giri/min e dispone di una coppia massima di 588 Nm costante tra i 3.200 e i 5.200 giri/min. L'intero blocco motori è assemblato a mano come nel caso delle Mercedes AMG.

Trasmissione[modifica | modifica sorgente]

La trasmissione è integrale, del tipo transaxle: doppia frizione, scatola del ripartitore, riduttore finale, differenziale a slittamento limitato sono stati posizionati nella parte posteriore della vettura, in modo da poter bilanciare il peso del motore anteriore e garantire una ripartizione dei pesi 53-47%. Si tratta della prima auto al mondo a utilizzare un sistema transaxle con un cambio a doppia frizione.

Il sistema permette di distribuire dinamicamente la potenza da una distribuzione 50-50% tra i due assi all'intera trazione posteriore. Il cambio a 6 rapporti, si aziona attraverso leve poste sul retro del volante, ma può funzionare anche in automatico, permette cambiate velocissime, in soli 200 millisecondi.

Telaio e aerodinamica[modifica | modifica sorgente]

Il telaio viene costruito con materiali resistenti e leggeri quali l'alluminio e l'acciaio rinforzato, questo ha permesso di contenere il peso della vettura a 1740 kg[1].

Tutti questi fattori, uniti ad una buona aerodinamica, con un Cx di 0,27, permettono alla nuova GTR di raggiungere la velocità di 310 km/h e di raggiungere da fermo i 100 km/h in meno di 3,5 secondi.

Le doti dinamiche di questa vettura sono state dimostrate anche dalle prove sul circuito del Nürburgring Nordschleife che è stato percorso con il tempo di 7:26.707, uno dei migliori tempi di percorrenza tra le vetture omologate per uso stradale.

Computer di bordo[modifica | modifica sorgente]

il display multifunzione della GT-R

Una menzione speciale va al computer di bordo che presenta un ampio schermo, chiamato Multi Function Display. La grafica è stata curata dalla Polyphony Digital, la stessa creatrice della saga Gran Turismo. Si possono visualizzare 11 schermate, 4 impostabili dal conducente. Si può scegliere tra:

  • Temperatura dell'acqua di raffreddamento
  • Temperatura e pressione dell'olio motore
  • Temperatura e pressione dell'olio del differenziale e del cambio
  • Turbo Boost
  • Velocità
  • Consumi e autonomia
  • Flusso del carburante
  • Consumi istantanei
  • Coppia anteriore
  • Risposta dell'acceleratore
  • Freni e sterzo
  • Forza G in curva
  • Forza G in accelerazione e frenata
  • Cronometro
  • Orologio
  • Navigatore satellitare

Versioni[modifica | modifica sorgente]

Nissan GT-R SpecV[modifica | modifica sorgente]

La Nissan GT-R SpecV

Nel 2009 è stata presentata la GT-R V-Spec, versione migliorata della Nissan GT-R.

La SpecV pesa 60 kg in meno della GT-R standard, la potenza resta invariata, azionando il tasto di overboost sul volante aumenta la coppia di 21 Nm, arrivando così ad un massimo di 609 Nm fra i 3.500 e i 5.200 giri/min. Il nuovo equipaggiamento comprende anche nuovi sedili da corsa Recaro in fibra di carbonio, due nuovi terminali di scarico doppi in titanio, nuovi freni Brembo in carbonceramica con nuove pinze speciali in argento per disperdere meglio il calore.

Le sospensioni sono dotate di ammortizzatori Bilstein più rigidi fatti su misura, che però non possono essere regolati dall'abitacolo nelle modalità morbida, media e dura. I cerchi in lega sono firmati Nismo e sul fronte aerodinamico troviamo un nuovo splitter anteriore in fibra di carbonio con prese d'aria per i freni[2].

Nissan GT-R 2011[modifica | modifica sorgente]

GT-R 2011

Nell'ottobre del 2010 è stata presentata la GT-R 2011, versione migliorata della Nissan GT-R.

Viene dichiarato che la GT-R 2011 pesa 43 kg in meno nella parte non sospesa rispetto alla versione standard, può contare su 530 CV a 8200 giri/min, arrivando ad un massimo di 612 Nm attorno ai 8000 giri/min. Si parla di un miglioramento di qualità, prestazioni e consumi. Le sospensioni modificate conferiscono maggior aderenza in curva grazie al miglioramento dell'angolo di convergenza e l'abbassamento del centro di rollio. Nuovi cerchioni a 10 razze che offrono una maggiore rigidezza e un perfetto contatto dello pneumatico con la strada. Presentati due modelli, la versione Premium Edition e la versione Black Edition. L'accelerazione da 0 a 100 km/h richiede 2,8 secondi e ha una velocità massima di 315 km/h. In più in Giappone e in Inghilterra è presente il "Track Pack" con sospensioni ribassate, condotti di aspirazione specifici per freni anteriori e posteriori, spoiler anteriore in carbonio e cerchi in alluminio forgiato derivati dalla Spec-V, in più è stata rinforzata la paratia fra motore e abitacolo, sono stati spostati alcuni sensori di accelerazione di ESP e controllo trazione e adottate molle più dure per le sospensioni anteriori. [3].

Nissan GT-R 2013[modifica | modifica sorgente]

Questa versione dispone di ulteriori aggiornamenti e affinamenti tecnici: dei nuovi iniettori, un turbocompressore con una diversa valvola wastegate, una coppa dell'olio di differente conformazione, rivista la geometria delle sospensioni con modifiche agli ammortizzatori, alle molle e alla barra anti-rollio e gruppo trasmissione rivisto ed evoluto. Tali interventi hanno migliorato la stabilità e l'accelerazione, viene aumentata la potenza del motore, 550 CV, e migliorata l'erogazione, lo scatto da 0 a 100 km/h viene coperto in 2,7 secondi. La GT-R 2013 ha girato sul circuito del Nürburgring Nordschleife con il tempo di 7:19.10, le migliorie apportate alla vettura giapponese sono state fatte basandosi sui dati raccolti proprio sul Nürburgring, sia nel corso della 24 ore del 2012, gara in cui partecipavano 2 esemplari di preserie della GT-R model-year 2013.

Nismo GT-R[modifica | modifica sorgente]

Nel 2013 il preparatore Nismo ha realizzato una propria versione della Nissan GT-R. Il propulsore che la equipaggia è un 3.8 biturbo V6 da 600 cv e 652 Nm di coppia. Le sospensioni sono state realizzate in modo tale che il guidatore sia in grado di settarle su tre diverse impostazioni: Comfort, Normal e R (quest'ultima specifica per i circuiti). L'aerodinamica è stata migliorata con l'introduzione di un nuovo pacchetto aerodinamico che comprende elementi in carbonio come lo spoiler posteriore e i paraurti anteriore e posteriore allargati. Come pneumatici monta Dunlop 255/40 ZRF20 nella sezione anteriore e 285/35 ZRF2 nella sezione posteriore. Negli interni sono presenti un volante realizzato in alcantara e sedili sportivi Recaro in fibra di carbonio.[4]

Specifiche tecniche[modifica | modifica sorgente]

Specifiche della Nissan GT-R
Modello GT-R GT-R V-Spec GTR 2011
Configurazione del motore Motore V6 bi-turbo
Cilindrata 3.799 cm³
Potenza massima 480 CV @ 6.400 giri/min 550 CV @ 6400 giri/min
Coppia massima 588 Nm @ 3.200 giri/min 609 Nm @ 3.200-5.200 giri/min 632 Nm @ 3200 giri/min
Trazione Integrale
Cambio Sequenziale 6 marce
Peso 1740 kg 1680 kg 1740 kg
Freni Freno a disco Brembo forati e ventilati Freno a disco Brembo forati e ventilati in carbonceramica Impianto frentante Brembo a 4 dischi
0-100 km/h 3,5 secondi 3,5 secondi 2,8 secondi
Velocità massima 315 km/h 315 km/h 315 km/h
Accelerazione laterale
(61 m di skidpad)
Non dichiarata Non dichiarata Non dichiarata

La GT-R nelle competizioni[modifica | modifica sorgente]

Super GT[modifica | modifica sorgente]

Nismo GT-R per la stagione 2008 della Super GT

Una versione elaborata dalla Nismo della GTR ha sostituito la Nissan 350Z nel campionato Super GT in classe GT500 a partire dal 2008.[5]

Tale vettura, per esigenze del regolamento tecnico, dispone di un propulsore V8 di 4,5 litri di cilindrata aspirato denominato "VK45DE" al posto dell'originale motore V6 biturbo "VR38DETT" ed è dotata di cambio sequenziale a 6 marce.[6][7]

La vettura, prima di competere, è stata testata sul circuito di Suzuka e sul Fuji Speedway[8][9]. Sempre sul circuito di Suzuka le Nissan hanno vinto la gara di apertura della stagione 2008..[10]

A causa delle loro prestazioni superiori ai rivali, le Nissan GTR sono incorse in numerosi correttivi regolamentari che consistevano nell'aggiunta di peso alla vetture[11]. Nonostante ciò, le GTR di 4 diversi team hanno conquistato 8 gare su 9. Il campionato è stato vinto dalla GTR del team Xanavi Nismo pilotata da Satoshi Motoyama e Benoit Treluyer.

Nel 2009 sono state conquistate altre 4 vittorie. Nel 2010 il motore è stato sostituito con un 3,4 litri VRH34A.[12]

FIA GT-1[modifica | modifica sorgente]

Nissan GT-R GT1 appartenente al team Swiss Racing Team

Nel 2010 la Nissan ha annunciato la partecipazione al campionato FIA GT1 con 4 GT-R appositamente preparate dal proprio reparto sportivo NISMO. Tali vetture sono state affidate alla scuderia inglese Sumo Power GT e all'elvetica Swiss Racing Team.

Questa vettura di classe GT1 monta un propulsore V8 siglato "VK56DE" di 5.552 cm³, il quale eroga una potenza di 600 CV e una coppia di 650 Nm. La carrozzeria è stata modificata con l'aggiunta di nuove prese e sfoghi d'aria oltre che con un nuovo alettone posteriore ingrandito. Il cambio è a sei marce abbinato ad una frizione a triplo disco in carbonio, materiale con il quale sono realizzati anche i freni a disco a sei pisctoncini. Gli pneumatici montati sono della misura 13.0J X 18 e 31/71-18. In tutto, la vettura raggiunge il peso di 1.250 kg[13].

La Nissan GT-R nei media[modifica | modifica sorgente]

  • Nel giugno 2011 l'eurodeputato della Lega Nord Francesco Speroni ha dichiarato di aver toccato i 316 km/h a bordo di una Nissan GT-R su di un'autostrada tedesca. Il deputato, per dare prova della propria azione, ha poi pubblicato un video su YouTube.[14]
  • In ambito cinematografico, la Nissan GTR compare nei film Fast & Furious 5 e Fast & Furious 6, ed è l'auto guidata da Brian O'Conner nella gara con Dominic Toretto.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Prova su Quattroruote
  2. ^ (EN) Articolo di omniauto.it
  3. ^ Articolo di omniauto
  4. ^ Paolo Ianiro, Nissan GT-R Nismo, ufficiale! in SupercarTeam.it, 19 novembre 2013. URL consultato il 19 novembre 2013.
  5. ^ (JA) 「NISSAN GT-R」が SUPER GT に参戦, Nissan Motorsports.
  6. ^ Racecar Engineering 2010 Vol.20 No.8, p. 14-20.
  7. ^ Autocar - Meet the V8 Nissan GT-R
  8. ^ NAGTROC gallery - Super GT GT-R.
  9. ^ http://www.gtr-world.net/photogallery/racecars/gtr-production-race-car.html (Japanese) Google translation
  10. ^ Super GT 2008 Round 1 Suzuka Race Review.
  11. ^ Super GT 2008 Fuji Official Test.
  12. ^ NISSAN MOTORSPORTS | 2010 Press Release
  13. ^ Nissan GT-R GT1
  14. ^ "Speedy Gonzales" Speroni Oltre i 316 km/h e la decenza. URL consultato il 30 giugno 2011.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

automobili Portale Automobili: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di automobili