Nissan Cherry

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Nissan Cherry
Datsun Cherry First iteration Kent.jpg
Nissan Cherry prima serie
Descrizione generale
Costruttore Giappone  Nissan Motor Co.
Tipo principale Berlina
Altre versioni Station wagon
Coupé
Produzione dal 1970 al 1985
Sostituita da Nissan Sunny
Nissan Cherry 1200 X-1 102.JPG
Vista posteriore

La Datsun Cherry (チェリー), nota in seguito anche come Nissan Cherry, è stata una serie di piccole vetture Nissan Motor Co., che furono le prime trazione anteriore di linea prodotte dalla casa automobilistica giapponese.

Dalla Cherry (N12) è stata derivata la Arna, venduta sul mercato europeo, come Nissan Cherry Europa e in Giappone, come Nissan Pulsar Milano. Queste vetture avevano solo lievi differenze nelle griglie del radiatore, nello sterzo e nei tessuti.

Storia[modifica | modifica sorgente]

1ª Generazione E10 Series (1970-74)[modifica | modifica sorgente]

In Europa, la E10 è stata chiamata Datsun 100A (Datsun era il marchio utilizzato in luogo di quello Nissan per il mercato europeo a quel tempo) (con motore A10) o Datsun 120A (con motore A12 disponibile solo per la versione coupé). Si dice che in alcuni mercati è stato utilizzato anche il nome di Cherry Datsun 1000, pur tuttavia il nome Datsun 1000 viene normalmente associato con la Nissan Sunny.

Le versioni disponibili erano:

  • Datsun Cherry E10
  • Datsun 100A Cherry 2 porte 1972 chiamata anche Datsun 1000
  • Datsun 100A
  • Datsun 120A

Il periodo di produzione va dal 1970 al 1974, le carrozzerie disponibili erano di berlina a 2 e 4 porte, station wagon tre porte e coupé.

Cherry Coupé

La E10 era dotata di due tipi di motore quattro cilindri in linea:

  • 988 cm³ A10
  • 1171 CC A12

Nell'ottobre 1970 la E10 inizia le vendite in Giappone; inizialmente solo nelle versioni berlina 2 e 4 porte. Nello stesso anno viene esposta al 17 ° salone di Tokyo la concept car "270X" basata sulla Cherry.

Alla fine del mese di settembre 1971 viene aggiunta la versione coupé e nel marzo 1972 quella station wagon. In Giappone la Cherry viene anche utilizzata come vettura apri corsa nelle competizioni.

Nel 1973 viene presentata la Cherry Coupé 1200X R-1 e, nello stesso anno vengono introdotti alcuni aggiornamenti estetici a tutta la serie.

2ª generazione F10 Series (1974-78)[modifica | modifica sorgente]

Cherry F-II Coupé

La seconda generazione della Cherry era conosciuta come F-II in Giappone e come Datsun F10 in Nord America. Si è trattato della prima trazione anteriore Nissan venduta su tale mercato. Anche questa nuova versione manteneva le sospensioni a quattro ruote indipendenti.

L'F10 era dotata di tre tipi di motori quattro cilindri in linea:

  • 988 cm³ A10
  • 1171 CC A12
  • 1397 CC A14

Venne reso disponibile anche un cambio di tipo semi-automatico, chiamato "Sportmatic", che ha utilizzato un convertitore di coppia eliminando la necessità di una frizione.

In Europa l'F10 era conosciuto come Datsun F-100A II (con il motore A10) o F-120A II (con motore A12); quest'ultimo è stato il modello più diffuso.

In Nuova Zelanda le 100A berlina 4 porte (A10 motore 1.0L) hanno rappresentato il modello di minor cilindrata mai prodotto in quella nazione, inferiore con i suo 988 cm³ anche alla Mini equipaggiata da un 998 cm³.

La vendita della seconda serie è iniziata in Giappone nel Settembre 1974 ed è proseguita sino al Maggio 1978; in quella data è stata presentata la Pulsar che ha fatto cessare l'uso della denominazione Cherry sul mercato interno.

Nissan Pulsar generazione (N10)[modifica | modifica sorgente]

Cherry N10

Il modello N10 del 1978 era conosciuto come Pulsar in Giappone, ma è stato chiamato Cherry in Europa. La carrozzeria era molto squadrata, seguendo la moda del tempo al di fuori dell'Europa, similarmente ai modelli concorrenti come la Toyota Corolla e la Honda Civic del periodo. I propulsori rimasero gli stessi della versione precedente.

Per la sua particolare conformazione si era presupposta la possibilità di una versione a trazione posteriore destinata ai paesi emergenti ma non è mai entrata in produzione.

Le versioni disponibili erano nella classica conformazione berlina a 2 e 4 porte oltre che in quella hatchback a 3 e 5 porte, completate dalle versioni coupé, van e station wagon.

Nel 1981, oltre che essere sottoposta ad un lifting, la Cherry fu equipaggiata dalla nuova serie di propulsori della serie "E". In base alla politica aziendale, dal 1982 iniziò a sparire il marchio Datsun sostituito da quello Nissan.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

automobili Portale Automobili: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di automobili