Nisa (città)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Flag of UNESCO.svg Bene protetto dall'UNESCO Flag of UNESCO.svg
UNESCO World Heritage Site logo.svg Patrimonio dell'umanità
Fortezza parta di Nisa
(EN) Parthian Fortresses of Nisa
Nisa.jpg
Tipo Culturali
Criterio (ii) (iii)
Pericolo Non in pericolo
Riconosciuto dal 2007
Scheda UNESCO (EN) Scheda
(FR) Scheda

Nisa (talvolta chiamata Parthaunisa) era un'antica città, che fu capitale dell'impero dei Parti, nel territorio dell'odierno Turkmenistan. Le sue rovine si trovano 10 km a ovest della capitale turkmena Ashgabat sull'altopiano in cima ad una collina.

Nisa fu fondata dai Parti come capitale del loro impero oltre 2300 anni fa. Venne rinominata Mithrdātkirt ("fortezza di Mitridate") dal sovrano Mitridate I[1]. Nel corso del tempo divenne una città florida con un palazzo reale protetto da 43 torri, diversi templi e una vivace attività commerciale.

Sono state qui rinvenute circa duemila ostraca, cocci iscritti con annotazioni riguardanti le forniture al palazzo. Inoltre, il ritrovamento di statue di marmo e di terracotta e manufatti d'avorio di produzione greca, confermano l'interesse dei sovrani partici per la cultura ellenistica del tempo, tanto da definirsi "filelleni"[1].

Nel XII secolo fu assediata dai Mongoli che in pochi giorni la conquistarono e rasero al suolo. Tutti gli oggetti rinvenuti sono esposti al Museo della storia nazionale di Ashgabat.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b Josef Wiesehöfer, La dinastia degli Arsacidi in La Persia Antica, Bologna, Il Mulino, 2003.
patrimoni dell'umanità Portale Patrimoni dell'umanità: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di patrimoni dell'umanità