Nino La Rocca

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nino La Rocca
Nino la Rocca -wfg-.jpg
Dati biografici
Nazionalità Italia Italia
Pugilato Boxing pictogram.svg
Dati agonistici
Categoria pesi welters
Carriera
Incontri disputati
Totali 80
Vinti (KO) 74 (54)
Persi (KO) 6
Palmarès
1989 Titolo Europeo EBU welters
 
« La boxe per me è tutto. Mi ha salvato dalla povertà, mi ha salvato dal dover diventare un delinquente. »
(Nino La Rocca)

Nino La Rocca, vero nome Cheid Tijani Sidibe (Port-Étienne, 5 aprile 1959), è un ex pugile italiano attivo negli anni ottanta, categoria Pesi Welter.

Nato da padre del Mali (Moussa Sidibe, paracadutista dell'Esercito Coloniale Francese) e madre siciliana (Nunzia La Rocca, nata a Resuttano) a Port-Étienne nell'Africa Occidentale Francese, odierna Nouadhibou in Mauritania, ottenne la nazionalità italiana nel 1983, nel corso della carriera. Gli americani (presso cui è d'uso la grafia Nino LaRocca) gli attribuirono il soprannome "The Italian Ali".

La carriera sportiva[modifica | modifica sorgente]

Portò sul ring una boxe innovativa e rivoluzionaria. I suoi match erano spettacolari e divertenti, con frequenti trovate e numeri tuttora inimitati. L'avversario di turno si ritrovava a fare da bersaglio e veniva surclassato, prima di subire il quasi inevitabile k.o. Colpi improvvisi e pugni che partivano dalla mano diversa da quella che sembrava preparare il colpo, sorprendevano l'avversario cogliendolo impreparato e risultando, perciò, di straordinaria efficacia. Tutto ciò si univa a straordinarie doti di mobilità e rapidità.[1]

Nino La Rocca, sotto la guida del suo manager Rocco Agostino, dopo essersi costruito un record immacolato (oltre 50 vittorie, quasi tutte per k.o., k.o.t. o ritiro dell'avversario; nessuna sconfitta fino a quel momento), subì la sua prima battuta d'arresto in circostanze del tutto fortuite e molto sfortunate, in occasione del suo primo attacco al titolo Europeo di categoria, che doveva essere, nelle aspettative, una pura formalità contro il tutt'altro che irresistibile pugile francese Gilles Elbilia. Quest'ultimo, invece, nell'incontro che si disputò il 18 febbraio 1984, conservò il titolo: una sua testata causò a La Rocca una ferita che lo costrinse all'abbandono del match e che fu suturata con venti punti.

Però, i limiti di Nino La Rocca lo hanno penalizzato in modo determinante: infatti, nonostante le straordinarie doti di mobilità e di velocità che possedeva, la sua scarsa potenza gli impedì di eccellere ai più alti livelli. Dopo aver ben impressionato anche nell'incontro considerato di qualificazione per l'assalto al titolo mondiale, battendo il più temibile fra gli avversari fino a quel momento incontrati, lo statunitense dell'Ohio Bobby Joe Young, i sogni di Nino La Rocca si infransero contro i pesantissimi pugni del texano Donald Curry, soprannominato il "Cobra", a Montecarlo il 22 settembre 1984, nel lungamente agognato e meticolosamente preparato assalto alla Corona Mondiale dei Pesi Welter W.B.A.-I.B.F.: al 6º round l'italiano è al tappeto.

Successivamente, Nino La Rocca riuscì, finalmente, a conquistare il Titolo Europeo di categoria, battendo ai punti il britannico Kirkland Laing, e lo detenne dal 15 aprile al 30 dicembre 1989, quando si arrese, sempre ai punti, al francese Antoine Fernandez.

La carriera di Nino La Rocca si chiuse dopo 80 incontri, con 74 vittorie (54 per k.o.) e 6 sconfitte.

Cinque anni dopo il ritiro, il trentaseienne La Rocca tentò il ritorno sul ring. Per aggirare la legge italiana che vieta la pratica della boxe professionistica a chi ha superato i 35 anni, si iscrisse alla federazione francese, che consente di combattere fino a 40 anni. Il 4 marzo 1995, a Saint-Quentin (Francia), avrebbe dovuto affrontare l'ex campione francese ed ex sfidante al titolo europeo Pascal Lustenberg, ma all'ultimo momento gli venne negato il nullaosta.

Si stima che, tra "borse" e sponsorizzazioni, Nino La Rocca abbia guadagnato circa un miliardo di lire. Più sotto è riportato l'elenco completo (il record) dei suoi incontri da professionista.

Le vicende extra-sportive[modifica | modifica sorgente]

Nino La Rocca in un passaggio televisivo del febbraio 2004.


L'acquisizione della nazionalità italiana per Nino La Rocca passò attraverso ostacoli e lentezze burocratiche, risolti infine anche grazie all'interessamento dell'allora Presidente della Repubblica Italiana, Sandro Pertini.

È stato sposato con la pornoattrice Manuela Falorni, la quale, dopo una lunga battaglia giudiziaria con l'ex marito, ottenne nel 1995 l'affidamento di Antonio, il figlio da lui avuto nel 1986.

La Rocca balzò di nuovo agli onori della cronaca nel luglio 1998 per essersi incatenato davanti a Palazzo Chigi in segno di protesta, e con lo scopo di ottenere l'interessamento delle autorità, affinché gli fosse consentito di riprendere a boxare. Nel dicembre 1999 si incatenò davanti al Quirinale, dopo essere stato bocciato all'esame per diventare maestro di boxe, e chiedendo un lavoro nel settore.

Appoggiando una mozione già avanzata da tanti altri campioni sportivi e olimpionici italiani, Nino La Rocca invoca una pensione per chi ha dato lustro alla bandiera tricolore. Una proposta di legge in tal senso è da anni in corso di discussione in Parlamento.

Nino La Rocca oggi vive nei pressi di Roma.

Il record completo da professionista[modifica | modifica sorgente]

1978
1 14 settembre Parigi, Francia Jean-Paul Coppyn (Francia) + kot 1
2 30 dicembre Bamako, Mali Moussa Dambia + ko 3
1979
3 26 marzo Parigi, Francia Claude Lancastre (Francia) + kot 6
4 5 maggio Bamako, Mali Tidjani Assis + ko 1
5 14 novembre Gualdo Giuseppe Minotti (Italia) + rit 3
1980
6 24 gennaio Genova Sammy Ruckard (Rookard) (South Carolina, USA) + ko 3
7 6 febbraio Falconara Marittima Sinclair Christie (Inghilterra, Regno Unito) + pt 8
8 29 febbraio Roma Don Morgan (Tennessee, USA) + ko 4
9 28 marzo Roma Kachama Musasa (Italia) + pt 8
10 11 aprile Napoli Robert Gambini (Francia) + kot 2
11 2 maggio Roma Floyd Pearson (Illinois, USA) + kot 2
12 30 maggio Roma Larry McCall (Ohio, USA) + kot 5
13 21 giugno Bamako, Mali Johnny Davis + ko 2
14 27 giugno Palermo Nelson Gomes (Gomez) (Brasile) + ko 5
15 9 luglio Bellaria-Igea Marina (RN) Tony Martey + ko 6
16 24 luglio Pietra Ligure (SV) Billy Waith + kot 3
17 20 agosto Cerveteri (RM) Claudio Pereyra (Italia) + kot 7
18 30 agosto Bamako, Mali Benedicto dos Santos + rit 4
19 31 ottobre Roma Ralph Twinning + kot 5
20 4 dicembre Roma Santiago Valdez + rit 5
21 19 dicembre Latina Frank Medina + rit 6
1981
22 26 gennaio Roma Tyrone Wren + kot 2
23 20 febbraio Napoli Francisco Gomez Landero (Spagna) + ko 4
24 6 marzo Milano Yvon Segor (Francia) + kot 4
25 23 marzo Roma Vincenzo Ungaro (Italia) + rit 2
26 23 aprile Milano George Walker + ko 2
27 9 maggio Cremona Claudio Pereyra (Italia) + pt 8
28 23 maggio San Remo (Teatro Ariston) (IM) Fred Coranson (Francia) + kot 4
29 4 giugno New York (Felt Forum), N.Y., USA Milton (Pete) Seward (USA) + pt 8
30 31 luglio Velletri (RM) Curtis Taylor (USA) + kot 8
31 14 agosto Ischia (NA) Claudio Pereyra (Italia) + kot 3
32 22 ottobre Torino Michael (Mike) Senegal + pt 8
33 13 novembre Roma Pat Thomas + kot 4
34 26 novembre Torino Clauzelle Beaver Longmire + ko 1
35 11 dicembre Milano Jimmy Heair + kot 1
36 26 dicembre Bologna Michael (Mike) Herron + rit 6
1982
37 5 febbraio Bologna Darryl Penn (USA) + rit 6
38 2 aprile Milano Inocencio Mao de La Rosa (Repubblica Dominicana) + ko 6
39 29 maggio Milano Clement Tshinza + pt 10
40 18 giugno Napoli Homer Jackson + ko 1
41 1º agosto Massa Marittima (GR) Steve Gregory (USA) + kot 3
42 22 agosto Praia a Mare (CS) Wa Lomani Wa + ko 2
43 5 settembre Marsala (TP) Tim Harris + pt 10
44 30 ottobre Sanremo (Teatro Ariston) (IM) Curtis Ramsey (USA) + pt 8
45 22 dicembre Saint-Vincent (AO) Danny Paul + pt 10
1983
46 6 febbraio Saint-Vincent (AO) Jose Hernandez + ko 1
47 10 aprile Sanremo (IM) Bobby Joe Young (Ohio, USA) + kot 8
48 24 aprile Sanremo (IM) Robert Sawyer + ko 5
49 22 maggio Loano (SV) Marvin Jenkins (USA) + ko 3
50 3 luglio Acciaroli (SA) Sabiyala Diavilla + pt 8
51 24 luglio Roma Pete Ranzany + pt 10
52 15 settembre New York (Madison Square Garden), N.Y., USA Jerry Cheatham + pt 10
53 8 ottobre Saint-Vincent (AO) Manning Galloway + pt 8
54 30 ottobre Sanremo (IM) Harold Volbrecht (Sudafrica) + pt 10
55 29 dicembre Capo d'Orlando (ME) Jack (Jake) Torrance + ko 1
1984
56 28 gennaio Marsala (TP) Tim Harris (USA) + fer 5
57 18 febbraio Capo d'Orlando (ME) Gilles Elbilia (Francia) – fer 6 Sfida al Titolo Europeo (EBU) Pesi Welter
58 30 marzo Las Vegas (Riviera Hotel), Nevada, USA Felipe Canela (USA) + du 10
59 14 luglio Fontvielle (Stade Louis II), Monaco Juan Elizondo + ko 1
60 22 settembre Fontvielle (Chapiteau de Fontvieille), Monaco Donald Curry (Texas, USA) – ko 6 Sfida al Titolo Mondiale W.B.A./I.B.F. Pesi Welter
1985
61 28 febbraio San Marino città, San Marino Jerome Kinney – kot 3
1986
62 27 giugno Modena Rene Jacquot – sq 4
63 10 agosto Giardini-Naxos (ME) Lomani Musungu + pt 8
1987
64 28 marzo Lido di Camaiore (Palazzo dello Sport) (LU) Michael (Mike) Peoples + pt 8
65 10 aprile Latina Inino Wa Bolamba + pt 8
66 6 maggio Lucca Mike Castronova + kot 2
67 23 ottobre Livorno (Palazzo dello Sport) Cherif Boubekeur + fer 4
68 2 dicembre San Giuseppe Vesuviano (NA) Abdel Arik + ko 1
69 19 dicembre Capo d'Orlando (Palazzo dello Sport) (ME) Brahim Messaoudi + ko 3
1988
70 13 aprile Busalla (GE) Hassen Maghraoui + kot 3
71 1º giugno Campione d'Italia (CO) Judas Clottey + ko 6
72 30 luglio Livorno David Taylor + pt 10
73 27 agosto Castagneto Carducci (LI) Isaias Montero da Silva + fer 3
74 2 novembre Fuscaldo (CS) Ken Foreman + kot 5
75 15 novembre San Pellegrino (TBC) Martin Quiroz (Messico) + ko 4
1989
76 21 gennaio Vasto (Palazzo dello Sport) (CH) Angel Hernandez + rit 7
77 15 aprile Vasto (Palazzo dello Sport) (CH) Kirkland Laing (Nottingham, Inghilterra, Regno Unito) + du 12 Titolo Europeo (EBU) Pesi Welter (vacante)
78 13 agosto San Mango Piemonte (SA) Alfredo (Freddy) Costas + kot 2 Difesa del Titolo Europeo (EBU) Pesi Welter
79 30 dicembre Amiens, Francia Antoine Fernandez (Francia) – du 12 Difesa del Titolo Europeo (EBU) Pesi Welter
1990
80 8 aprile Casella (GE) Luis Gabriel Garcia – sq 8 Titolo Internazionale W.B.C. Pesi Welter


Legenda
+ incontro vinto
incontro perso
ko knock-out
kot k.o. tecnico
pt ai punti
du decisione unanime
fer ferita
rit ritiro
sq squalifica

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Intervista a Nino La Rocca. Ex pugile, stampacritica.it.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]